Rostagno, 2mila km per seguire il processo La pista mafiosa legata ad una perizia

Sono passati due anni e quattro mesi da quando è iniziato a Trapani il processo per l’omicidio del giornalista e sociologo Mauro Rostagno, ucciso il 26 settembre del 1988 a Lenzi di Valderice. La prima udienza si è celebrata il 2 febbraio del 2011, a un pelo dalla prescrizione definitiva. Oggi a seguire il procedimento, che vede imputati i mafiosi Vito Mazzara, accusato di essere uno dei killer, e Vincenzo Virga, capomafia della zona, sono solo tre giornalisti: Rino Giacolone, Marco Rizzo e Federica Tourn. I primi due siciliani, di Trapani. La terza, 42 anni, freelance di Torino, che appena può, prende un aereo e scende nell’Isola, anche se quasi nessun giornale riesce a trovare spazio per i suoi articoli sul processo. «Ma prima o poi si arriverà ad una sentenza e più cose si sanno meglio è», sottolinea Tourn. «E’ una storia che mi sta a cuore, ma non so spiegare esattamente perché – continua – Rostagno è un personaggio particolare per chi fa il mesterie del giornalista. La sua vicenda mi appassione da quando avevo 20 anni. Circa un anno e mezzo fa, ho intervistato la figlia Maddalena a Torino, è stato un incontro forte e da quel momento quando posso vengo a seguire le udienze. Niente di eccezionale – minimizza – faccio quello che fanno tanti freelance».

La prossima, il 17 luglio, l’ultima prima della pausa estiva, sarà la numero 55. «Non credo che si arriverà ad una sentenza prima della fine del 2013», ammette la cronista. Per anni le indagini sulla morte di Rostagno hanno subito depistaggi: la Procura e i carabinieri di Trapani hanno seguito piste lontane, legate alla comunità Saman e a Lotta Continua. «Mentre quella giusta che portava a Cosa Nostra, che nei giorni immediatamente successivi all’omicidio la polizia aveva cominciato a sondare, fu messa subito da parte», ricorda Tourn. Solo quando le indagini sono passate sotto la direzione distrettuale antimafia di Palermo, le cose sono cambiate. Ed è per merito della squadra mobile di Trapani, allora guidata da Giuseppe Linares, oggi capo della divisione anticrimine, che il processo fu riaperto. Grazie in particolare alla prova balistica che indicava nei proiettili usati per uccidere Rostagno una forte somiglianza con quelli ritrovati nelle scene di altri delitti della mafia trapanese, in cui è coinvolto l’imputato Vito Mazzara.

«Dopo aver sentito tutti i testi, il tribunale ha chiesto una perizia su questa prova determinante – spiega Tourn – ma il risultato è stato un sostanziale pareggio: i periti non hanno escluso che i proiettili abbiano la stessa origine, ma non lo hanno neanche affermato con certezza. A questo è seguita una controperizia chiesta dalla famiglia, parte civile, che ha invece avvalorato la tesi della squadra mobile, dimostrando inoltre che quei proiettili non sono stati comprati, ma provengono dalla criminalità organizzata». Ad allungare i tempi ha contribuito anche l’elevato numero di testi chiamati a deporre dai legali degli imputati. «L’obiettivo è fare confusione, mischiare le carte, arrivare alla conclusione che ci sono troppi elementi, troppe piste, per individuare con certezza solo quella mafiosa», sottolinea la giornalista torinese. Ma alcuni membri della comunità Saman, sentiti già 25 anni fa, hanno lasciato intendere che le loro vecchie testimonianze, che avevano contribuito a sviare le indagini, erano state un po’ guidate, frutto di pressioni esterne.

La strada per arrivare ad una verità giudiziaria è ancora lunga e tortuosa. Resta l’insegnamento di Mauro Rostagno, diventato giornalista quasi per caso, una volta giunto a Trapani. «In due anni, dal 1986 al 1988, fece quello che tanti cronisti non riescono a fare in una vita – sottolinea Tourn – ha svolto un lavoro di indagine unico, con lucidità e precisione, sui rapporti tra mafia e massoneria. Aveva intuito prima di tutti che il vertice di Cosa Nostra trapanese era cambiato. Ma soprattutto, sapeva trasformare questi fatti in notizie accessibili a tutti, con parole semplici. Perché, come ogni vero giornalista, non lavorarava per i suoi editori, ma per la gente che aveva imparato a guardarlo ed ascoltarlo».

[Foto del gruppo Processo per l’omicidio di Mauro Rostagno]


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Federica Tourn, 42 anni, è una dei tre giornalisti che continuano a seguire il processo sull'omicidio del giornalista e sociologo. Appena può, prende un aereo da Torino, dove vive, per raggungere l'aula bunker di Trapani. «Niente di eccezionale - minimizza - sono freelance, ma ho deciso di esserci dopo aver incontrato la figlia Maddalena». Il 17 luglio si svolgerà l'udienza numero 55. Sentiti tutti i testi, si discute adesso della perizia sui proiettili ritrovati sul luogo del delitto. La chiave di volta che confermerebbe la pista mafiosa

Federica Tourn, 42 anni, è una dei tre giornalisti che continuano a seguire il processo sull'omicidio del giornalista e sociologo. Appena può, prende un aereo da Torino, dove vive, per raggungere l'aula bunker di Trapani. «Niente di eccezionale - minimizza - sono freelance, ma ho deciso di esserci dopo aver incontrato la figlia Maddalena». Il 17 luglio si svolgerà l'udienza numero 55. Sentiti tutti i testi, si discute adesso della perizia sui proiettili ritrovati sul luogo del delitto. La chiave di volta che confermerebbe la pista mafiosa

Federica Tourn, 42 anni, è una dei tre giornalisti che continuano a seguire il processo sull'omicidio del giornalista e sociologo. Appena può, prende un aereo da Torino, dove vive, per raggungere l'aula bunker di Trapani. «Niente di eccezionale - minimizza - sono freelance, ma ho deciso di esserci dopo aver incontrato la figlia Maddalena». Il 17 luglio si svolgerà l'udienza numero 55. Sentiti tutti i testi, si discute adesso della perizia sui proiettili ritrovati sul luogo del delitto. La chiave di volta che confermerebbe la pista mafiosa

Federica Tourn, 42 anni, è una dei tre giornalisti che continuano a seguire il processo sull'omicidio del giornalista e sociologo. Appena può, prende un aereo da Torino, dove vive, per raggungere l'aula bunker di Trapani. «Niente di eccezionale - minimizza - sono freelance, ma ho deciso di esserci dopo aver incontrato la figlia Maddalena». Il 17 luglio si svolgerà l'udienza numero 55. Sentiti tutti i testi, si discute adesso della perizia sui proiettili ritrovati sul luogo del delitto. La chiave di volta che confermerebbe la pista mafiosa

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]