Riscossione Sicilia, file e servizi online inefficienti «Sembra di stare in una salumeria con le offerte»

Code chilometriche davanti agli uffici e servizi online inefficienti. Sono questi i disagi che affrontano da una settimana i cittadini che vogliono conoscere la propria situazione debitoria nei confronti di Riscossione Sicilia o gli avvocati che devono fare la medesima trafila per i propri clienti. Con l’obiettivo di riuscire a rottamare le cartelle esattoriali, ovvero di pagare i propri debiti senza sanzioni, interessi e more. Il termine ultimo per mettersi in regola col Fisco siciliano è il prossimo 31 marzo, nonostante il governo Gentiloni abbia annunciato la volontà di prorogare la scadenza fino al 21 aprile. Un’intenzione che, se confermata, potrebbe dare respiro a privati cittadini e professionisti che, ogni giorno, sono costretti a lunghe file davanti alla sede della Provincia, in via Luigi Rizzo. «È l’ufficio pubblico di un ente che lavora per noi eppure sembra di trovarsi in salumeria quando ci sono le offerte senza avere l’opportunità di fare tutto comodamente dal computer, nel 2017», racconta un legale.

«Prima di potere rottamare una cartella, così come si legge sul sito, è necessario registrarsi per conoscere la propria situazione debitoria», racconta un avvocato che segue la pratica per un cliente. «Ho quindi cominciato l’iter che termina con l’invio di un codice pin su posta certificata, indispensabile per proseguire. Non l’ho ancora ricevuto – continua il professionista – e sono già trascorse tre settimane». Una situazione in cui, stando alla testimonianza del professionista, si sono trovati altri colleghi, perlopiù tributaristi. Così, «per evitare di fare scadere i termini per la rottamazione delle cartelle esattoriali, sono andato a Riscossione Sicilia e, con mio grande stupore, ho scoperto che il tasto avvocati del totem non funziona e bisogna fare un’unica fila», racconta. 

«Una sola coda, quindi, per coloro che devono solo chiedere informazioni, quelli che devono presentare un’istanza e i legali. E, inoltre, questi ultimi non possono presentare più di cinque istanze», precisa il professionista. «Il primo numero viene iscritto alle 8.20. Un dipendente ne prende nota in un foglio bianco, ti dà il tuo ticket e poi ti chiama, urlando, come quando in salumeria c’è un sacco di gente. Molte persone a un certo punto si scoraggiano e se ne vanno – spiega l’avvocato – In quel momento tutti tirano un sospiro di sollievo pensando che forse, entro la giornata, potranno fare tutto». 

I disagi, però, non riguardano solo la procedura online. «Ogni mattina fuori dalla sede ci sono centinaia di persone in tenuta da accampamento: banchetti, sedie apri e chiudi e pranzo a sacco», racconta un cittadino. «Le liti e i momenti di tensione non mancano. Una donna mi ha riferito che ha cominciato a fare la fila alle quattro del mattino, e non era nemmeno la prima in lista», continua l’uomo. Gli uffici di Riscossione Sicilia sono aperti dal lunedì al giovedì, dalle ore 8.20 alle 13 e per un’ora nel pomeriggio, dalle 14.45 alle 15.45, mentre il venerdì solo dalle 8.20 alle 12.30. «Considerata la calca, perché non prolungano gli orari di apertura al pubblico? Anche perché – lamenta il residente – a questa sede si rivolgono i cittadini di tutta la provincia di Catania». La richiesta dell’uomo, dunque, è quella di «aprire delle sedi distaccate anche solo nelle altre città più popolose della provincia». «Così si crea una situazione invivibile», attacca. Il problema, per molti, è quello di non riuscire a completare la procedura online, evitando di recarsi fisicamente negli uffici di via Luigi Rizzo. «Alcune persone si fanno dare il cambio da amici e parenti anche solo per andare in bagno in un bar o per prendere un caffè. Non è affatto normale», conclude il cittadino. 

L’amministrazione comunale di Catania, nel frattempo, ha calendarizzato la seduta del Consiglio in cui si discuterà della delibera sul nuovo servizio di esternalizzazione di riscossione dei tributi. Il prossimo 21 marzo, infatti, l’atto – primo punto all’ordine del giorno di una seduta che si annuncia infuocata – sarà portato al vaglio del senato cittadino. La delibera è in sospeso da mesi per via di una serie di emendamenti da inserire nel testo che ne hanno rallentato l’iter e, proprio per questa ragione, l’ultima ditta che in passato si è aggiudicata il servizio, Municipia, si occuperà anche degli attuali tributi. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]