foto IStock

Riciclaggio, Sicilia tra le regioni in cui si usa di più il contante. Anomalie nelle province di Messina e Siracusa

Cresce il valore delle operazioni finanziarie effettuate in contanti e sono sempre di più le province a rischio. Tra queste c’è da evidenziare un alert di livello medio-alto per i territori di Messina e Siracusa. Sono soltanto alcuni degli spunti contenuti nell’ultimo rapporto annuale dell’Unità di informazione finanziaria di Banca d’Italia per il 2023, pubblicato nei giorni scorsi. A livello nazionale il valore complessivo delle operazioni finanziarie in contanti ammonta a 179,5 miliardi di euro con un aumento del 3,5 per cento rispetto al 2022. I prelievi – che si attestano a 9,3 miliardi di euro – sono aumentati del 10,7 per cento, mentre i versamenti raggiungono i 170,1 miliardi di euro.

Un capitolo specifico del rapporto è quello dedicato alle anomalie nell’uso dei contanti. Il ricorso alle banconote è più marcato al Sud, in particolare tra Calabria, Sardegna, Puglia e Sicilia. Ma se c’è una quota di operatività di questi soldi che viene considerata fisiologica, in quanto collegata all’utilizzo di altri strumenti di pagamento e all’offerta di servizi finanziari, esiste un’altra parte che deve essere isolata, perché considerata potenzialmente anomala e sintomatica di condotte illecite. Da questa differenza nel rapporto viene stilato il quadro di rischio a livello provinciale.

In questo modo si scopre che anche nel 2023 gli utilizzi anomali di contante risultano più marcati nelle province del Centro-Nord, in particolare nelle aree di Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. Rispetto al rapporto precedente il rischio riciclaggio di denaro emerge nelle province di Asti, Cremona, Grosseto, Pistoia e Pisa. In Sicilia, invece, in quasi tutte le province viene indicato un rischio anomalie di livello medio-basso, uniche eccezioni le province di Siracusa e Messina, nelle quali l’alert cresce fino a raggiungere una soglia di pericolo medio-alto. Nel mondo del riciclaggio un ruolo fondamentale è quello assunto dalle imprese filtro, che si antepongono a quelle cartiere, rendendo più complicata l’individuazione delle frodi. Nelle segnalazioni relative agli illeciti, però, molto spesso è presente – proprio come figura centrale – l’impresa cartiera.

Ossia una sorta di scatola vuota, dalla durata in vita relativamente breve, che serve per effettuare operazioni economiche e per emettere fatture per operazioni inesistenti, lavare il denaro, assicurando così ad altre aziende l’ottenimento di indebiti vantaggi nei propri conti correnti con soldi perfettamente ripuliti. Diverse inchieste degli uffici giudiziari hanno dimostrato l’esistenza di rodati meccanismi di questo genere in Sicilia. Soltanto a fine 2023 la Guardia di finanzi scoprì, a Palermo, un sistema basato sull’emissione di fatture false per effettuare operazioni inesistenti sul pellet. Un anno prima, nel 2022, sempre i militari della guardia di finanza scoprirono l’esistenza di un gruppo di persone, specializzate nel frodare il fisco con l’ennesima truffa carosello.

Negli anni la soglia all’utilizzo dei contanti è cambiata più volte e, secondo le previsioni, sarebbe dovuta scendere a 1.000 euro, ma l’arrivo del governo di Giorgia Meloni – alla fine del 2022 – ha determinato un cambio di rotta. Con il limite per i pagamenti in contanti che rimane fissato a 5.000 euro, come già avvenuto nel 2010. Limite che, invece, aveva toccato anche i 12mila e 500 euro dal 2002 al 2010.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Cresce il valore delle operazioni finanziarie effettuate in contanti e sono sempre di più le province a rischio. Tra queste c’è da evidenziare un alert di livello medio-alto per i territori di Messina e Siracusa. Sono soltanto alcuni degli spunti contenuti nell’ultimo rapporto annuale dell’Unità di informazione finanziaria di Banca d’Italia per il 2023, pubblicato […]

Cresce il valore delle operazioni finanziarie effettuate in contanti e sono sempre di più le province a rischio. Tra queste c’è da evidenziare un alert di livello medio-alto per i territori di Messina e Siracusa. Sono soltanto alcuni degli spunti contenuti nell’ultimo rapporto annuale dell’Unità di informazione finanziaria di Banca d’Italia per il 2023, pubblicato […]

Cresce il valore delle operazioni finanziarie effettuate in contanti e sono sempre di più le province a rischio. Tra queste c’è da evidenziare un alert di livello medio-alto per i territori di Messina e Siracusa. Sono soltanto alcuni degli spunti contenuti nell’ultimo rapporto annuale dell’Unità di informazione finanziaria di Banca d’Italia per il 2023, pubblicato […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]