Racconto di un Erasmus in cerca di avventure: il linguaggio e l’intolleranza

Alla stazione di Coventry, passando in fretta e furia per prendere il treno, mi sono imbattuta in un manifesto pubblicitario: “No Tolerance” a carattere cubitale “for any offences in our trains” o qualcosa di simile.

La scritta “No Tolerance” ha catturato la mia attenzione, e dire che sono passata da là più volte, e tutte le volte “No Tolerance” mi si piazza davanti agli occhi, in modo disturbante, inquietante quasi invadente. Poi subentra la riflessione o meglio la scritta meno evidenziata “for any offences” o quello che è, e allora mi riprendo. Tutto normale, perché essere tolleranti verso il linguaggio offensivo?

 

Se poi guardo gli altri cartelloni pubblicitari, a parte che non ci sono muri devastati neanche da manifesti funebri, quei cartelloni non hanno nessuna donna nuda, o semi svestita che pubblicizza l’acqua (d’altronde è insapore), la macchina, il cellulare o qualunque altra cosa.

Bella storia, penso.

La donna non è oggetto di pubblicità, non è oggetto per vendere ora questo ora quello, non è insomma uno strumento, è persona. Ha dignità.

 

Non avendo la possibilità di guardare la BBC in quanto non ho né i soldi, né lo spazio in valigia per mettere un televisorino e comprare una licenza, lascio perdere la TV e mi soffermo sui giornali.

Certo, c’è il Sun, The London Paper, The Lite (questi ultimi due sono diffusi gratuitamente nella metro di Londra) che non sono né il Times, né il The Guardian, e che per compensare la politically correctness di quest’ultimi, si dilettano nel gossip compulsivo.

Però è anche vero che non sono rappresentanti di una nazione, cosa che invece La Repubblica e Il Corriere della Sera sono, o dovrebbero essere, nei confronti dell’Italia.

Se infatti si considera la quantità di gossip che l’informazione nazionale italiana riporta, per giunta in posizione di evidenza, quasi a sottolinearne l’importanza o comunque ad invogliarne la lettura, si sospetterebbe sulla serietà di questi giornali nazionali.

E dire che la BBC, poco tempo fa, si chiedeva se era il caso di trasmettere le parolacce dette durante un concerto o se, per correttezza, dovrebbe eclissarle sottoforma di bip. E’ la rete nazionale d’altronde e poco importa se i film sono pieni di turpiloqui.  La BBC è la BBC.

 

Qui insomma prestano attenzione al linguaggio.

A lezione ad esempio lo scorso trimestre, è entrato un docente che ha predicato una maggiore attenzione nell’uso del linguaggio su Facebook, una specie di blog su cui si possono caricare immagini e si può scrivere liberamente. Mi sono chiesta se fosse successo qualcosa, offese, scandali, proteste. No, nulla di tutto ciò. Solo un reminder che la lingua conta e le offese anche se involontarie fanno male e cosa peggiore, non ce ne rendiamo conto dando tutto per scontato. E sarebbe anche l’ora di ricordarselo. Una predica preventiva insomma.

 

Caprarica nel suo libro “Dio ci salvi dagli inglesi” lamenta una certa ossessione verso il politically correct language specie quando agli auguri di Natale vengono sostituiti i “seasonal greetings” più generici e che non contemplano la prevalenza del Natale sulle altre religioni.

Eppure a parte la singola questione, discutibile, in effetti il linguaggio sia esso immagine o parola conta. E va pesato. E la gente che ha un ruolo pubblico sta attenta a come parla. Si pensino ad esempio le infelici espressioni dei polticanti di turno italiani o ancora l’insensata definizione che Riotta ha dato a Sabina Guzzanti come risposta alle sue critiche durante il V-day circa la serietà dell’informazione: “le critiche della soubrette”, dove “soubrette” è un’offesa che denota qualcosa in più, quel qualcosa difficilmente adattabile ad un uomo.

 

Sta di fatto che Sun a parte, o gente che va vestita secondo il proprio gusto anche qui in Inghilterra ovviamente, l’immagine della donna nella pubblicità non è sfruttata come in Italia.

E dire che l’Italia ha sempre vantato una forbita tradizione linguistica, per una volta dovrebbe fare autocritica e accettare una lezione dagli ex “barbari” proprio sull’uso del linguaggio.

No tolerance for offences? Mi pare che sia arrivato il caso di considerare il linguaggio offensivo una volta per tutte come inammissibile, sia esso parola o immagine pubblicitaria che sfrutta il corpo femminile per puro business.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]