Porto Messina, accordo tra Comune e Autorità  Accorinti: «Zona falcata dedicata alla cultura»

Dalle parole ai fatti. Tre giorni dopo il sopralluogo nella zona falcata, Autorità portuale, Comune e Regione hanno siglato il patto per la Falce che consentirà la definitiva riqualificazione dell’intera area portuale. A dettare le linee guida dei futuri lavori di bonifica sarà il nuovo piano regolatore del porto che è in attesa di approvazione. Quella di ieri può diventare una firma storica, anche perché si è messa fine a una querelle che andava avanti da anni e riguardava la titolarità delle aree della zona falcata. Palazzo Zanca ha deciso di rinunciare allo storico contenzioso con l’Autorità portuale e a concludere l’iter entro 90 giorni. Di contro l’authority non intraprenderà azioni di rivalsa. L’accordo prevede una durata di tre anni e alla scadenza potrà essere rinnovato.

I due enti hanno fissato il cronoprogramma: dieci giorni per definire i parametri urbanistici del Pio, il piano di inquadramento operativo della zona falcata,  entro 45 giorni l’Autorità dovrà sottoporre all’assessorato Territorio, il rapporto ambientale. Altre due settimane per formalizzazione la rinuncia dei contenziosi da parte del Comune. L’assessorato, esaurita la fase di consultazione, dovrà svolgere entro 30 giorni, in collaborazione con l’Autorità portuale, le attività preliminari a predisporre il proprio parere.

«L’impegno di tutti gli enti coinvolti a una rapida approvazione del piano regolatore portuale, bloccato dal 2007 – ha dichiarato il sindaco – va di pari passo con una drastica riduzione delle cubature massime nella zona falcata, che verrà destinata davvero alla pubblica fruizione, in linea con la destinazione paesaggistica che darà il giusto risalto alle straordinarie bellezze architettoniche e naturali di tutta l’area. Immagino una zona falcata in cui ogni cittadino possa godere liberamente del mare e della straordinaria offerta culturale proveniente dalla cittadella e dalle sue risorse». Niente porticcioli turistici con torri alte 50 metri quindi, ma spazio alla cultura. «Non escludo che si possa realizzare in futuro anche un porticciolo, ma non come era stato prospettato nello studio di fattibilità commissionato dall’Autorità Portuale, e meno che mai in quella zona. L’importante è rispettare la naturale vocazione di quell’area non cementificandola».

Come già visto lo scorso sabato, l’università avrà un ruolo di coordinazione. Sarà una sorta di cabina di regia. Nel patto è infatti prevista l’istituzione di un tavolo tecnico tra i sottoscrittori, da tenersi nella sede dell’ateneo col compito principale di sostenere e promuovere l’attuazione del Piano regolatore portuale per le zone individuate come Fal2 e Fal3. La prima riunione sarà esattamente tra 30 giorni e servirà a definire impegni, anche economici, a carico dei vari enti, per attuare gli oneri relativi al Pio, compresa la bonifica delle aree.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

I due enti hanno siglato oggi un patto storico che dà una svolta al futuro dell'infrastruttura. Palazzo Zanca rinuncia definitivamente al contenzioso sulla titolarità. Stabilito un cronoprogramma degli interventi. Il sindaco: «L'importante è rispettare la naturale vocazione di quell'area non cementificandola»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]