Polveriera centrodestra: tra nervi tesi, espulsioni e provocazioni Da palazzo delle Aquile a palazzo d’Orleans, il nodo poltrone

Ci si aspettava un’estate calda nel centrodestra, nella sua perenne ricerca di un’intesa di coalizione, ma il clima a questo punto è diventato più che rovente. Tutto parte da Palermo, dove l’intesa su Roberto Lagalla, eletto sindaco al primo turno, è stata sì tardiva, ma totale, salvo poi rivendicazioni di sorta subito dopo la vittoria. Ma proprio nel capoluogo di Regione, dove sarebbero dovute andare in scena le prove generali di governo, sono affiorate tutte le criticità di un matrimonio che sembra sempre più avere i contorni dell’unione di convenienza, con troppe differenze di vedute ad aumentare le distanze tra i partiti. Mentre il neo eletto sindaco promette una giunta entro il giorno di Santa Rosalia, ancora una volta nessuno in coalizione è disponibile a passi indietro. E i nervi sono a fior di pelle, non solo per le giravolte di Nello Musumeci, che annuncia passi di lato, ma rimane sempre ben piantato al centro del progetto della ricandidatura.

Nervi che saltano in casa della Lega, dove sembra regnare il caos. Dopo le critiche rivolte all’organigramma regionale del partito da parte di Igor Gelarda, capogruppo uscente e non rieletto in Consiglio, nonostante gli oltre 800 voti incassati nell’ultima tornata elettorale, che chiedeva una riprogrammazione che guardasse più al territorio che ai giochi di palazzo, è arrivata – pare – l’espulsione del poliziotto, che da quattro anni si è speso per i colori salviniani. Pare, perché Gelarda non sarebbe stato neanche contattato dai vertici regionali del partito e dal segretario regionale Nino Minardo, che si è limitato e buttarlo fuori da tutte le chat di gruppo di WhatsApp, un segno comunque piuttosto eloquente.

Lagalla bloccato, dunque, per una questione che ormai trascende anche il discorso sulla possibile ricandidatura di Nello Musumeci alla Presidenza della Regione, ma appare più che altro una questione di poltrone, con Lega e Fratelli d’Italia, grandi delusi dall’esito elettorale, che comunque battono cassa, contendendosi anche la pretesa della presidenza della Gesap, società partecipata che gestisce l’aeroporto di Palermo e che vanta svariati milioni di euro di utile all’anno. E se pure secondo la matematica non potranno essere tutti accontentati, c’è anche da dirimere la questione dei nomi da designare per i vari ruoli, cosa che pare creare non poche tensioni all’interno di entrambi gli schieramenti. Chi vive questa attesa con maggiore serenità è invece Forza Italia, che complice un organigramma politico più strutturato nel tempo e un risultato elettorale che ha messo in chiaro parecchie cose, si sente pronta a dettare le regole. A turbare i sonni di Miccichè e soci ci pensa però Nello Musumeci, che in vista delle elezioni regionali d’autunno è convinto di avere trovato il punto debole degli azzurri.

Il passo di lato del presidente della Regione in caso di «un candidato in grado di unire tutto il centrodestra», infatti, col passare del tempo sembra più un atto di sfida che un volersi fare da parte. E ne è testimonianza uno degli ultimi post a sfondo politico del governatore, che venerdì scorso ha incontrato a Roma Giorgia Meloni in cui Musumeci ha «confermato la volontà di condurre in autunno il centrodestra che governa in Sicilia alla vittoria. Ho altresì riaffermato la mia disponibilità, se dovessi risultare realmente divisivo, a fare un passo di lato a favore di un candidato piú aggregante e vincente dell’area di centrodestra. Purché la coalizione decida senza ulteriori ritardi cosa intende fare, nel rispetto degli interessi della Sicilia e dei siciliani», cosa che pare alquanto improbabile al momento, soprattutto nel breve periodo. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]