Perché votare SI

Uno dei firmatari dell’appello degli scienziati italiani per i 4 Sì al referendum è il professor Vito De Pinto, l’unico docente di Biologia molecolare attivo nell’Ateneo catanese. Ci siamo rivolti a lui per comprendere le ragioni di chi, il 12 e il 13 giugno prossimi si recherà alle urne per votare “Sì”.

«La questione è complessa, e abbraccia diversi aspetti della mia vita non solo di scienziato ma anche di cittadino italiano.» Racconta il Professore. «Dal punto di vista strettamente scientifico, che è quello in un certo senso più ‘reclamizzato’, quello forse più strumentalizzato, c’è da sottolineare che sì, è vero che le ricerche degli scienziati italiani su fecondazione assistita e cellule staminali sono già in corso, ma sono soltanto agli inizi. Per poter andare avanti in questo senso, quindi, è necessario modificare la legge 40, che attualmente pone dei limiti che ritengo insensati e pericolosi alla ricerca. La legge ci impone dei confini oltre i quali non possiamo spingerci, è tutto questo è ingiusto: non c’è rispetto per l’etica della ricerca».

Ma, deduciamo dalle parole del professore, non è solo una questione di etica professionale: «La ricerca scientifica è pervasa, sì, da quegli ideali un po’ romantici del progresso e dell’avanzamento culturale che ne consegue, ma alle sue spalle ha anche sottili strategie di competizione e giochi di forze economiche tra i Paesi che fanno a gara, com’è giusto che sia, per portarsi avanti il più possibile e garantire così condizioni di vita sempre migliori ai propri cittadini. E non solo. È logico che più un paese è avanzato culturalmente, più vasta è la sua conoscenza (anche e forse soprattutto scientifica) e maggiore sarà la sua potenza politica e il suo peso nello scacchiere mondiale. Basta pensare agli Stati Uniti e al loro ruolo di prima potenza mondiale. I limiti alla ricerca disincentivano gli ottimi professionisti che l’Italia possiede, tecnici e scienziati che per svolgere la loro professione al massimo delle proprie potenzialità sono costretti ad andare all’estero (nella maggior parte dei paesi europei più avanzati, ad esempio, non esistono questi limiti alla sperimentazione sulle cellule staminali – è come se noi, in Italia, ci auto-limitassimo, ponessimo dei freni al nostro sviluppo culturale e tecnologico). Ed è costretto ad andare all’estero anche chi necessita di cure più avanzate che l’Italia, se la 40 rimane invariata, non può fornire. Con la conseguente discriminazione per chi i viaggi e le cure all’estero non può permetterseli».

Sulle implicazioni religiose del caso il professor De Pinto cerca di sorvolare, lasciando intendere però che il peso delle opinioni della Chiesa non è affatto indifferente.

Perché, dunque, votare “Sì”? «Come l’appello degli scienziati esprime chiaramente, come rivendica il comitato Luca Coscioni, per la libertà di ricerca, per i diritti dei malati, delle donne e delle coppie sterili, per la laicità e la libertà di coscienza religiosa».

L’appello degli scienziati: http://www.lucacoscioni.it/node/4019
Il comitato Luca Concioni: www.lucacoscioni.it


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]