Palermo, pari e rimpianti: il Pisa rimonta due reti. Corini: «C’è rammarico, ma siamo migliorati su tanti aspetti»

La reazione è arrivata, per la vittoria, però, bisognerà attendere ancora. Un Palermo volitivo pareggia 3-3 al “Barbera” col Pisa. Un risultato che sicuramente non può soddisfare l’ambiente, desideroso di risollevarsi dai bassifondi della classifica di Serie B, ma che ha portato con se una prestazione orgogliosa, seppur non troppo fortunata.

Corini non cambia modulo con i toscani, ma lo reimposta variando gli interpreti sulla mediana. Stulac e Saric restano a guardare, mentre le chiavi del centrocampo rosanero vengono consegnate a Claudio Gomes e Broh, che accompagnano Segre. Conferme per il resto dell’undici titolare con Buttaro e Mateju esterni bassi, Nedelcearu e Marconi davanti a Pigliacelli ed il reparto avanzato che ripropone ancora il tridente Brunori, Di Mariano, Elia. Gli aggiustamenti sembrano funzionare, perché il Palermo, prende in mano la gara già al 12′, con un’azione che parte direttamente da Pigliacelli, la cui rimessa viene sfruttata da Brunori per una sponda aerea verso Di Mariano, bravo a lanciarsi negli spazi ed segnare una rete liberatoria per l’1-0. Il vantaggio siciliano dura 13′ minuti. Al 25′ il Pisa pareggia con l’aiuto di Marconi, che rinvia come peggio non potrebbe su un cross centrale, fornendo un involontario assist per Tourè, che con un tiro a giro di sinistro trova l’angolino sotto l’incrocio dei pali per l’1-1. Il Pisa cresce, il Palermo, però, ha imparato a soffrire, e contiene la pericolosità dei pisani, scalando Buttaro sulla linea dei centrali ed arretrando Elia. Il 2-1 arriva in pieno recupero, al 48′, sull’asse Gomes – Brunori – Elia che chiude l’azione in rete.

La ripresa comincia con Bettella che prende il posto del frastornato Marconi, peraltro già ammonito, in mezzo alla difesa rosanero. Tra i padroni di casa è Brunori a calamitare una quantità esagerata di palloni, divenendo un vero e proprio regista avanzato, perdendo un po’ di lucidità, quando a inizio tempo spreca su lancio di Buttaro. Poco male, perché al 58′ Elia firma il suo secondo gol personale ed il momentaneo 3-1 su assist di Segre, che a sua volta aveva raccolto una respinta toscana su cross di Di Mariano. Tre minuti dopo Brunori potrebbe chiudere la contesa, su assist di Gomes, ma il suo tentativo viene deviato in angolo. Ed a quel punto si innesca la legge non scritta del calcio “gol sbagliato – gol subito”. Al 64′ i nerazzurri accorciano con Gliozzi. Con la gara riaperta i toscani cambiano assetto e gli ingressi di Hermannsson e Torregrossa danno loro una trazione decisamente offensiva. Al 78′ Brunori non controlla un appoggio aereo di Bettella e spreca ancora il possibile 4-1. Al 79′ ecco la beffa con Tramoni che, su sponda di Torregrossa, esplode un destro al volo che buca Pigliacelli dalla distanza. La fortuna non aiuta il Palermo, che al 90′ centra il palo con il colpo di testa del neoentrato Vido, su cross di Mateju. Nei cinque minuti di recupero non accade null’altro. Finsice con un pari che accontenta soprattutto il Pisa, che dà continuità al suo momento positivo. Il Palermo si mangia le mani per le tante occasioni sprecate, ma ha ottenuto almeno una risposta di carattere.

Nel post partita Eugenio Corini sottolinea la prestazione dei suoi: «Abbiamo gestito bene la partita, peccato averla pareggiata. Ma abbiamo comunque spinto abbiamo anche colpito un palo. C’è rammarico. Si riparte con consapevolezza e voglia di andare avanti. Peccato che i miei giocatori non siano stati premiati con i 3 punti. Oggi secondo me c’è stato un miglioramento su tante cose sulle quali abbiamo lavorato, le ho stimolate e s’è visto. E’ un punto di partenza importante per ripartire già con il Cittadella. Dobbiamo reagire e lavorare, peccato solo non averla vinta».

TABELLINO

PALERMO: Pigliacelli; Buttaro, Nedelcearu, Marconi (46′ Bettella), Mateju; Segre, Gomes, Broh (83′ Vido); Elia (91′ Valente), Brunori, Di Mariano (76′ Saric).

A disposizione: Massolo,Accardi, Devetak, Lancini, Stulac, Damiani, Soleri, Floriano. Allenatore: Corini.

PISA: Nicolas (18′ Livieri); Calabresi (62′ Esteves), Canestrelli, Barba (66′ Hermansson), Beruatto; Ionita (62′ M. Tramoni), Nagy (66′ Torregrossa), Marin; Toure; Sibilli, Gliozzi.

A disposizione: Rus, De Vitis, Jureskin, Mastinu, Piccinini, Morutan, M. Tramoni, Masucci. Allenatore: D’Angelo.

ARBITRO: Feliciani di Teramo (Pagnotta-Ricci).
QUARTO UOMO: Gemelli di Messina.

VAR-AVAR: Dionisi-Lombardo.

MARCATORI: 11′ Di Mariano, 25′ Toure, 45’+2, 57′ Elia, 64′ Gliozzi, 78′ L. Tramoni

NOTE: Ammoniti: Beruatto, Calabresi, Sibilli (PI), Marconi, Bettella, Brunori, Elia, Nedelcearu (PA). Ammonito il tecnico del Palermo, Eugenio Corini, per proteste.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

La reazione è arrivata, per la vittoria, però, bisognerà attendere ancora. Un Palermo volitivo pareggia 3-3 al “Barbera” col Pisa. Un risultato che sicuramente non può soddisfare l’ambiente, desideroso di risollevarsi dai bassifondi della classifica di Serie B, ma che ha portato con se una prestazione orgogliosa, seppur non troppo fortunata. Corini non cambia modulo […]

La reazione è arrivata, per la vittoria, però, bisognerà attendere ancora. Un Palermo volitivo pareggia 3-3 al “Barbera” col Pisa. Un risultato che sicuramente non può soddisfare l’ambiente, desideroso di risollevarsi dai bassifondi della classifica di Serie B, ma che ha portato con se una prestazione orgogliosa, seppur non troppo fortunata. Corini non cambia modulo […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]