PalaCatania, continuano infiltrazioni d’acqua dal tetto Squadra di serie A costretta ad allenarsi tra i bidoni

La denuncia, chiara e inequivocabile, è arrivata questo pomeriggio con un post pubblicato su
Facebook dal vice-presidente del Volley Catania Luigi Pulvirenti: «Passano gli anni, ma al PalaCatania piove sempre dentro. Per fortuna domani giochiamo a Roma (contro la capolista della Serie A2, ndr). Visto che l’impianto al momento attuale non viene dato in gestione o in concessione (cosa che consentirebbe alla società di provvedere a risolvere le infiltrazioni di acqua dal tetto autonomamente) – prosegue – ci si augura che prima o poi si decida di provvedere. Perché non si può sempre fare la danza contro la pioggia, sperando che Dio la mandi buona».

È il presidente della squadra,
Natale Aiello a precisare a MeridioNews che «il Comune, in quanto proprietario del PalaCatania, si era mosso effettuando dei lavori di sistemazione. Il vento forte o la pioggia, forse, hanno però riproposto il problema. Da circa un mesetto – conferma – entra copiosamente pioggia dal tetto: bastano anche solo due gocce d’acqua a causare le infiltrazioni». Il massimo dirigente del Volley Catania rimane speranzoso sulla risoluzione del problema: «Già lo scorso mese il Comune aveva assicurato che il problema sarebbe stato risolto ma finora non è successo nulla. Ci siamo nuovamente rivolti agli uffici tecnici competenti che ci hanno assicurato che domani verranno a fare un sopralluogo per cercare di programmare il prima possibile un intervento».

Intanto, il problema è che il prossimo
7 gennaio, i riflettori del palazzetto si accenderanno per ospitare la gara tra Volley Catania e Conad Reggio Emilia. Un incontro delicato perché, al momento, le due squadre sono appaiate al settimo posto in classifica con 21 punti conquistati. Il rischio che la partita possa non giocarsi o essere sospesa, date le previsioni dei prossimi giorni, è dunque alto. «La situazione è allucinante. Fino a oggi abbiamo avuto fortuna – ribadisce Aiello – perché ha sempre piovuto nei giorni precedenti agli incontri, mentre in corrispondenza delle partite il tempo fortunatamente è stato clemente. Ma può capitare che il meteo sia variabile. Del resto, se ci si affida al caso non sempre può andare bene».

Il lavoro da fare non sarebbe neanche così gravoso per le casse del Comune. «Probabilmente basta un po’ di guaina per tamponare – suggerisce Aiello – Comprendo che una ristrutturazione totale del tetto del PalaCatania sia una operazione troppo costosa per le casse comunali, però noi paghiamo per l’utilizzo del campo e, quindi, ci aspettiamo che vengano fatti i lavori necessari anche perché – conclude – ci sono ancora quattro giorni di tempo per provare a risolvere il problema». In caso di rinvio o sospensione della partita con il Reggio Emilia, il Volley Catania subirebbe anche danni di natura economica. La squadra che gioca fuori casa andrebbe infatti nuovamente ospitata a spese proprie. La speranza degli sportivi catanesi è che quattro giorni siano sufficienti per porre rimedio a una situazione che creerebbe non pochi imbarazzi e danni d’immagine alla città intera. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Continua a piovere dentro al palazzetto di corso Indipendenza. Una situazione che mette a rischio le gare di campionato del Volley Catania, squadra impegnata nel torneo maschile. Il presidente Natale Aiello lancia l'allarme a MeridioNews: «Giorno 7 giochiamo in casa, basta una pioggia leggera per non disputare l'incontro». Guarda il video

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]