Midnight Cult aspettando il ToHorror FF Cinema indipendente, da Torino a Catania

Il cinema del fantastico sbarca a Catania, nella sala del King, con una rassegna dedicata alle pellicole horror che preannunciano il prossimo ToHorror Film Fest, celebre festival torinese giunto, quest’anno, alla tredicesima edizione. Si chiama Midnight Cult l’evento gemellato con Torino, fatto di quattro appuntamenti per otto proiezioni (quattro corti e quattro lungometraggi) che partirà questo venerdì 18 ottobre.

«La collaborazione con il Cinestudio – spiaga Massimiliano Supporta, direttore artistico del ToHorror FF, è nata da un’amicizia coi ragazzi di Catania che da qualche anno ci seguono. D’altronde – contina – abbiamo sempre portato il carrozzone del ToHorror FF in giro per l’Italia e anche all’estero. E nonostante nessuno di noi faccia questo per lavoro, teniamo duro e mandiamo avanti, con successo, il festival da anni», racconta. «A distanza di tempo, è una soddisfazione vedere crescere giovani resisti di talento, passati anche dal ToHorror con le loro pellicole».

Sedersi tra le poltrone di un cinema per guardare una pellicola di genere fantastico o horror, però, non è da tutti. Quantomeno non in Italia, dove film di questo tipo vengono considerati di nicchia o delegati a pochi noti registi. Ecco perché, senza grandi pretese ma con tanta passione, gli organizzatori del ToHorror FF si adoperano per costruire uno spazio dedicato a pellicole sui generis e di qualità. Ma anche oggi che il Festival torinese è diventato un’istituzione del cinema indipendente horror, «l’apprezzamento del pubblico è visibile più all’estero che nel nostro Paese», dice il direttore artistico. «L’Italia ha dimenticato cosa vuol dire fare cinema. I soldi sono pochi, ma soprattutto si è perso il coraggio di investire sui film impegnati e di genere», spiega. «Gli autori che hanno ancora la possibilità economica, scelgono la commedia strana, quella triste o da salotto. Mentre i pochi pazzi che ancora vogliono sperimentare, sono costretti a produrre fuori. Non a caso tra i sette film in concorso al ToHorror quest’anno, cinque sono italiani. Ma potremmo definirli esteri perché sono stati girati con capitali statunitensi».

E’ questo uno dei motivi per cui ToHorror FF da sempre punta sul cinema indipendente. «Perché ci piace ma anche per la possibilità di spingere e proporre nuovi talenti», spiega il direttore artistico. «Per molti di loro, cimentarsi col Fantastico, è una palestra perché gli permette di esprimersi liberamente, senza le costrizioni del dover produrre un film intellettuale pur lasciando passare anche l’aspetto introspettivo e uno sguardo critico verso la società», dice. «Spesso, proprio dietro un film che potrebbe sembrare un insieme di effetti speciali, si nascondono le nostre ansie autentiche, tutto ciò che ci terrorizza e perché ci fa paura».

 


Dalla stessa categoria

I più letti

Parte da Catania una rassegna gemellata col celebre Festival del cinema indipendente horror, che fa da vetrina alla tredicesima edizione del prossimo 12-16 novembre e propone quattro appuntamenti con otto pellicole scelte tra quelle premiate lo scorso anno, per promuovere il cinema horror indipendente. «Quello meno prodotto in Italia, ma di qualità», dicono gli organizzatori

Che sia la scelta della prima auto o il desiderio di cambiare, decidere quale mezzo ci accompagnerà nelle nostre giornate non è mai semplice. Decidere di effettuare l’acquisto di una vettura direttamente presso una concessionaria prevede un significativo impiego di tempo. Eppure un metodo per risparmiare tempo e denaro – c’è: il noleggio a lungo […]

«In natura non esistono i rifiuti, ogni elemento si inserisce nel ciclo del biosistema, mantiene il valore il più a lungo possibile e si trasforma in nuova risorsa, innescando un circolo virtuoso». Ancora possibile anche in una società del consumo, andando Al cuore delle cose. Prende spunto – e pure il nome – da questo […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Sid Vicious ha ammazzato la sua compagna Nancy (non andò a processo perché morì di overdose). Bill Cosby sta facendo collezione di denunce per violenza sessuale. A Harvey Weinstein sappiamo tutti com’è finita. C’hanno fatto anche un movimento, il #metoo, per sensibilizzare alla violenza di genere tra i vipponi. Ma al governo italiano piacciono soltanto […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Non siamo una città. Siamo un incubo. Uno di quelli realistici, ma talmente esagerati che non possono essere veri. E, prima o poi, infatti, ci si sveglia. È però una lunga notte quella che stiamo vivendo da cittadini: catanesi oggi, palermitani appena un anno fa, siciliani tutti. Un sonno profondo che si rinnova a ogni […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]