Messina: zona Falcata, un museo del terremoto Sul piatto 53 milioni di euro dai fondi europei

Sarà siglato giovedì «il patto istituzionale per la Falce», il protocollo d’intesa che porterà al piano regolatore del porto di Messina, fermo a Roma per l’approvazione definitiva. Ieri c’era mezza giunta regionale alla conferenza di presentazione dell’azione programmatica nell’aula magna del rettorato dove si è discusso della riqualificazione dell’area della Zona Falcata e della Real Cittadella. Sul piatto ci sono 53 milioni di euro che potrebbero arrivare dai fondi del piano di azione e coesione. «Si tratta delle risorse della programmazione 2014-2020 – ha spiegato l’assessore al territorio e Ambiente , Maurizio Croce – le casse sono piene, non c’è alcuna somma impegnata, vediamo cosa si intende fare attraverso il piano regolatore del porto e poi i fondi li troveremo e saranno messi a disposizione dal governo regionale per potere intervenire sulla zona falcata». 

Nel tentativo di valorizzare la Falce si inserisce anche il progetto per la Real cittadella che nelle intenzioni dell’assessore Carlo Vermiglio diventerà museo interattivo del terremoto. Dei 53 milioni a disposizione, 35 verranno destinati a questo grande centro di documentazione con annessa area museale. «Si chiamerà 19/08 in quanto anche luogo di memoria per il terremoto del 1908, inteso come simbolo degli eventi sismici che interessano la terra, e sarà una struttura documentale, didattica e scientifica da realizzare nell’ex fortezza seicentesca della Real Cittadella – ha spiegato l’assessore Regionale ai Beni Culturali -. Nel centro pluridisciplinare il visitatore, come un internauta, verrà trasportato in un coinvolgente percorso esplorativo sia dal punto di vista emotivo che fisico, dall’altra parte sarà un centro avanzato di ricerca e formazione per studiosi e specialisti di tutto il mondo». 

A fare da cabina di regia e da mediatore tra i vari attori interessati allo sviluppo e alla riqualificazione della zona falcata ci ha pensato l’Università che ha organizzato il convegno a cui hanno preso parte anche l’assessora all’energia Vania Contraffatto e tutte le istituzioni interessate all’argomento, dall’Autorità portuale alla marina militare. Gli unici a non delineare una posizione chiara sono stati il sindaco Renato Accorinti e la sua giunta che hanno chiesto una settimana di tempo e hanno tuonato contro la cementificazione. Il primo cittadino ha fatto riferimento alla previsione nel Prg del porto di un porticciolo turistico con annessi edifici che dovrebbero ospitare alberghi e centri multifunzionali. Dello stesso avviso anche il soprintendente Rocco Scimone: «I 500mila metri quadrati della Real Cittadella hanno un vincolo legislativo che prevede solo azioni indirizzate alla tutela delle opere monumentali, a parco urbano e ad attività culturali».

Al termine della mattinata una delegazione, alla quale si è aggiunto il presidente Crocetta, si è recata nell’area della Real Cittadella per un sopralluogo tecnico. «In queste condizioni la zona falcata è un orrore – ha detto Crocetta -, invece è un luogo magico che apre alle bellezze naturali dello Stretto e che rende Messina una delle più belle città del mondo. La riqualificazione di quest’area rimetterà in movimento l’economia».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

La prossima settimana sarà siglato un protocollo d'intesa per la stesura del piano regolatore del porto della città dello Stretto, passo decisivo per proseguire con la riqualificazione di un'area grande 500mila metri quadri. Al centro del progetto un luogo interattivo della memoria e per la ricerca, che si chiamerà 19/08

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]