Melbourne, si avvicinano tempi più avvincenti…

Speriamo che finisca presto questa prima settimana di Melbourne, perché francamente riuscire a trovare una partita che è valsa la pena vedere è stata fin qui impresa semi-proibitiva. Non che non ci sia stato qualche match equilibrato – in genere molto lontano dai campi principali – però il bilancio è davvero troppo povero. Prendete un povero spettatore che ha comprato il biglietto per il campo centrale, la Rod Laver Arena, ieri sera. Si comincia con la sempre più bella Sharapova contro la carneade Jamie Hampton; risultato? 6/0 6/1 in un’ora e spazio a Serenona contro Barbora Zahlavova Strycova, nientemeno. Altra ora e 6/0 6/4. Beh, speriamo bei maschietti, direte voi. Bene, arriva Djokovic e in un’ora e mezza concede solo sei giochi al malcapitato Giraldo. Dopo tre ore e mezza di tennis tutti a casa. In genere è il tempo che ci impiega Nadal per cominciare a scaldarsi. Non è andata tanto meglio né la sera né su altri campi, considerate le facili vittorie di Murray o dell’altra pin-up Ivanovic, tanto da far sospettare al vostro cronista che ci deve essere qualcosa da scoprire dietro questo eccessivo divario tra i primi e gli altri volenterosi tennisti. Vedremo, anche perché se ci si sposta nei campi periferici qualcosa di interessante si trova. Per fortuna dei poveri italioti Nadiona Petrova oggi era col piede sbagliato. Partitaccia e duplice 6/2 per la nostra Errani, che insieme alla sopravvissuta del derby, Oprandi, è l’unica rappresentante del tricolore rimasta in gara. Non ce l’ha fatta invece la Vinci, opposta alla cinese Zheng che viene da un periodo di buona forma e con un discreto passato, se è vero che è stata in grado di raggiungere i quarti sia al Roland Garros che all’ultimo Wimbledon. Roberta è riuscita a resistere solo il primo set per poi crollare nel secondo. Insomma la nostra pattuglia è stata decimata e difficilmente il contingente italiano arriverà a domenica. Le nostre due ragazze hanno degli impegni semi-proibitivi visto che né la tedesca Goerges né la rumena Cirstea sembrano alla loro portata. Speriamo di sbagliarci.

Da segnalare rimane sia il convincente percorso del giovane Raonic, che – Roddick permettendo – dovrebbe incrociare il serbo Djokovic tra un paio di turni; sia la buona prestazione dell’eterna promessa Gasquet, agevolato anche dal ritiro dell’avversario e anche lui sulla strada del serbo, ma davvero questi sono riscorsi decisamente prematuri.

Tra poche ore tornano in campo Federer e Nadal che anche stavolta non dovrebbero correre nessun rischio contro lo slovacco Lacko e l’ex terribile bombardiere Karlovic. Ma domani notte sarà la volta di quella che promette di essere la più bella partita della settimana, non che ci voglia molto, quella tra la gloria locale Tomic, tra i primi dieci forse già quest’anno, e il guru Alexandr Dolgolopov. Domani avremo qualcosa di interessante da raccontare, certamente l partita non finirà in tre set.

Risultati principali, trentaduesimi di finale: (s.m.) Djokovic b. Giraldo 6/3 6/2 6/1; Raonic b. Petzschner 6/4 5/7 6/2 7/5; Gasquet b. Golubev 6/4 6/2 3/0 rit.; Murray b. Roger Vasselin 6/1 6/4 6/4. (s.f.) Sharapova b. Hampton 6/0 6/1; Williams b. Strycova 6/0 6/4; Errani b. Petrova 6/2 6/2; Zheng b. Vinci 6/4 6/2. Tutti i risultati sul sito www.australianopen.com

 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Speriamo che finisca presto questa prima settimana di melbourne, perché francamente riuscire a trovare una partita che è valsa la pena vedere è stata fin qui impresa semi-proibitiva. Non che non ci sia stato qualche match equilibrato - in genere molto lontano dai campi principali - però il bilancio è davvero troppo povero. Prendete un povero spettatore che ha comprato il biglietto per il campo centrale, la rod laver arena, ieri sera. Si comincia con la sempre più bella sharapova contro la carneade jamie hampton; risultato? 6/0 6/1 in un'ora e spazio a serenona contro barbora zahlavova strycova, nientemeno. Altra ora e 6/0 6/4. Beh, speriamo bei maschietti, direte voi. Bene, arriva djokovic e in un'ora e mezza concede solo sei giochi al malcapitato giraldo. Dopo tre ore e mezza di tennis tutti a casa. In genere è il tempo che ci impiega nadal per cominciare a scaldarsi. Non è andata tanto meglio né la sera né su altri campi, considerate le facili vittorie di murray o dell'altra pin-up ivanovic, tanto da far sospettare al vostro cronista che ci deve essere qualcosa da scoprire dietro questo eccessivo divario tra i primi e gli altri volenterosi tennisti. Vedremo, anche perché se ci si sposta nei campi periferici qualcosa di interessante si trova. Per fortuna dei poveri italioti nadiona petrova oggi era col piede sbagliato. Partitaccia e duplice 6/2 per la nostra errani, che insieme alla sopravvissuta del derby, oprandi, è l'unica rappresentante del tricolore rimasta in gara. Non ce l'ha fatta invece la vinci, opposta alla cinese zheng che viene da un periodo di buona forma e con un discreto passato, se è vero che è stata in grado di raggiungere i quarti sia al roland garros che all'ultimo wimbledon. Roberta è riuscita a resistere solo il primo set per poi crollare nel secondo. Insomma la nostra pattuglia è stata decimata e difficilmente il contingente italiano arriverà a domenica. Le nostre due ragazze hanno degli impegni semi-proibitivi visto che né la tedesca goerges né la rumena cirstea sembrano alla loro portata. Speriamo di sbagliarci.

Speriamo che finisca presto questa prima settimana di melbourne, perché francamente riuscire a trovare una partita che è valsa la pena vedere è stata fin qui impresa semi-proibitiva. Non che non ci sia stato qualche match equilibrato - in genere molto lontano dai campi principali - però il bilancio è davvero troppo povero. Prendete un povero spettatore che ha comprato il biglietto per il campo centrale, la rod laver arena, ieri sera. Si comincia con la sempre più bella sharapova contro la carneade jamie hampton; risultato? 6/0 6/1 in un'ora e spazio a serenona contro barbora zahlavova strycova, nientemeno. Altra ora e 6/0 6/4. Beh, speriamo bei maschietti, direte voi. Bene, arriva djokovic e in un'ora e mezza concede solo sei giochi al malcapitato giraldo. Dopo tre ore e mezza di tennis tutti a casa. In genere è il tempo che ci impiega nadal per cominciare a scaldarsi. Non è andata tanto meglio né la sera né su altri campi, considerate le facili vittorie di murray o dell'altra pin-up ivanovic, tanto da far sospettare al vostro cronista che ci deve essere qualcosa da scoprire dietro questo eccessivo divario tra i primi e gli altri volenterosi tennisti. Vedremo, anche perché se ci si sposta nei campi periferici qualcosa di interessante si trova. Per fortuna dei poveri italioti nadiona petrova oggi era col piede sbagliato. Partitaccia e duplice 6/2 per la nostra errani, che insieme alla sopravvissuta del derby, oprandi, è l'unica rappresentante del tricolore rimasta in gara. Non ce l'ha fatta invece la vinci, opposta alla cinese zheng che viene da un periodo di buona forma e con un discreto passato, se è vero che è stata in grado di raggiungere i quarti sia al roland garros che all'ultimo wimbledon. Roberta è riuscita a resistere solo il primo set per poi crollare nel secondo. Insomma la nostra pattuglia è stata decimata e difficilmente il contingente italiano arriverà a domenica. Le nostre due ragazze hanno degli impegni semi-proibitivi visto che né la tedesca goerges né la rumena cirstea sembrano alla loro portata. Speriamo di sbagliarci.

Speriamo che finisca presto questa prima settimana di melbourne, perché francamente riuscire a trovare una partita che è valsa la pena vedere è stata fin qui impresa semi-proibitiva. Non che non ci sia stato qualche match equilibrato - in genere molto lontano dai campi principali - però il bilancio è davvero troppo povero. Prendete un povero spettatore che ha comprato il biglietto per il campo centrale, la rod laver arena, ieri sera. Si comincia con la sempre più bella sharapova contro la carneade jamie hampton; risultato? 6/0 6/1 in un'ora e spazio a serenona contro barbora zahlavova strycova, nientemeno. Altra ora e 6/0 6/4. Beh, speriamo bei maschietti, direte voi. Bene, arriva djokovic e in un'ora e mezza concede solo sei giochi al malcapitato giraldo. Dopo tre ore e mezza di tennis tutti a casa. In genere è il tempo che ci impiega nadal per cominciare a scaldarsi. Non è andata tanto meglio né la sera né su altri campi, considerate le facili vittorie di murray o dell'altra pin-up ivanovic, tanto da far sospettare al vostro cronista che ci deve essere qualcosa da scoprire dietro questo eccessivo divario tra i primi e gli altri volenterosi tennisti. Vedremo, anche perché se ci si sposta nei campi periferici qualcosa di interessante si trova. Per fortuna dei poveri italioti nadiona petrova oggi era col piede sbagliato. Partitaccia e duplice 6/2 per la nostra errani, che insieme alla sopravvissuta del derby, oprandi, è l'unica rappresentante del tricolore rimasta in gara. Non ce l'ha fatta invece la vinci, opposta alla cinese zheng che viene da un periodo di buona forma e con un discreto passato, se è vero che è stata in grado di raggiungere i quarti sia al roland garros che all'ultimo wimbledon. Roberta è riuscita a resistere solo il primo set per poi crollare nel secondo. Insomma la nostra pattuglia è stata decimata e difficilmente il contingente italiano arriverà a domenica. Le nostre due ragazze hanno degli impegni semi-proibitivi visto che né la tedesca goerges né la rumena cirstea sembrano alla loro portata. Speriamo di sbagliarci.

Speriamo che finisca presto questa prima settimana di melbourne, perché francamente riuscire a trovare una partita che è valsa la pena vedere è stata fin qui impresa semi-proibitiva. Non che non ci sia stato qualche match equilibrato - in genere molto lontano dai campi principali - però il bilancio è davvero troppo povero. Prendete un povero spettatore che ha comprato il biglietto per il campo centrale, la rod laver arena, ieri sera. Si comincia con la sempre più bella sharapova contro la carneade jamie hampton; risultato? 6/0 6/1 in un'ora e spazio a serenona contro barbora zahlavova strycova, nientemeno. Altra ora e 6/0 6/4. Beh, speriamo bei maschietti, direte voi. Bene, arriva djokovic e in un'ora e mezza concede solo sei giochi al malcapitato giraldo. Dopo tre ore e mezza di tennis tutti a casa. In genere è il tempo che ci impiega nadal per cominciare a scaldarsi. Non è andata tanto meglio né la sera né su altri campi, considerate le facili vittorie di murray o dell'altra pin-up ivanovic, tanto da far sospettare al vostro cronista che ci deve essere qualcosa da scoprire dietro questo eccessivo divario tra i primi e gli altri volenterosi tennisti. Vedremo, anche perché se ci si sposta nei campi periferici qualcosa di interessante si trova. Per fortuna dei poveri italioti nadiona petrova oggi era col piede sbagliato. Partitaccia e duplice 6/2 per la nostra errani, che insieme alla sopravvissuta del derby, oprandi, è l'unica rappresentante del tricolore rimasta in gara. Non ce l'ha fatta invece la vinci, opposta alla cinese zheng che viene da un periodo di buona forma e con un discreto passato, se è vero che è stata in grado di raggiungere i quarti sia al roland garros che all'ultimo wimbledon. Roberta è riuscita a resistere solo il primo set per poi crollare nel secondo. Insomma la nostra pattuglia è stata decimata e difficilmente il contingente italiano arriverà a domenica. Le nostre due ragazze hanno degli impegni semi-proibitivi visto che né la tedesca goerges né la rumena cirstea sembrano alla loro portata. Speriamo di sbagliarci.

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]