Melbourne, fuori la Schiavone

Adattando una vecchia battuta destinata al golf, osservando le ultime dichiarazioni di una leggenda del tennis come Margareth Court Smith (64 tornei dello slam vinti, di cui 24 in singolare, altro che Federer…) si può tranquillamente affermare che probabilmente non è necessario essere idioti per giocare a tennis. Però, visti i risultati della Court Smith, aiuta, accidenti se aiuta. Per vincere la noia di queste prime giornate dell’Australian Open – anche se ieri una mezza sorpresina c’è stata grazie a Falla, che ha sconfitto abbastanza nettamente l’ottava testa di serie, Mardy Fish – la vecchia intestataria del campo numero 3 di Melbourne, ha pensato bene di ricordare come la pensa sugli omosessuali e via con le solite cretinate sull’abominio, sulla depravazione, sull’assurdità della richiesta di riconoscimento dei diritti da parte di persone che vivono fuori dalla legge di Dio e che quindi – immaginiamo – dovrebbero perire tra le fiamme dell’inferno. Indubbiamente tutto molto elegante e stimolante intellettualmente, segue dibattito. Sul web si può trovare una petizione per togliere il nome della simpatica vecchietta allo stadio e ci piacerebbe molto che i lettori di linksicilia ci facessero una capatina.

Passando alle cose serie, anche ieri non c’è stato tanto da divertirsi, ancora troppo ampio il divario tra i primi e gli altri. E così si sono sprecati molte partite si sono chiuse con risultati abbastanza netti e con diversi 6/0. Nadal ha vinto agevolmente e Federer non ha neanche avuto bisogno di scendere in campo per arrivare al terzo turno. C’è stata qualche eccezione. Dolgolopov si è di nuovo distratto e per la seconda volta di fila è stato costretto al quinto set, vincendo solo di strettissima misura. Dimitrov, opposto ad Almagro è invece crollato al quinto; il giovane bulgaro cresce forse con troppa lentezza, ma prima o poi ce lo ritroveremo in finale a Wimbledon. Procede invece la marcia di Tomic. L’australiano ha battuto con qualche difficoltà di troppo lo statunitense Querrey, ma tutto sommato non ha corso troppi rischi. Purtroppo è fuori dal torneo anche l’argentino Nalbandian, autore di una stoica resistenza contro il gigante Isner, infrantasi negli scogli del terribile servizio del lungagnone. Fin quando ha avuto benzina la partita era sin troppo facile ma troppo complicato il tre set su cinque per uno con tutti quei guai e con la voglia di allenarsi che non è proprio quella di Nadal. In serata Baghdatis, già finalista di questo torneo, è stato sconfitto in quattro set da Wawrinka. Si è invece arrestata la corsa dell’ultimo italiano in gara nel tabellone maschile, Cipolla, sconfitto da Feliciano Lopez.

Tra le donne invece una sorpresa c’è stata ed è arrivata proprio dal tennis italiano. La nostra rappresentante più accreditata, quella su cui riponevamo le nostre maggiori speranze, la Schiavone, è stata severamente sconfitta dalla connazionale Romina Oprandi. In tutta franchezza dobbiamo essere grati alla Schiavone per quello che è riuscita a fare negli ultimi due Roland Garros ma ci sorprenderebbe se la trovassimo tra le prime trenta a fine anno. A questo punto diventa interessante seguire la prova dell’italiana superstite, che però avrà un complicato terzo turno contro la tedesca Georges, che sembra in buona forma. Nulla da fare invece per la Branti, che invece di vendicare la Pennetta ha subito una severa lezione.

Insomma dopo tre giorni aspettiamo ancora che il torneo entri nel vivo. Anche stasera le cose non sembrano particolarmente eccitanti. Djokovic, Murray e Tsonga avranno pochi problemi per superare i loro avversari e l’unica partita degna di una qualche nota è una sorta di anticipo del senior tour, quella tra Andy Roddick e Hewitt, entrambi, ai bei dì, numeri uno del mondo. A questo punto forse meglio andare a vedere a che punto sono i progressi di Raonic contro “Picasso” Petzschner. Stasera giocheranno anche le altre due italiane rimaste in gara. Mentre per la Errani sarà necessario vedere con quale piede si è alzata la Petrova, la Vinci dovrebbe farcela contro la Zheng. Insomma, quasi quasi c’è da sperare in un’intervista della Court per divertirsi un po’….

Trentaduesimi di finale, principali risultati: (s.m.) Nadal b. Haas 6/4 6/3 6/4; Tomic b. Querrey 3/6 6/3 7/6 (3) 6/3; Isner b. Nalbandian 4/6 6/3 2/6 7/6 (5) 10/8 Dolgolopov b. Kamke 4/6 6/1 3/6 8/6; Wawrinka b. Baghdatis 7/6 (3) 6/4 5/7 6/1; Falla b. Fish 7/6 (4) 6/3 7/6 /6); Lopez b. Cipolla 7/5 7/6 (4) 6/2. (s.f.) Bratchikova b. Branti 6/2 6/1; Oprandi b. Schiavone 6/4 6/3.

I risultati completi sul sito www.australianopen.com


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]