Mafia vintage nelle intercettazioni del blitz Consolazione Riflessioni sulla normalizzazione del lavoro da malavitoso

Il linguaggio della mafia come strumento di identificazione e analisi della mafia stessa. Frasi e parole, messe nero su bianco nelle trascrizioni delle intercettazioni telefoniche e ambientali che, nella cronaca giornalistica, spesso lasciano il passo alla descrizione di affari e personaggi. Nelle carte dell’inchiesta Consolazione, dal nome del blitz eseguito nei giorni scorsi dalla polizia contro il clan Pillera-Puntina, è possibile tracciare uno spaccato di una criminalità «normalizzata», lontana da grandi appalti e patti occulti con il mondo della politica. Gli interpreti dell’indagine prediligono la vita su strada grazie a una forte radicazione all’interno del quartiere Borgo, tra piazza Cavour e via Consolazione, arteria quest’ultima che ha dato lo spunto agli inquirenti per scegliere il nome dell’indagine. «Le intercettazioni di questo blitz riportano i mafiosi sulla terra, tolgono loro mistero e ci rimandano a una dimensione quasi domestica», spiega il docente di Filosofia del linguaggio all’università di Palermo Salvatore Di Piazza

Anche il giudice per le indagini preliminari Pietro Currò nell’ordinanza di custodia cautelare si sofferma sul linguaggio, definendolo «talora anche assai esplicito e che, per lo più, non abbisogna di alcuno sforzo ermeneutico o di commento di particolare impegno». Secondo gli inquirenti il gruppo attivo al Borgo, pur avendo contatti e piccoli affari in comune con altri gruppi criminali cittadini, compresa un’articolazione della famiglia di Cosa nostra dei Santapaola, avrebbe prestato una grande attenzione al controllo del proprio quartiere. «Questi qua come si permettono di fare qualche cosa al Borgo? Queste cose loro non le possono fare», diceva il presunto reggente del gruppo Fabrizio Pappalardo mentre era intercettato. «Questi qua sono cani sciolti, noi ci dobbiamo mettere il ferro», replicava il suo interlocutore facendo riferimento alla possibilità di ricorrere alle armi.

«Capita spesso che ci sia una visione quasi eroica dei mafiosi, di cui proprio il linguaggio è una delle espressioni più auree. Nelle intercettazioni di questa indagine emerge invece una dimensione diversa basata su un controllo capillare del territorio, quasi ad-personam», continua Di Piazza durante la trasmissione radiofonica Direttora d’Aria – in onda dal lunedì al venerdì sui canali del gruppo Rmb. «Io l’ho capito che volevi dargli un altro schiaffo però ti sei fermato perché hai visto il bambino… e non è corretto, perché tu sei padre di famiglia pure», si legge in un’altra intercettazione riportata nelle oltre 300 pagine dell’ordinanza di custodia cautelare. 

Un lungo elenco di dialoghi in cui la vita del criminale è considerata a tutti gli effetti come un lavoro. Emblematico l’episodio in cui alcuni presunti appartenenti del gruppo si recano, a quanto pare con l’obiettivo di portare a termine un’estorsione, in un cantiere edile allestito lungo via Monserrato, non distante da piazza Cavour. Quando gli indagati si trovano davanti gli addetti scatta la precisazione: «Tu sei un operaio e stai facendo il tuo lavoro e così come te anche noi facciamo il nostro lavoro, adesso spegni l’escavatore e vatti a prendere un caffè al chiosco perché qui non si lavora più fino a quando non mi venite a cercare per risolvere la situazione». «Questa frase – spiega Di Piazza (autore del libro Mafia, linguaggio, identità) – è a tutti gli effetti un’autolegittimazione del proprio operato». 

E nel gioco a guardie e ladri c’è anche un sentimento di compassione da parte degli ultimi nei confronti di chi dovrà giudicarli. Passaggio, quest’ultimo, che viene messo in conto senza nemmeno troppi patemi. «Umani come noi sono, dipende come si alzano la mattina», commentavano. Altro particolare di questa indagine è il mancato utilizzo di qualsiasi tipo di linguaggio criptico per eludere le microspie. «Si sviluppa una sindrome da Grande fratello – conclude lo studioso – Nei primi due giorni, quando entri nella casa, stai attendo a tutto perché hai le telecamere addosso. Poi però ti abitui e non ci pensi più. Loro sapevano di essere intercettati ma emerge comunque una comunicazione esplicita».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]