Madrid: un anno dopo

Sono le 7.37. Centinaia di campane suonano nel medesimo istante.
Un anno fa dieci bombe esplodevano su quattro treni carichi di pendolari. Erano studenti, lavoratori, gente comune e, soprattutto, innocente.
Un silenzio carico di ricordi e disperazione invade una città ferma nel suo dolore.
Le 650 chiese di Madrid fanno udire la propria voce e riportano alla mente quella che doveva essere una mattina normale per 2000 persone.
Un giorno qualunque. Bambini assieme ai genitori. Ragazzi che sarebbero dovuti andare a scuola, impiegati, gente che raggiungeva la città solo per piacere. E poi il caos. Dentro quelli che sembravano anonimi zaini si celavano delle bombe pronte a esplodere e seminare morte.
Le urla, le lamiere contorte, il sangue, la disperazione. Questa la scena che si presentava agli occhi dei soccorritori e delle televisioni di tutto il mondo accorse ad assistere alla più grande tragedia della storia moderna spagnola.
Il bilancio finale si mostrava nella sua più grande crudezza. Erano morte 191 persone e i feriti ammontavano a circa due migliaia.
Subito si pensò che l’Eta fosse responsabile. Poi forse i gruppi di integralisti islamici. Non solo sui luoghi della tragedia ma anche nelle menti di tutti la confusione regnava incontrastata.
Le indagini successive portarono all’arresto di membri di un gruppo affiliato ad Al-Quaeda e si abbandonò l’ipotesi dei separatisti baschi.
La Madrid che si sveglia oggi rivolge il suo pensiero alle sue vittime con tante manifestazioni.
La visita di re Juan Carlos e della regina Sofia al “Bosco degli Assenti”, nel parco del Retiro dove sono stati piantati 192 tra ulivi e cipressi (uno in più alla memoria di un poliziotto rimasto ucciso durante le operazioni di arresto dei terroristi).

Il minuto di silenzio nei luoghi degli attentati. Atocha, Santa Eugenia, El pozo, calle Tellez.
Il ricordo privato di tutti gli spagnoli e del resto del mondo.
Cosa ha significato questa terribile tragedia per tutti? Innanzitutto la riscoperta di un senso di vulnerabilità. Dopo l’undici settembre, passato il momento di maggiore crisi, si pensava che la situazione sarebbe tornata alla normalità. E invece l’ombra del terrore ha di nuovo coperto l’umanità lasciandola ancora una volta sbigottita e impotente.
Inoltre il dolore sordo e lancinante nel pensare a tutte quelle persone normali, che come ciascuno di noi, quella mattina si preparavano ad affrontare la propria giornata ignare di vedersi trasformare la vita o, peggio, morire.
Tutte le commemorazioni serviranno a poco se non si riuscirà a portare il mondo verso quella pace da tanti agognata e che in giorni come questi sembra proprio impossibile.
Il sacrificio di queste e di tutte le altre vittime del terrorismo dovrebbe servire al mondo come memoria permanente affinché mai più sangue innocente sia versato in nessuna parte del pianeta.
Speriamo che un giorno sia così.

http://www.elpais.es/comunes/2005/11m/02_vidasrotas/index.html

 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]