L’uomo della mia vita, sette storie di rabbia «Un sentimento collettivo, poco raccontato»

Si chiama L’uomo della mia vita ma non è un romanzo d’amore. Tutt’altro. Sette racconti che snocciolano in lungo e in largo, «un sentimento collettivo, condiviso da tutti, dal precario che lavora al centro commerciale, al sottoproletario, al migrante, al disoccupato che si suicida: la rabbia. Quella che è messa davanti ad una condizione senza sbocchi. La rabbia disperata, senza speranza. Che alla fine rimane inespressa».

E’ la prima pubblicazione di Daniele Zito. Trentadue anni, laureato in ingegneria e ricercatore all’Università di Catania, ma anche scrittore emergente. «Sono ingegnere, è vero – ci dice – Ma nella vita faccio anche altro. Mi interesso alla letteratura da sempre. Forse perchè appartengo ad una generazione precedente, quella che andava oltre la formazione settoriale – dice – In fondo, se non siamo noi gli intellettuali di oggi, chi altro può esserlo?», sostiene. «Poi il mio lavoro di ricerca all’Università c’entra molto con i meccanismi di comprensione della realtà. E la narrativa la vedo come uno di questi». Specie la letteratura contemporanea, dal cui bagaglio personale tira fuori letture di autori come  Andrea Bajani, Paolo Nori, Giuseppe Genna e Michela Murgia.

Originario di Siracusa ma trasferitosi a Catania dai tempi dell’Università, Daniele è conosciuto anche come attivista sociale dell’Antico Corso, volontario per anni all’interno del centro popolare occupato Experia. Ma nel suo libro «non ci sono storie personali», dice. Ma solo «l’epressione di un sentimento che sento molto nei modi di rappresentare la realtà oggi. Partendo da Brunetta che chiama i giovani bamboccioni, alla Fornero con tutte le definizioni del lavoro poste sempre più spesso su un piano offensivo, che leggittima ogni condizione», continua. «Una realtà in cui tutto sembra plausibile e la rabbia repressa si trasforma in accettazione passiva. Un sentimento collettivo ma frammentato che, come vediamo, sempre più spesso si manifesta in piccoli focolai rivoluzionari che poi, alla fine, non si concretizzano nel cambiamento, nella reazione».

Il racconto che da il titolo alla raccolta parla della rabbia nei rapporti personali. Ma c’è anche dell’altro. Una storia è incentrata sull’astensionismo, un’altra sul precariato. L’unico racconto ambientato a Catania, Il turista, prende spunto da una storia vera: lo sbarco di settanta migranti portati al Pala Catania. L’ultimo è una chiusa, «ma somiglia più ad un epilogo», dice l’autore. «Un modo per aprire ancora la riflessione sul tema della raccolta, piuttosto che per concluderla dando una morale. Anche se – continua – c’è il tentativo di dare una soluzione alla rabbia. E sta nella consolazione, che non vuol dire rassegnarsi nè accontentarsi. Piuttosto una consolazione che aiuti a spostare il punto di vista di chi prova rabbia insoddisfatta e disperata», spiega Zito. «La verità è che spesso diamo spiegazioni assurde alla rabbia che proviamo. Ma l’unico modo per vincerla è rassegnarsi ad alcune evidenze. Ma perché questo avvenga c’è sempre bisogno che qualcuno ci consoli».

L’uomo della mia vita è in vendita su Amazon.it a soli 1,02 euro. «Il prezzo più basso che avessi potuto imporre», racconta Zito. «Perchè la cosa che mi interessava di più non era autoprodurmi, ma confrontarmi con una nuova forma di produzione, fruizione e distribuzione della narrativa. Per questo ho scelto di pubblicare un e-book, che è un modo di costringere la narrazione su un supporto digitale – spiega – Il mio libro, infatti, può essere letto solo su un Kindle. Una soluzione che per certi versi può sembrare limitativa, ma per capire quali sono i pregi e i difetti di una nuova forma di produzine, l’unico modo è provarla».

Non un rifiuto del libro cartaceo quindi, né un tentativo di bypassare l’editoria classica, ma piuttosto un modo per sperimentare la proposta di Amazon. «Penso che oggi stiamo correndo il rischio che ci sia un monopolio dei supporti di lettura digitale. Tra qualche anno non sarà più nè l’editore nè l’autore a controllare la diffusione della narrativa, ma chi produce i dispositivi di supporto degli e-book. Che presto si aggiungeranno alle altre forme di fruizione del sapere», sostiene Zito. «Mi importa capire cosa succederà quando violerò il copyright – sorride – Se, alla fine, questa evoluzione del libro in digitale innescherà un altro meccanismo di repressione culturale. E se così sarà, trovare un modo per scardinarlo», conclude il giovane autore. «Di certo si creerà una spaccatura tra chi potrà ancora comprare i libri cartacei e chi leggerà su Amazon ma non avrà mai il piacere di una libreria in casa propria».

[Foto di  axom.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Ha il titolo di una raccolta rosa, eppure parla di tutto fuorché d'amore nel senso più romantico del termine. E' il primo libro di Daniele Zito, scrittore emergente di Catania, che mette insieme tante storie, tutte diverse ma unite da un filo conduttore: la rabbia. «Un sentimento che oggi - secondo l'autore - tocca tutti indistintamente ed è il riflesso della società in cui viviamo»

Ha il titolo di una raccolta rosa, eppure parla di tutto fuorché d'amore nel senso più romantico del termine. E' il primo libro di Daniele Zito, scrittore emergente di Catania, che mette insieme tante storie, tutte diverse ma unite da un filo conduttore: la rabbia. «Un sentimento che oggi - secondo l'autore - tocca tutti indistintamente ed è il riflesso della società in cui viviamo»

Ha il titolo di una raccolta rosa, eppure parla di tutto fuorché d'amore nel senso più romantico del termine. E' il primo libro di Daniele Zito, scrittore emergente di Catania, che mette insieme tante storie, tutte diverse ma unite da un filo conduttore: la rabbia. «Un sentimento che oggi - secondo l'autore - tocca tutti indistintamente ed è il riflesso della società in cui viviamo»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]