Life is light, progetto «ecoglocal» in Sicilia Scuola di stile di vita e integrazione a Lentini

Uno scambio culturale, di respiro europeo, in cui un gruppo di ragazzi tra i 17 e i 29 anni, di nazionalità e culture diverse, imparano una serie di mestieri manuali legati al territorio e a vivere in condivisione. Si chiama Life is light e ed è un progetto internazionale – approvato nell’ambito del programma Youth in action e dall’European commission – messo in piedi da un’associazione di Lentini, la Ex duco lab. L’obiettivo? «Dare attenzione ai giovani in condizioni di svantaggio economico e sociale, ma anche geografico. Che è quello in cui spesso si trova chi vive in Sicilia», spiega Alessandra Matarazzo, 30 anni, vice presidente Edb ed ideatrice del progetto insieme ad Alessio Bufalino. Che – come precisa lei stessa – segue i dettami della comunità europea ed è legato a varie esperienze a livello internazionale e locale. Con la finalità di dare a chi partecipa delle competenze alternative e concrete da spendere nel mondo del lavoro. «Alcuni dei ragazzi che sono arrivati non avevano mai visto un albero – sottolinea la responsabile – e adesso sanno raccogliere le arance e fare tantissime altre cose».

Dal 24 ottobre a oggi, giovani provenienti dalla Romania e da diverse parti d’Italia, hanno vissuto insieme in un agrumeto in contrada Sigona, tra Lentini e Catania. Qui – grazie agli insegnamenti di professionisti del settore – hanno imparato vari mestieri legati alla natura e al territorio. Parole d’ordine: ecosostenibilità e rispetto per l’ambiente. «Tutti valori quasi spariti – afferma Alessandra – ma che invece servono a formare una mentalità in contrasto con una società divenuta insostenibile». Un periodo di lavoro e condivisione, «per trasmettere le basi di uno stile di vita semplice e salutare e un atteggiamento sociale di apertura verso il nuovo e il diverso». In quest’ottica, non risulta casuale la scelta del paese partner. «A Lentini c’è una percentuale molto alta di famiglie rumene, che vivono isolati all’interno della loro comunità, dove restano emarginati e non integrati», spiega la vice presidente.

Invece, lo scopo di Life is light è proprio quello di favorire l’integrazione, anche attraverso momenti di lavoro in gruppo. Durante la loro permanenza in contrada Sigona, infatti, i ragazzi – tutti provenienti da situazioni di disagio ed ambienti molto diversi tra loro – hanno lavorato insieme all’insegna dell’aiuto reciproco. E dell’ecologia. Tra i loro manufatti ci sono strutture ecosostenibili come docce solari, bagni ecologici, compostiere da giardino e arredamenti, tutto realizzato con materiali riutilizzati e riciclati (pallett, plastica, vetro, vecchi mobili, alluminio ed altri ancora), che hanno imparato a costruire a e migliorare. Hanno anche prodotto compostaggio domestico, terriccio fertile, saponi naturali con scarti di olio d’oliva o cenere, mini serre tramite vecchie bottiglie di plastica, canali di scolo e orti in sospensione utilizzando lattine di birra. Infine, si sono dedicati alla semina di ortaggi e prodotti di stagione e alla realizzazione di uno spazio circolare adibito alla condivisione, nella quale si pianteranno i grani antichi. Tutto questo per favorire un «ritorno alla cultura di appartenenza, al rispetto dei valori di una società contadina nella quale non esisteva il rifiuto e nella quale tutto diveniva risorsa». Anche il cibo è a impatto zero: tutti  i pasti, infatti, sono preparati con alimenti prodotti in loco o acquistati da contadini e aziende locali.

Non solo lavoro, ma anche attività di svago come i laboratori fotografici, in cui i ragazzi impiegano tutta la seconda parte della giornata. Dove «la fotografia è utilizzata come strumento per lo sviluppo personale e mezzo per capire la società: vedere la realtà che ci circonda ed equiparare i diversi stili di vita», sottolinea Alessandra. Anche qui, i partecipanti sono stati seguiti da un gruppo di esperti locali, che sono serviti loro anche come esempi «di siciliani che ce l’hanno fatta». Il progetto Life is light, è stato realizzato in collaborazione con Manitese Sicilia, Ycma Parthenope, le Giacche verdi di Bronte, TecnoGeo, Rifiuti zero Sicilia e Forum catanese per l’acqua bene comune.

«In questo momento di crisi sociale, di mancanza di lavoro e di speranze, l’obiettivo comune deve essere quello di fare intercultura e sviluppare una cittadinanza europea, attiva e pensante. E che abbia qualcosa da fare», afferma la vice presidente di Edb, associazione – costituita da ragazzi tra i 25 e i 30 anni – che dal 2009 si occupa di creare progetti internazionali di formazione per i giovani. «Nella società di oggi non tutti possono essere medici o avvocati: c’è bisogno anche di uno stile di vita semplice e di mestieri antichi, legati al nostro territorio». Per dare una possibilità anche a chi è svantaggiato. «Se il futuro non c’è, ce lo costruiamo da noi, nella nostra terra. E’ arrivato il momento di modificare le cose in Sicilia, e questo è un punto di partenza».

 

[Foto di Ex Duco Lab]


Dalla stessa categoria

I più letti

Un gruppo di ragazzi provenienti da Romania e Italia vivono insieme da dieci giorni in un agrumeto siciliano, imparando mestieri legati ad ambiente e territorio, tra ecosostenibilità ed integrazione. Con la possibilità, dopo, di entrare nel mercato del lavoro. E' un'idea di Ex duco lab, associazione di giovani lentinesi che mette a punto occasioni di formazione giovanile. Tra Unione europea, sviluppo locale e possibilità di occupazione

Un gruppo di ragazzi provenienti da Romania e Italia vivono insieme da dieci giorni in un agrumeto siciliano, imparando mestieri legati ad ambiente e territorio, tra ecosostenibilità ed integrazione. Con la possibilità, dopo, di entrare nel mercato del lavoro. E' un'idea di Ex duco lab, associazione di giovani lentinesi che mette a punto occasioni di formazione giovanile. Tra Unione europea, sviluppo locale e possibilità di occupazione

Un gruppo di ragazzi provenienti da Romania e Italia vivono insieme da dieci giorni in un agrumeto siciliano, imparando mestieri legati ad ambiente e territorio, tra ecosostenibilità ed integrazione. Con la possibilità, dopo, di entrare nel mercato del lavoro. E' un'idea di Ex duco lab, associazione di giovani lentinesi che mette a punto occasioni di formazione giovanile. Tra Unione europea, sviluppo locale e possibilità di occupazione

Un gruppo di ragazzi provenienti da Romania e Italia vivono insieme da dieci giorni in un agrumeto siciliano, imparando mestieri legati ad ambiente e territorio, tra ecosostenibilità ed integrazione. Con la possibilità, dopo, di entrare nel mercato del lavoro. E' un'idea di Ex duco lab, associazione di giovani lentinesi che mette a punto occasioni di formazione giovanile. Tra Unione europea, sviluppo locale e possibilità di occupazione

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]