L’ex maneggio degli orrori, «indagine complessa» Ritirata proposta di convenzione con Sos Randagi

Un’indagine interna che dal Comune definiscono «complessa». A una settimana dalla scoperta di otto carcasse di cane all’interno di un ex maneggio nell’oasi del Simeto, grazie alla segnalazione dell’associazione Teg4friends, a palazzo degli Elefanti proseguono le verifiche per accertare eventuali responsabilità da parte di dipendenti e funzionari comunali. Controlli partiti su un doppio binario: capire chi fosse a conoscenza di quello che è stato ribattezzato l’ex maneggio degli orrori e fare luce sulla sospensione del servizio di soccorso dei randagi in cittàannunciato il 1 novembre e smentito dall’amministrazione. In entrambi i casi al centro dell’attenzione è finito Rosario Puglisi, dirigente a capo dell’ufficio Progetto Animali del Comune. Gli approfondimenti si stanno allargando a diversi provvedimenti emanati dalla direzione Ecologia e Ambiente, per verificare «se siano in linea con le disposizioni di legge». 

Ad assumersi la responsabilità delle carcasse ritrovate nell’Oasi è stato Alberto Trimboli, presidente dell’associazione animalista Sos Randagi. «Al Comune sanno che tengo lì i cani vivi, ma non sono a conoscenza degli animali morti», ha spiegato a MeridioNews. Sos Randagi è l’unica associazione convenzionata con Palazzo degli elefanti. Fino allo scorso 31 dicembre gestiva il servizio di tutela del benessere animale nelle municipalità 7, 9 e 10: si tratta del monitoraggio, censimento e sterilizzazione dei cani nelle zone del porto, della zona industriale, di Librino, San Giorgio, Villaggio Sant’Agata, Zia Lisa e via Palermo. Una sponsorizzazione che è stata ricompensata dal Comune con una fornitura di mangime una tantum, una spesa di circa 8-9mila euro. 

L’accordo è scaduto, ma non la collaborazione tra l’associazione e il Comune. Lo scorso 30 settembre è stata approvata la proposta di una nuova convenzione. Questa volta per «la gestione di Oasi canine e feline», luoghi all’aperto dove concentrare randagi. Beneficiari sarebbero state quattro associazioni animaliste: Gli altri, Anta omlus, Le Aristogatte e, appunto, Sos Randagi, che avrebbero ricevuto 3mila euro ciascuna. Il provvedimento però è stato ritirato. «Non c’erano più i presupposti», spiega Puglisi, che giustifica così i criteri di scelta delle citate associazioni: «Sono le uniche che collaborano fattivamente con noi, l’anno scorso sono state ricompensate con croccantini, quest’anno si era pensato a questa convenzione ma alla fine, per non scontentare nessuno, è stata ritirata».

Dietro la marcia indietro ci sarebbero le richieste della consulente del sindaco Enzo Bianco per la tutela degli animali, Gabriella Barchitta, di un riassetto generale della gestione del randagismo in città. «Sto cercando di legalizzare ciò che fino a ora è stato fatto in maniera approssimativa – spiega – Non voglio commentare il passato, ma le cose vanno fatte in un’altra maniera, mi piacerebbe coinvolgere con una convenzione tutte le associazioni animaliste presenti sul territorio e non soltanto alcune. Se ci sono a disposizioni 10-15mila euro, è giusto dividerli tra tutti i volontari». 

Puglisi, intanto, nega di sapere che Trimboli tenesse dei cani nell’ex maneggio. «Conosco quel posto perché abbiamo effettuato interventi di bonifica di microdiscariche ma non ho visto randagi, non ne sapevo nulla». Versione diversa da quella data dallo stesso presidente di Sos Randagi e da Valentina Barone, volontaria della Lega nazionale per la difesa del cane, sezione di Catania. Quest’ultima è la tutor dei cani di David, il senzatetto che all’inizio di novembre è stato invitato da un dipendente comunale a spostarsi proprio tra i ruderi dove sono state ritrovate le carcasse. «Sono stata informata dal dottor Puglisi che David sarebbe stato spostato in un posto all’interno dell’Oasi del Simeto nei pressi dell’ex caserma della Guardia di Finanza». L’ex maneggio diventato cimitero si trova esattamente a qualche centinaio di metri da lì. «Puglisi mi ha precisato che era stato David a fargli questa proposta e che sarebbe stata una sistemazione temporanea, perché i cani sono predatori e quella è una zona protetta». ricostruzione dei fatti differente dunque, su cui si spera possa far luce l’indagine interna del Comune. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

A una settimana dalla notizia del ritrovamento di otto carcasse di cani in un rudere nell'Oasi del Simeto, si allargano le verifiche decise dal sindaco Enzo Bianco. Sotto la lente d'ingrandimento diversi provvedimenti della direzione Ecologia e Ambiente. Marcia indietro intanto su un nuovo accordo con l'associazione convenzionata col Comune, il cui presidente ha ammesso di aver portato i cadaveri degli animali

A una settimana dalla notizia del ritrovamento di otto carcasse di cani in un rudere nell'Oasi del Simeto, si allargano le verifiche decise dal sindaco Enzo Bianco. Sotto la lente d'ingrandimento diversi provvedimenti della direzione Ecologia e Ambiente. Marcia indietro intanto su un nuovo accordo con l'associazione convenzionata col Comune, il cui presidente ha ammesso di aver portato i cadaveri degli animali

A una settimana dalla notizia del ritrovamento di otto carcasse di cani in un rudere nell'Oasi del Simeto, si allargano le verifiche decise dal sindaco Enzo Bianco. Sotto la lente d'ingrandimento diversi provvedimenti della direzione Ecologia e Ambiente. Marcia indietro intanto su un nuovo accordo con l'associazione convenzionata col Comune, il cui presidente ha ammesso di aver portato i cadaveri degli animali

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]