Etna, i due fratelli diventati cacciatori di grotte laviche «Dal 2018 censite 40 cavità. L’ultima dedicata a Battiato»

«Conosco l’Etna pietra per pietra». Una considerazione spesso in voga tra chi pensa di conoscere ogni angolo della montagna. L’Etna però per i fratelli Paolo e Dario Teri, guide naturalistiche e maestri di sci, è invece un vulcano ancora tutto da scoprire. Basti pensare che dal 2018 hanno individuato, partendo quasi per gioco, 40 grotte di scorrimento lavico, tutte poco note o inedite. Le ultime due, in ordine di tempo, sono quelle ribattezzate del Sofà e di Gravità permanente in onore del cantautore Franco Battiato. «Prima di iniziare le esplorazioni – racconta a MeridioNews Dario Teri – facciamo una perlustrazione su carta o attraverso strumenti tecnologici così da individuare la presenza di possibili cavità nel territorio». L’iniziativa dei fratelli rientra nel progetto Etna Lava tubes. Una sorta di maxi-censimento delle grotte, visibile sul portale etnaexcursion.it, in cui è possibile osservare tutte le scoperte fatte dal 2018. 

A ognuna di queste viene attribuito un nome e non poteva mancare quella a cui è stato affiancato il cognome delle due guide naturalistiche. La cavità si trova nel territorio del Randazzo nel versante Etna nord. «Normalmente andiamo a fare le esplorazioni con corde e scalette per scendere nelle cavità – continua Teri – A volte però non è possibile perché il luogo è impervio e c’è bisogno di attrezzature particolari». Sull’Etna, fino a tre anni fa, erano circa 250 le grotte censite, adesso si è passati a circa 300 ma il numero è destinato a crescere. «Ci sono tante grotte che abbiamo visto dall’esterno – conferma la guida naturalistica – ma le abbiamo lasciate per esplorazioni future con i mezzi necessari». 

«La nostra convinzione è che più esploriamo il vulcano e più ci rendiamo conto che ci sono tante cose da scoprire e segreti da svelare. Le grotte sono ambienti misteriosi e difficili da rilevare – continua Teri – Perché lo facciamo? Ci spinge lo spirito d’avventura e lo facciamo con molta umiltà perché l’Etna è davvero enorme». L’ultima grotta scoperta, quella dedicata a Battiato, ricade in un’area al confine tra i territori di Bronte e Maletto, sulle lave del 1975 a quota 2250 metri sul livello del mare. «Si tratta di una cavità di modeste dimensioni, accessibile solo con delle corde ma con una forma particolare perché il terreno ha avuto una sorta di collasso e che si caratterizza per la presenza di ghiaccio e neve», spiega Teri. Per raggiungerla dalla località nota più vicina bisogna camminare circa dieci chilometri, su terreni non segnalati o impervi per le lave scoriacee o frammentate. «In termini di tempo servono dalle otto alle dieci ore», spiegano.

Esplorazioni e visite però non sono destinate a tutti gli amanti della montagna. «Tra le 40 cavità censite alcune sono accessibili anche all’escursionista senza particolare capacità ma la raccomandazione è che, anche per regolamento, bisogna usare casco e luci. In ogni caso è sempre meglio rivolgersi a persone competenti». In generale la parola d’ordine quando si frequenta la montagna è rispetto, anche quando si raggiungono mete conosciute come la grotta del Gelo, a 2043 metri e sempre nel territorio di Randazzo. «È un posto molto delicato, da frequentare con responsabilità e poche persone per volta».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]