Lele Scieri «ucciso dai tre caporali per punizione» La conclusione delle indagini della procura militare

Emanuele Scieri è stato ucciso da tre caporali che per punirlo per avere fatto una telefonata, lo avrebbero percosso e costretto a salire su una torre da cui lo avrebbero fatto cadere per lasciarlo poi agonizzante a terra all’interno della caserma Gamerra di Pisa. È questo il punto fermo per la procura militare di Roma, diretta da Marco De Paolis, che ha emesso un avviso di conclusione indagini per il reato di violenza a inferiore mediante omicidio pluriaggravato in concorso. 

«Sono anni che aspettiamo questi momenti – ha detto la mamma di Lele, Isabella Guarino – È una notizia che ci rincuora e ci dà fiducia nella giustizia. Siamo solo all’inizio. Ci auguriamo adesso che chi sta procedendo lo faccia con la stessa determinazione fino alla fine». La famiglia già nella serata di ieri era stata informata della novità. «Ce lo avevano preannunciato – conferma a MeridioNews l’avvocata Alessandra Furnari che assiste i familiari di Scieri – Siamo soddisfatti della chiusura delle indagini e ci sembra che dalla procura militare non abbiano voluto attutire le responsabilità». 

Della morte del parà siracusano – avvenuta il 13 agosto del 1999 – sono accusati tre commilitoni: il 41enne Andrea Antico originario di Casarano (in provincia di Lecce) e ora in servizio presso il settimo Reggimento Aves (Aviazione dell’esercito) di Rimini; il 41enne Alessandro Panella che pur essendo residente a San Diego (in California) è domiciliato a Cerveteri (in provincia di Roma); e il 43enne Luigi Zabara, nato in Belgio e residente a Castro dei Volsci (nel Frosinate). Sulla stessa vicenda è in corso anche una parallela inchiesta della procura ordinaria di Pisa che, dopo 20 anni e la relazione della commissione parlamentare, ha riaperto le indagini

L’accusa della procura militare per i tre caporali, effettivi al reparto corsi del Centro addestramento paracadutismo della caserma Gamerra, è di avere «cagionato con crudeltà la morte dell’inferiore in grado allievo-paracadutista Emanuele Scieri». Tutto comincia la notte del 13 agosto di 21 anni fa, quando i tre incontrano Scieri mentre stava per fare una telefonata con il suo cellulare, poco prima di rientrare in camerata. Lo fermano, gli contestano di avere violato le disposizioni che vietano di usare il telefonino e, «abusando della loro autorità», lo costringono a «effettuare subito numerose flessioni sulle braccia». 

Nell’avviso di conclusione indagini si legge che «mentre eseguiva le flessioni, lo colpivano con pugni sulla schiena e gli comprimevano le dita delle mani con gli anfibi, per poi costringerlo ad arrampicarsi sulla scala di sicurezza della torre di prosciugamento dei paracadute, dalla parte esterna, con le scarpe slacciate e con la sola forza delle braccia». Il prosieguo della ricostruzione della procura militare è agghiacciante. «Mentre Scieri stava risalendo, veniva seguito dal caporale Panella che, appena raggiunto, per fargli perdere la presa, lo percuoteva dall’interno della scala e, mentre il commilitone cercava di poggiare il piede su uno degli anelli di salita, gli sferrava violentemente un colpo al dorso del piede sinistro; così facendo, a causa dell’insostenibile stress emotivo e fisico subìto, provocato dai tre superiori, Scieri perdeva la presa e precipitava al suolo da un’altezza non inferiore a cinque metri, in tal modo riportando lesioni gravissime».

Fratture alla sesta vertebra dorsale, traumi vari alla testa e ad altre parti del corpo. Dopo la caduta Panella, Antico e Zabara, «constatato che il commilitone, sebbene gravemente ferito, era ancora in vita, invece di soccorrerlo, lo abbandonavano sul posto agonizzante e così ne determinavano la morte». Secondo la procura, «il tempestivo intervento del personale di sanità militare, da loro precluso, avrebbe invece potuto evitare la morte».   

Leggi il dossier di MeridioNews sul caso di Emanuele Scieri.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]