Sangu e latti, lo Sperone lancia un messaggio alla città   «Non è solo un dipinto, serve a creare nuove relazioni»

Un luogo bello è un luogo da preservare, da tenere al sicuro. Dove fa piacere vivere. Se è vero quindi che dalla tenuta delle periferie spesso dipende anche la tenuta di una città intera, è da queste che si deve ripartire. In modo concreto. Allo Sperone oggi è stato presentato oggi Sangu e latti, un murale dipinto da Igor Scalisi Palminteri. Ecco che un gesto restituisce colore e accende i riflettori su una realtà spesso dimenticata e può servire a riportare al centro dell’agenda l’attenzione e la cura verso una parte importante di Palermo. Qua fino a febbraio scorso c’era un asilo nido mai partito, mai entrato in funzione per 40 anni. Diventato luogo di degrado, spaccio e prostituzione. Una volta abbattuto, il 19 febbraio scorso, è nata una co-progettazione partecipata con l’ordine degli architetti. Un ulteriore tassello, un ulteriore elemento di bellezza contro il degrado, per riportare al centro l’infanzia. 


Il filo rosso di questa giornata importante per lo Sperone conduce a Antonella Di Bartolo, dirigente scolastico dell’Ics Sperone-Pertini. «Oggi è un giorno di festa che rimette al centro i bambini di questo quartiere -afferma – le famiglie e le mamme oggi presenti in gran numero. Quello che era partito come un progetto di scuola è diventato un progetto di comunità che ha saputo attirare a sé le energie positive della città di Palermo, l’Asp, le associazioni di volontariato di mamme che non appartengono al quartiere, c’è il Comune ma siamo tutti qua con un unico obiettivo: restituire all’infanzia un luogo che le era stato negato».

L’artista che ha dato vita al murale è parte integrante del progetto: «L’idea nasce da un’associazione che si occupa di allattamento al seno che si chiama Allattamento e comunità – spiega Scalisi Palminteri – mi hanno chiesto di fare un dipinto in città che raccontasse l’importanza di questa pratica e ci è sembrato giusto realizzarlo qui, dove sei mesi fa è stato abbattuto un asilo nido che dagli anni Settanta non aveva mai ospitato un bambino, quindi è una scuola costruita e demolita senza essere mai stata veramente una scuola». L’artista è già autore di diversi lavori a Ballarò, che sono serviti anche da ponte ad alcune riqualificazioni di spazi cittadini. Ora dopo due anni, è stata la volta dello Sperone: «Con la preside dell’Ics Sperone-Pertini abbiamo fatto diversi lavori con i bambini. Mi sono accorto però che se cammino per Ballarò e c’è la munnizza posso alzare gli occhi e vedere degli edifici che raccontano la storia di questa città. Qui invece il quartiere è dimenticato, ha bisogno di cure. Cure che si manifestano non solo attraverso la pulizia delle strade, o con il mettere delle piante, ma anche attraverso la relazione tra le persone. Questo non è quindi solo un dipinto ma è tentare di creare nuove relazioni». All’inizio, racconta l’artista, c’è una certa diffidenza tra gli abitanti del condominio dove è realizzata l’opera, «poi iniziano a vedere quello che succede – continua Scalisi Palminteri –  e c’è un’accoglienza totale. Anche in fatti concreti i bambini mi hanno aiutato a dipingere la scritta in basso (Sangu e latti ndr) insieme a degli studenti olandesi che sono arrivati qui per fare un’esperienza nei quartieri della città. Sangu e latti è un detto siciliano antico, di buon auspicio. C’è il sangue, la salute e il latte, il nutrimento. Ho deciso di dipingere questa donna che allatta la bambina perché l’allattamento unisce tutti noi che siamo figli, non solo le mamme».

Proprio una di loro, Claudia Pilato, avvocata, mamma di Carla e Diana e socia dell’associazione L’Arte di crescere racconta con entusiasmo la sua partecipazione al progetto: «Mi piace prendere in prestito le parole di una madre che vive qui allo Sperone: “Finalmente un po’ di colore, un po’ di luce in questo quartiere“. Questo messaggio vogliamo portare qui oggi: un messaggio di promozione e protezione a sostegno dell’allattamento ma anche a sostegno dell’infanzia e dei cittadini che vivono qui. Riaccendere i riflettori su questo argomento, che può essere un mezzo per porre l’attenzione sull’intero quartiere credo che sia un obiettivo raggiunto, anche se ne abbiamo tanti altri. Siamo neofiti del territorio, lavoriamo in città con l’associazione L’arte di crescere da diversi anni ma è stato un incontro di amorosi sensi quello con la professoressa Di Bartolo e con Igor che ci hanno portato in questo quartiere e siamo entusiasti di iniziare questo percorso».

Un messaggio rilanciato anche dal sindaco Leoluca Orlando: «Mi auguro che gli altri quartieri di Palermo seguano l’esempio dallo Sperone: è possibile coniugare la bellezza estetica con i comportamenti. L’allattamento è importante, lo sanno le mamme e lo sanno i bambini: noi oggi con questo murale lo ricordiamo a chi l’ha dimenticato. Oggi lo Sperone manda il messaggio a tutta la città: che si possono fare delle cose belle e buone al tempo stesso».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]