L’assessora ai Grandi eventi e la società che li organizza «Conflitto d’interesse? Resto in carica ma non la gestisco»

Assessora ai Grandi eventi del Comune di Catania dal 9 luglio del 2018 e, contemporaneamente, amministratrice unica e rappresentante di Expo Srlsocietà che si occupa di promozione, organizzazione e gestione di fiere, eventi, congressi, sfilate, spettacoli, mostre, concerti, manifestazioni sportive, iniziative culturali e turistiche. «Capisco che si possa pensare male – ammette Barbara Mirabella a MeridioNews – ma io sono serena perché ho un curriculum lungo 22 anni». L’ipotesi di un conflitto di interesse era venuta fuori già all’indomani della sua nomina da parte del sindaco Salvo Pogliese e lei aveva assicurato che, in tempi brevi, avrebbe pensato a come fare «per evitare qualsiasi conflitto e confusione». In realtà, trascorsi quasi due anni, ogni cosa è rimasta al proprio posto. Compresa la confusione. Intanto, a novembre, l’assessora dovrà comparire in tribunale per rispondere dell’accusa di diffamazione.

Barbara Mirabella è ancora amministratrice unica e rappresentante legale dell’azienda nata nel 2011 con un capitale sociale di 80mila euro. Socia di maggioranza con il 75 per cento delle quote, la restante parte è di suo marito Gianluca Landolina. «Non mi sono dimessa formalmente – risponde l’assessora al nostro giornale – ma la società ormai la gestisce completamente mio fratello (Marco, ndr), insieme ai miei collaboratori». Lo scorso 11 gennaio, alle Ciminiere di Catania è andato in scena Sposami, il 16esimo salone del matrimonio. A tagliare il nastro dell’evento è stato il sindaco Pogliese. «A prendere parte all’inaugurazione – si legge nel comunicato – l’assessore regionale al Turismo Manlio Messina, l’assessore alle Attività produttive di Catania Ludovico Balsamo e allo Sport Sergio Parisi; la founder e l’organizzatore di Expo, Barbara e Marco Mirabella». A un evento del genere non c’è l’assessore ai Grandi eventi? C’è ma indossa i panni della «founder».

Dal Cooking Fest a CamBioVita fino alla Fiera mediterranea del Cavallo. Sono diversi gli eventi di cui la società si è occupata in questi anni. Nel primo caso c’era il patrocinio e la compartecipazione della Città metropolitana di Catania e la collaborazione con il Comune di Catania. «Non ho mai lavorato con il Comune di Catania e della Città metropolitana, anzi – sottolinea l’assessora – sono cliente da 22 anni». Cioè, per fare le fiere paga l’affitto per le sale nei padiglioni. «Nella mia vita – aggiunge Mirabella – non ho mai ricevuto un centesimo da nessuno dei due enti pubblici». Le altre due manifestazioni sono state promosse dall’assessorato regionale al Turismo. Per CamBioVita a Expo sono andati 50mila euro; poco meno (47.811,80 euro) il contratto per la manifestazione di Ambelia. «Ho partecipato regolarmente ai bandi – spiega Mirabella – come faccio in tutta Italia con la società che è iscritta al Mepa (il mercato elettronico della pubblica amministrazione, ndr)». 

«Comprendo che possa nascere il dubbio – ammette l’assessora – ma, negli ultimi due anni, il mio ruolo non ha fatto aumentare i fatturati dell’azienda con gli enti pubblici». Per Mirabella, dunque, non ci sarebbe nessun conflitto d’interesse. «Lavoro 20 ore al giorno per il Comune di Catania e per l’azienda sono fuori dai giochi, ma ho delle responsabilità e degli impegni con le banche: non si può uscire così da un’azienda e intestarli ad altri». Un profilo difficilmente inquadrabile in un partito, è considerata fedelissima al primo cittadino etneo. «Ci conosciamo dai tempi della scuola», spiega lei che, prima di essere assessora, è stata componente del tavolo dei saggi proprio in quanto event manager. Una trentina di esperti e professionisti di vari settori selezionati per aiutare l’allora candidato sindaco di Forza Italia a stilare il programma di governo.

È a quell’epoca che risalgono i fatti per cui da adesso a Mirabella è arrivato un decreto di citazione in giudizio: è accusata di diffamazione da un ex socio per un post pubblicato sul suo profilo Facebook il 2 maggio del 2018. «Un sedicente povero signore […] – si legge nel post incriminato – che ha annullato l’ennesima fiera in programma […] (come sempre lanciata sul web millantando chissà quale edizione straordinaria) si trovava, causa ennesimo fallimento, ad avere molto, troppo tempo libero». Queste sono le parole che sono costate un rinvio a giudizio a quella che, di lì a due mesi, sarebbe diventata l’assessora ai Grandi eventi del Comune di Catania. Il pubblico ministero Fabio Regolo scrive che «offendeva la reputazione e l’onore» del legale rappresentante di una società concorrente «attribuendogli condotte scorrette nell’esercizio della professione di imprenditore del settore organizzazione fiere ed eventi». «Sono fatti personali che non ho intenzione di rendere pubblici – afferma Mirabella – Si tratta di cose molto dolorose e vecchie che riguardano la mia famiglia e che nulla hanno a che fare con il mio ruolo di assessore. Se ne ragionerà in tribunale».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]