La quarantena dei ragazzi autistici tra video e chiamate «La distanza fisica è un limite ma pure un’opportunità»

«La distanza fisica è un limite ma anche una opportunità». La stanno sperimentando gli operatori della cooperativa Controvento di Catania che, dal 2015, si occupano di servizi socio-psico-educativi per diverse disabilità intellettive, dalla sindrome di down all’autismo. In questo periodo di restrizioni dovute all’emergenza coronavirus, «stiamo sperimentando anche noi nuovi metodi per continuare a coltivare i legami con i nostri ragazzi e con le loro famiglie», racconta a MeridioNews Martina Nucifora, la coordinatrice delle attività per bambini e ragazzi con disturbi dello spettro autistico. Per l’occasione della Giornata mondiale dell’autismo dello scorso 2 aprile, Controvento ha realizzato un video con i ragazzi e i loro genitori

«Abbiamo scelto la canzone Come un pittore dei Modà per rappresentare i nostri ragazzi e le loro famiglie che sono ricchi di sfumature di colori», spiega Martina che, insieme agli altri operatori e alle altri operatrici, ha trovato un modo «di annullare le distanze, fare sentire la vicinanza e colorare un po’ il web facendo conoscere questa realtà perché la conoscenza è un prerequisito fondamentale per l’inclusione». 

Dai tre ai 45 anni per Controvento l’obiettivo è l’autonomia di tutte le persone. «Con i bambini partiamo dall’autonomia individuale a quella esterna che si comincia a incrementare nell’adolescenza – precisa – per arrivare alla residenzialità, all’inserimento lavorativo, insomma alla realizzazione del progetto di vita di ciascuno». In questo momento in cui è d’obbligo rispettare l’isolamento sociale per contenere la diffusione del contagio del Covid-19, molte attività sono state sospese. 

«Stiamo provando a sopperire con videochiamate durante le quali – racconta Martina – con i ragazzi facciamo delle attività e ai genitori concentriamo il passaggio di conoscenze e consigli utili che, di solito, diluiamo nel tempo». Giochi sensoriali, esercizi che sviluppano le abilità fino-motorie, consigli su come gestire lo spazio e il tempo a casa. «La cosa più difficile da affrontare per i ragazzi autistici è il cambio di una routine, rinunciare ai ritmi con cui le loro giornate erano scandite prima. Per questo – aggiunge – proviamo a mantenere con loro una continuità anche a distanza». 

Dall’altro lato ci sono i genitori tra cui Muni Sigona, la mamma di Toti che, insieme al marito Michele da anni porta avanti il progetto dell’hotel etico La casa di Toti nelle campagne di Modica, in provincia di Ragusa. «Se non fosse per la rabbia per il fatto che da ieri non troviamo in farmacia un medicinale indispensabile per Toti – racconta a MeridioNews – direi che la nostra quarantena stava andando bene». 

Toti è un ragazzone di 22 anni autistico e che soffre anche di psicosi. «Chiede sempre quando finisce il coronavirus ma, in realtà, lui ama stare a casa e gli piace averci tutti a casa – racconta la donna – In questo periodo è felice quando cucino per lui e spesso mi domanda, con tono preoccupato, se continuerò anche dopo a farlo come adesso». Anche le giornate di Toti, però, sono diverse a causa della pandemia. «Gli mancano gli amici e gli educatori – dice la madre – ne viene solo uno la mattina». 

Anche in questo caso, a colmare in parte le distanze ci pensa la tecnologia. «Con gli altri ragazzi e i loro genitori ci incontriamo ogni pomeriggio tramite una piattaforma online». C’è chi racconta la propria giornata, chi canta, chi balla, chi cucina. «Toti all’inizio non amava molto questo tipo di interazione e, infatti, ai primi due non ha partecipato. Poi – continua Muni – ha visto una ragazzina nuova, si è incuriosito e si è avvicinato per conoscerla». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Se c’è una cosa che non si può comprare, è il tempo. Lo sanno bene gli imprenditori, spesso alle prese con la burocrazia e la risoluzione dei problemi, che lasciano poco spazio allo sviluppo delle proprie attività. Una di queste preoccupazioni, però, ha una soluzione facile: si tratta della flotta auto aziendali, gestibile risparmiando tempo […]

«In natura non esistono i rifiuti, ogni elemento si inserisce nel ciclo del biosistema, mantiene il valore il più a lungo possibile e si trasforma in nuova risorsa, innescando un circolo virtuoso». Ancora possibile anche in una società del consumo, andando Al cuore delle cose. Prende spunto – e pure il nome – da questo […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Sid Vicious ha ammazzato la sua compagna Nancy (non andò a processo perché morì di overdose). Bill Cosby sta facendo collezione di denunce per violenza sessuale. A Harvey Weinstein sappiamo tutti com’è finita. C’hanno fatto anche un movimento, il #metoo, per sensibilizzare alla violenza di genere tra i vipponi. Ma al governo italiano piacciono soltanto […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Non siamo una città. Siamo un incubo. Uno di quelli realistici, ma talmente esagerati che non possono essere veri. E, prima o poi, infatti, ci si sveglia. È però una lunga notte quella che stiamo vivendo da cittadini: catanesi oggi, palermitani appena un anno fa, siciliani tutti. Un sonno profondo che si rinnova a ogni […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]