Istat, niente libri nelle case dei siciliani Ma i laureati leggono «il Candido di Sasha»

Il 71 per cento degli intervistati confessa candidamente di non aver letto nemmeno un libro in un anno e il 18 per cento delle famiglie ammette di non possedere neppure un libro in casa. Una Sicilia desolata, quella che viene fuori dal rapporto Istat La produzione e la lettura di libri in Italia e si guadagna l’ennesimo primato negativo in una graduatoria nazionale. Frutto di due indagini riferite al 2013 – rispettivamente su vita quotidiana e mercato librario –, il report in questione rivela che al Sud e nelle isole meno di una persona su tre può essere considerata un lettore. E si noti che, per reputarli tale, all’Istituto nazionale di statistica basta un solo titolo per 12 mesi.

Tra i fattori che ostacolano maggiormente il consumo di libri, per gli editori intervistati ci sarebbero in primis la mancanza di adeguate politiche scolastiche di educazione alla lettura e, in secondo luogo, il basso livello d’istruzione della popolazione. In effetti, stando ai numeri, in Italia leggono meno di una persona su tre, ma circa tre laureati su quattro, cioè il 77 per cento delle persone in possesso di un titolo di studio più elevato del diploma.

I laureati ci salvano, perciò. Almeno finché non arrivano in libreria a chiedere libri come «il Candido di Sasha», «Colazioni in Sicilia di Vittorini», «qualche libro di idem» o «un classico con il testo fronte-retro». Aneddoti simili rendono aspra la giornata lavorativa di Elio, dipendente di una nota libreria catanese, che non ha dubbi sul fatto che questi lettori disorientati riescano a conseguire senza troppi problemi il loro titolo di studio: «Molti sono già laureati. Qualcuno trova interessante un tuo suggerimento e chiede se c’è qualcosa di fac simile. Anche Braudel si legge come si scrive, talvolta». Problematici anche i clienti di Vittorio, dipendente di una piccola libreria universitaria del centro storico: «Mi viene in mente il giovane che si ostinò a chiedermi i Pensieri morali di Leopardi – racconta – Dopo una ventina di minuti capii che voleva leggere i Canti. Molti vuoi dimenticarli, altrimenti impazzisci». Ma indelebile è il ricordo della studentessa adirata con il suo docente di diritto penale, il quale «aveva consigliato la lettura di Dei delitti e delle pene per fare entrare soldi nelle tasche di un qualche collega amico».

«Nel Mezzogiorno la lettura continua ad essere molto meno diffusa rispetto al resto del Paese» dice il rapporto Istat, ma è anche vero che in Italia si legge sempre meno: la quota di persone che annualmente prende un testo in mano per motivi non scolastici o professionali è scesa dal 46,8 per cento del 2010 al 41,4 per cento del 2013. E quasi una famiglia italiana su dieci, a quanto pare, riempie con altri oggetti gli scaffali della libreria.

In questo scenario cupo, l’Istat scorge un «segnale positivo» e invita a non trascurare che «il 6,6 per cento di quanti non hanno libri in casa ma hanno utilizzato internet negli ultimi tre mesi, ha letto o scaricato libri online o e-book». Niente carta, quindi, ma digitale sì, e questa volta senza differenze tra Nord e Sud: l’accesso ai libri attraverso la Rete appare «un fenomeno piuttosto omogeneo a livello nazionale» in termini di percentuali. Un divario sembra invece crearsi sulla base del livello di istruzione, dal momento che ad acquistare libri ed e-book sono «in larga maggioranza le persone laureate». Le statistiche non dicono nulla sul livello delle letture e non parlano mai di strafalcioni. In ogni caso Google ti avvisa che «forse cercavi: Candido di Sciascia».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Neanche una lettura in un anno per più della metà della popolazione e nemmeno un volume in casa per il 18 per cento delle famiglie. Record per la regione nel rapporto 2013 sulla lettura in Italia. In tutto il Paese resistono i laureati, tre su quattro sono lettori. «Ma molti vengono a chiedere classici con il testo fronte-retro», lamenta il dipendente di una libreria catanese

Neanche una lettura in un anno per più della metà della popolazione e nemmeno un volume in casa per il 18 per cento delle famiglie. Record per la regione nel rapporto 2013 sulla lettura in Italia. In tutto il Paese resistono i laureati, tre su quattro sono lettori. «Ma molti vengono a chiedere classici con il testo fronte-retro», lamenta il dipendente di una libreria catanese

Neanche una lettura in un anno per più della metà della popolazione e nemmeno un volume in casa per il 18 per cento delle famiglie. Record per la regione nel rapporto 2013 sulla lettura in Italia. In tutto il Paese resistono i laureati, tre su quattro sono lettori. «Ma molti vengono a chiedere classici con il testo fronte-retro», lamenta il dipendente di una libreria catanese

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]