Integrazione, solidarietà e inclusività

Quando mi è stato proposto di scrivere, apportando un mio contributo all’interno della
rubrica, ho subito pensato che potesse essere un modo semplice e diretto per far conoscere,
ai più, una realtà magari sconosciuta. 

Desidero soffermarmi, in senso lato,
sull’integrazione

Motivo? Perché credo fortemente in questa parola che, oltre a
essere un vocabolo, è un modus vivendi e un valore che ben si sposa con altri quali
solidarietà e inclusività. 

Da un po’ faccio parte di un’associazione, Refugees Welcome
Italia
, all’interno della quale sono una volontaria attivista. Tale realtà include gli ideali
sopra citati e altri ancora; mi è subito piaciuta l’aria che si respirava, e si respira, che sa di
umanità, ospitalità e condivisione. 

Cosa faccio? Cosa facciamo? 

Mettiamo in contatto i
rifugiati con le famiglie propense a ospitarli
condividendo le proprie abitudini e stili di vita
integrandoli con quelli dell’ospitato, in un’ottica di melting pot. Come psicologa e
psicoterapeuta ritengo che empatizzare (“mettersi nei panni dell’altro”) sia a dir poco
fondamentale; domandarsi “chissà cosa prova, cos’ha vissuto, come si sente”, e ancora
“come mi sentirei al posto suo?”
ci renderebbe persone migliori. Questo è un punto saldo
di ciò che penso e faccio, sempre. Per lavoro e nel privato, a 360°. 

Noi di Refugees ci
occupiamo di accoglienza in famiglia (promuovendola), di mentoring e di coabitazioni
solidali.
L’attivismo che promuoviamo al fianco dei rifugiati che vivendo nel nostro paese
incontrano svariate barriere (che impediscono loro l’espressione di se stessi, delle proprie
capacità, aspirazioni e propositi) è importante per una Catania aperta, disponibile e
curiosa. Siamo animati dal desiderio di rafforzare la coesione sociale nella nostra
comunità contribuendo alla creazione di “conoscenza” reciproca, costruzione di relazioni
tra le persone aiutandole a superare paure, stereotipi e pregiudizi. In questo periodo, più
che mai, abbiamo ricevuto molte richieste da famiglie dell’hinterland catanese, e non solo,
disposte a ospitare afghani e altre nazionalità; ciò potrebbe anche essere conseguenza di
riscatto dell’isolamento forzato all’interno del quale tutti noi ci siamo trovati da quando è
iniziata la pandemia.
Chi lo sa che la paura del contagio, vigente da più di un anno e mezzo a questa parte,
non abbia generato una crescente voglia di contaminarsi – mescolarsi – mischiarsi e
unirsi gli uni con gli altri.

Come associazione abbiamo deciso di aderire al Pop Up Market Sicily con l’idea di farci
conoscere; sono state tante le persone che si sono avvicinate a noi, segno di una Catania
inclusiva e desiderosa di accogliere l’altro, il “diverso”. Tale termine, ahimè troppe volte
utilizzato in modo spregiativo, non per forza deve avere un’accezione negativa, anzi! La
diversità può rappresentare ricchezza e accrescimento non soltanto per gli altri ma anche
per se stessi. Il boom di disponibilità e voglia di rendersi utili, di “aiutare”
verosimilmente è sinonimo del desiderio di non rimanere chiusi all’interno della propria
piccola, rigida e conosciuta realtà.

Ps: ah, io mi sono molto divertita all’evento, ho parlato con tantissime persone e mi sa
proprio che in tanti, a vario titolo, entreranno a far parte della nostra squadra per
promuovere una società più integrata e solidale.

Stay tuned.

Sito web: www.refugees-welcome.it 
Mail: catania@refugees-welcome.it
Fb: Refugees Welcome Italia-Catania


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]