Il caso della Popolare di Ragusa e il nodo delle azioni bloccate «Risparmi congelati. Siamo costretti a chiedere aiuto ai parenti»

Risparmiatori traditi: costretti a vedere i propri soldi, investiti in azioni, che restano congelati perché i titoli non si possono più vendere. Il caso è quello che riguarda centinaia di clienti della Banca agricola popolare di Ragusa. L’istituto a più riprese è stato condannato dall’arbitro per le controversie finanziarie, sistema specifico gestito dalla Consob – la Commissione nazionale per le società e la borsa -, per le questioni che riguardano investitori non professionali e intermediari finanziari. L’obiettivo per i clienti è quello di tornare in possesso dei propri risparmi a cui in questi anni hanno dovuto rinunciare. Ad aiutarli c’è l’Adusbef, associazione a tutela dei consumatori specializzata nel settore finanziario. 

«I protagonisti di questa storia sono risparmiatori e famiglie che si fidavano della banca di riferimento del territorio», spiega durante la trasmissione Direttora d’aria, in onda su Radio Fantastica e Sestarete Tv, Elisabetta Freni, avvocata e delegata Adusbef Catania e Ragusa. «Venivano consigliati ad acquistare azioni non quotate in borsa con la rassicurazione che fosse un investimento non rischioso e che avrebbe fruttato, dando comunque la possibilità di essere liquidate in tre giorni». Cioè i risparmiatori potevano vendere in poco tempo le proprie azioni riprendendone il valore e l’eventuale guadagno. «Dal 2016 in poi la banca ha reso il tutto molto complicato, senza svolgere il ruolo di negoziazione. Con il passare del tempo le azioni hanno perso circa il 40 per cento del loro valore – continua Freni – e i risparmi sono rimasti bloccati». I clienti di questa storia hanno capito poco o nulla, rendendosi conto del problema quando avevano bisogno di accedere ai propri risparmi e vedendosi negata la possibilità. 

Un problema innanzitutto di comunicazione: secondo Adusbef, carente e poco chiara. «Stiamo parlando di un territorio colpito in maniera massiccia perché quasi tutte le famiglie hanno investito in azioni, anche con più persone all’interno dello stesso nucleo – continua l’avvocata –  Se nasceva il nipotino, per esempio, qualcuno ha anche deciso di comprargli le azioni». «Abbiamo scelto di procedere davanti all’arbitro per fare capire alla banca che certe deduzioni, da parte nostra, avevano un fondamento giuridico – spiega Freni – Anche questo istituto, purtroppo, è un po’ lento ma dopo quasi due anni sono arrivate tutte le decisioni e si è formato un orientamento importante e costante che ha evidenziato un inadempimento da parte della banca. Chi si rapporta con il cliente deve avere un comportamento tale da renderlo davvero consapevole». Ma visto che l’istituto continua a ignorare le pronunce e a non cercare una soluzione, il prossimo passo annunciato saranno le cause.

A reclamare i propri risparmi c’è, tra i tanti, Maria Rita Gueli. Cliente della Popola di Ragusa insieme ai due figli. «Tutto è iniziato perché mio marito aveva messo da parte qualche risparmio – racconta – Il personale ci ha consigliato di fare questo investimento dicendoci che in qualunque momento potevamo prendere i nostri soldi. E invece nel 2017 stavamo affrontando dei lavori di ristrutturazione e non siamo riusciti a ottenere il denaro. Si sono giustificati dicendoci che era un problema di tutte le banche, consigliandoci persino di fare un prestito. Ma noi i soldi li avevamo, solo che non potevamo usarli e non lo sapevamo. Ci siamo sentiti presi in giro, perché gli impiegati erano persone conosciute e di cui ci fidavamo». 

Un problema a cui si è aggiunta una necessità ancora più urgente: la salute del marito che inizia a vacillare. A quel punto i soldi alla famiglia servivano anche per fare fronte alle spese sanitarie. «Abbiamo fatto delle richieste scritte alla banca ma non abbiamo ottenuto nulla – aggiunge la cittadina -. L’unica soluzione sono i prestiti o l’aiuto di qualche parente. Recentemente mi hanno chiesto di mettere le azioni in vendita online ma non siamo riusciti a raggiungere il risultato e non è cambiato nulla. Nel frattempo mio marito ha raggiunto il 100 per cento di invalidità». Inutile pensare di chiedere aiuto ai figli già grandi: anche loro avevano investito nelle stesse azioni. «E adesso mia figlia si ritrova a dover crescere un bambina senza nemmeno poter chiedere il reddito di cittadinanza perché, per lo Stato, lei i soldi li ha. Solo che non può usarli e chissà quando e se li rivedremo».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]