«Ho riconosciuto i miei figli dai tatuaggi sui loro corpi» Svolta sul giallo dei tre sub trovati morti sulle spiagge

«Mi chiamo Jalila e ho riconosciuto i miei figli grazie ai loro tatuaggi». Lo scorso febbraio, dalla procura di Termini Imerese sono state diffuse alcune delle immagini scattate durante le perizie dei medici legali sui corpi dei tre sub morti che non erano stati reclamati da nessuno e non erano stati identificati. Per mesi i magistrati di cinque procure diverse (Agrigento, Messina, Patti, Termini Imerese e Trapani) hanno indagato sul possibile collegamento tra i cadaveri trovati sulla costa tirrenica della Sicilia e il rinvenimento di sei scatoloni pieni di hashish. Adesso, la madre di due giovani tunisini Jalila Taamallah ha riconosciuto i tatuaggi di due dei suoi figli. «Tutto ciò che chiedo è di riportare le salme in Tunisia per dare loro una degna sepoltura». 

Il primo cadavere viene trovato il 31 dicembre a Mezzaforno (in provincia di Palermo), una settimana dopo (l’8 gennaio) un secondo corpo riaffiora su una spiaggia a Castel di Tusa (nel Messinese) e, infine, il 15 gennaio il terzo cadavere viene trovato nella zona tra Termini ImereseTrabia (nel Palermitano). Intanto, sui litorali di Castelvetrano, Cefalù, Messina e Agrigento erano spuntati anche sei pacchetti – tutti confezionati allo stesso modo – per un totale di quasi cento chili di sostanza stupefacente dal valore complessivo di oltre un milione di euro. «Informo che la barca che ha portato i miei figli in Italia non è la stessa che compare nella foto diffuse – aggiunge ancora la donna – Si è parlato di traffici di droga ma questa vicenda con la droga non c’entra nulla. I miei figli erano con altri quattro connazionali su una barca che è naufragata», ricostruire Taamallah.

Il primo corpo, quando viene ritrovato ha addosso solo gli slip e la parte superiore della muta; il secondo cadavere indossa una muta intera, la canottiera, i calzini e le scarpe da ginnastica; anche il terzo corpo ha addosso una muta da sub della stessa marca (Aqua Lung) di quella indossata dal primo cadavere e anche lui ha una canottiera e dei calziniSui loro corpi nessun segno di violenza. «I miei figli indossavano la muta perché la nostra è una famiglia di pescatori e loro si vestivano così quando andavano per mare». La donna li avrebbe riconosciuti dai grossolani tatuaggi rimasti incisi sulla loro pelle, protetti proprio dalle mute che indossavano: la sagoma di un pipistrello – che somiglia al simbolo di Batman – con all’interno delle ali due ghirigori, una lettera emme che sembra la rappresentazione grafica del segno zodiacale dello Scorpione, un disegno tribale composto da una striscia con all’interno dei triangolini, la scritta in inglese One love e una A di anarchia inscritta dentro a un cerchio


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]