Formazione/ Sui prepensionamenti nuova presa in giro del Governo Crocetta

NUMERI CHE NON RISPONDONO ALLA REALTA’ E CHE CONFERMANO L’ESTREMA CONFUSIONE SUL SETTORE DEL GOVERNATORE. UN DIRITTO CHE NON SI CAPISCE CHI POTRA’ FAR VALERE. TANTO PER CAMBIARE E’ CAOS

Per garantire l’accesso alla quiescenza anticipata ed incentivata in favore di 1400 lavoratori della Formazione professionale occorrono almeno 120 milioni di euro e non 35 come ha annunciato più volte negli ultimi due giorni il presidente della Regione, Rosario Crocetta. I conti non tornano e la confusione, invece, aumenta.

Con 45 milioni di euro, la cifra che era stata individuata dal precedente Governo regionale dell’allora presidente Raffaele Lombardo, si potevano avviare al pensionamento anticipato circa 400 unità che, per un periodo di circa quattro anni di debito maturato dai beneficiari nei confronti dell’Inps, sarebbero costati, all’anno e cadauno, circa 125 mila euro per un totale di circa 48 milioni di euro.

Purtroppo per il presidente della Regione, Rosario Crocetta, i conti che continua a sciorinare sarebbero errati.

La notizia sui prepensionamenti che interesserebbero 1400 operatori della Formazione professionale non convince affatto gli osservatori e gli esperti del settore.

Secondo quanto abbiamo raccolto dalle indiscrezioni pervenute in redazione, i dati sul numero dei lavoratori interessati al prepensionamento sono già in possesso dell’assessore alla Formazione professionale e del dipartimento regionale al ramo.

Dati raccolti a seguito di un censimento che qualche mese fa è stato commissionato proprio dagli uffici di diretta collaborazione dell’assessore Nelli Scilabra.

Dalle cifre emerse dal citato censimento, riferiscono le indiscrezioni, sarebbero 408 i dipendenti ad avere i requisiti per la quiescenza anticipata ed incentivata con misure di accompagnamento fino a tre anni e mezzo di debito previdenziale.

La cifra comprenderebbe anche l’accesso di un certo numero di lavoratrici che sarebbero andate via con la penalità. Per queste ultime, per ogni anno che passa si riduce la possibilità di accedere all’anticipata pensione, riducendo la platea degli aventi diritto.

E poi, sempre stando alle indiscrezioni raccolte, visto il rischio legato all’incertezza dell’apertura della finestra per il quarto anno, come previsto dalla legge n.92 del 28 giugno 2012, conosciuta come ‘legge Fornero’ dal nome del ministro del Lavoro e della Politiche sociali che insieme ad altre norme implementate durante il governo Monti attuò la riforma del sistema pensionistico pubblico italiano, i lavoratori ci vanno cauti.

Secondo le citate indiscrezioni, prudenzialmente gli operatori hanno già fatto sapere alle organizzazioni sindacali che presenteranno istanza fino a un massimo di tre anni e mezzo in coincidenza col maturare del diritto, non spingendosi oltre ed allo scopo di evitare di diventare ‘esodati’.

Di anno in anno, si stima che l’aumento dei prepensionati potrebbe incidere presumibilmente di circa un quarto, e cioè di circa 80 unità per anno.

E comunque per tornare alle indiscrezioni richiamate sui numeri sballati dichiarati dal presidente Crocetta, emergerebbe che con 45 milioni di euro potrebbero accedere al pensionamento anticipato e incentivato solamente 400 operatori che costerebbero circa 120 mila euro per ciascuno dei quattro anni di riferimento, compreso gli incentivi.

Lo ripetiamo, a conti fatti, per arrivare a 1400 beneficiari, occorrono complessivamente 120 milioni di euro e non 35 come detto dal Governatore della Sicilia. Resta il fatto che il presidente Crocetta queste cifre non le ha riferite. Perché?

Gioco di prestigio oppure il Governatore siciliano è stato informato male? E se i soldi ci sono, i 120 milioni di euro sono nel cassetto, perché non dirlo e spiegare da dove arriveranno? Oppure è stata l’ennesimo colpo ad effetto per declinare la pressione mediatica sulla ‘pupilla’ Nellina?

Chissà. Un dato è certo, con i numeri il presidente Crocetta proprio non c’azzecca. E siccome si tratta di un diritto per i cittadini siciliani, è doveroso che si faccia chiarezza.

I siciliani e non solo gli operatori del settore della Formazione professionale si aspettano dal Governatore della Regione che torni sull’argomento e porti i dati reali e corretti per circoscrivere il fenomeno e comprendere chi e quanti potranno usufruire dell’anticipato pensionamento.

Nota a margine

La storia dei prepensionamenti è un bufala totale. Perché la Regione, in ‘cassa’, non ha nemmeno un milione di euro da erogare al Ciapi di Priolo. E’ solo un modo per prendere altro tempo creando nuove illusioni.
g.a.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]