Emanuele, paraplegico dopo un’immersione in mare «Medici hanno spento il dolore, buona sanità esiste»

Emanuele ha 55 anni, è nato a Segrate, nel Milanese, e vive a Vittoria. Nella città ipparina vivono anche i suoi figli, ma da due anni, a causa delle cure e dei frequenti ricoveri, passa la maggior parte del tempo a Palermo. Per oltre 25 anni, fino al novembre 2015, ha lavorato come operatore tecnico subacqueo per varie imprese italiane. Un lavoro nato dalla passione per il mare, le immersioni e l’archeologia subacquea che da 24 mesi circa, però, non può più svolgere. Emanuele, infatti, a causa di un’embolia midollare che lo ha colpito durante una immersione, adesso è paraplegico, costretto all’utilizzo delle stampelle o della carrozzina. Una vita libera è divenuta così schiava del dolore, fino al novembre scorso, quando un intervento chirurgico gli ha restituito un po’ di normalità

Le lesioni ci sono ancora, Emanuele non può utilizzare le sue gambe in autonomia, ma la sofferenza fisica che aveva reso un inferno le sue giornate non c’è più, e lui oggi ci tiene a ringraziare quella che chiama «buona sanità» che ha trovato in Sicilia, a Palermo, a Villa delle Ginestre, senza alcun viaggio della speranza nelle cliniche estere o del nord Italia. «Nel novembre scorso – racconta – ho subito un intervento durato quasi tre ore, servito ad applicarmi un neuromodulatore spinale lungo la schiena che, inviando degli impulsi elettrici, spegne il dolore»

A occuparsi di lui sono stati la dottoressa Giorgia La Rosa e l’equipe medica del reparto di medicina antalgica diretta dal dottor Silvestro Crinò del Centro di alta specializzazione nella cura di traumi midollari, guidato dal dottor Massimo Darbisi. «Dopo due giorni di degenza – continua – e un’accurata istruzione sul dispositivo esterno e sulla cura delle ferite, ispezionate e medicate dalla squadra magica del dottor Crinò – ovvero gli infermieri specializzati Giuseppe Militello, Libio Stabile, Michele Cangiemilla, le dottoresse Arone e Di Girolamo – sono rientrato a casa per il periodo di prova che per me poteva già considerarsi concluso il giorno stesso, dato che i dolori erano già completamente spariti». 

Il dramma di Emanuele inizia il 4 novembre 2015, al termine di un’immersione di lavoro sulla condotta subacquea per lo scarico a mare dei reflui di Sferracavallo, in provincia di Palermo, al servizio di una ditta del capoluogo, alla profondità di 40 metri. Un’immersione tranquilla, in compagnia di un secondo diver con cui svolge le stesse mansioni negli stessi tempi, e che li vede uscire dall’acqua e risalire sulla barca senza alcun problema. «Purtroppo, dieci minuti dopo, ancora con la muta addosso – ricorda – ho avvertito la sensazione che dall’ombelico in giù tutto si stesse svuotando dalle forze, in maniera così rapida da non darmi il tempo di sedermi. Sono caduto a terra come un sacco vuoto. Mi è stato subito somministrato ossigeno puro e mi hanno messo sul mezzo navale più veloce per trasferirmi al porto di Palermo, dove mi attendeva già chi avrebbe dovuto trasferirmi in ospedale. Qui la diagnosi è stata tremenda: embolia midollare all’altezza del tronco e ischemia frontale sinistra. Comincia così la lunga degenza presso il centro specializzato in lesioni midollari di Villa delle Ginestre, a Palermo, dove dopo un anno esatto, con estrema professionalità, mi hanno portato ad una ripresa parziale delle funzioni delle gambe». 

Se qualcuno si stesse chiedendo se c’è qualcosa che si possa fare per evitare incidenti simili, questa è la risposta di Emanuele: «Gli incidenti subacquei sono legati principalmente a due fattori. Velocità di risalita eccessiva, o superiore in ogni caso ai dieci metri al minuto, o la mancata esecuzione delle soste di decompressione. Dopo 25 anni di lavoro nel settore so benissimo come trattare le immersioni e questa, per l’appunto, era una delle più tranquille. Tutto mi fa pensare, dunque, ad una tragica fatalità». Da quel giorno, e fino a quello dell’intervento di installazione del neuromodulatore spinale, ci sono stati consulti medici, terapie farmacologiche pesanti e fisioterapia intensiva, ma anche lunghi giorni a letto in preda a dolori lancinanti alle gambe e alle cosiddette parestesie, fastidi dovuti a formicolio intenso, senso di bruciore o di attraversamento di corrente o piuttosto senso di scorrimento di liquidi lungo le gambe.  

«A Villa delle Ginestre le fisioterapiste Lea De francisci, Marisa Gnoffo, e Eleonora Rumeo Romeo, e i medici sono diventati la mia seconda famiglia. Quelle dell’intervento sono state tre ore strazianti, ma dopo pochi minuti dalla sua fine ho già cominciato a star bene. Alla vigilia di Natale sono stato dimesso ed è stato naturalmente il miglior regalo che io abbia mai ricevuto. Finalmente posso trascorrere le giornate con i miei familiari, con i miei amici e soprattutto posso programmare la mia vita anche per i giorni successivi, sicuro che il dolore non potrà più fermarmi. La buona sanità esiste veramente e può crescere con l’aiuto che amministratori e politici possono e devono dare alla ricerca e agli ospedali o centri come Villa delle Ginestre di Palermo».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Il 55enne è nato a Segrate e vive a Vittoria. Fino al 2015 ha lavorato come operatore tecnico subacqueo, poi un'embolia midollare lo ha costretto sulla sedia a rotelle e il dolore non gli ha lasciato tregua. «Sono tornato a una vita più normale grazie all'equipe di Villa delle Ginestre a Palermo, una seconda famiglia»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]