Eccidio di Bronte, Rometta cancella via Nino Bixio «Piccolo contributo per ripristinare verità storica»

«Siamo un piccolo centro ma abbiamo voluto dare il nostro contributo per ripristinare la verità storica». Nella voce del sindaco di Rometta, Nicola Merlino, risalta ancora l’orgoglio. Nel piccolo centro del Messinese, pochi giorni fa si è svolta l’intitolazione di una via alle vittime dell’eccidio di Bronte, mettendo in atto una piccola rivoluzione toponomastica: lo spazio per commemorare le cinque persone uccise nella cittadina del Catanese, nell’agosto 1860, è stato ricavato sottraendolo a Nino Bixio, il generale garibaldino inviato a Bronte per reprimere una rivolta popolare, che precedentemente aveva causato 16 vittime. Un intervento, quello di Bixio, che si caratterizzò per l’approccio sommario, con un processo lampo per 150 persone e la fucilazione dei cinque.

«Chi ha studiato ha scoperto che tipo di lettura è stata data all’unificazione d’Italia – commenta Merlino a MeridioNews -. I documenti emersi negli ultimi decenni però dimostrano come questa lettura non corrisponda alla realtà, a partire dagli editti di Garibaldi quando sbarca in Sicilia alle promesse disattese, fino ai metodi fascisti messi in campo». L’eccidio di Bronte rappresenta una delle pagine più discusse della storia risorgimentale, specialmente nell’Isola: la rivolta nei territori in cui insisteva la Ducea di Nelson avvenne sulla scia delle speranze alimentate dall’arrivo di Garibaldi, con i ceti meno abbienti che confidavano in una messa in discussione dell’ordine sociale. L’evoluzione dei fatti, con l’utilizzo della violenza, attirarono a Bronte Bixio che decise di sedare la sommossa senza badare ai modi. «Tra le persone fucilate ci fu una figura importante, e peraltro garibaldina, come l’avvocato Nicolò Lombardo accusato di essere capo dei rivoltosi e pure Nunzio Ciraldo Fraiunco, un disabile mentale», aggiunge il primo cittadino.

L’intitolazione di una via alle vittime dell’eccidio di Bronte a Rometta si inserisce in un’azione di rivisitazione della toponomastica cittadina. «Sempre in tema di Risorgimento, l’anno scorso abbiamo intitolato un largo ad Angelina Romano, la bambina fucilata a Castellammare del Golfo perché accusata di brigantaggio», ricorda Merlino. Il sindaco, giunto al quarto anno del proprio mandato dopo una breve parentesi di sindacatura a metà anni Ottanta, ha deciso di affidare l’analisi della toponomastica del Comune a una commissione composta da sole donne. Una scelta non immotivata. «Tolte sante e regine, ci trovavamo con vie e piazze intestate soltanto agli uomini, come se le donne non avessero avuto un ruolo nella storia siciliana e italiana», sottolinea Merlino.

L’obiettivo più ampio è quello di dare lustro alle figure che hanno rappresentato la parte buona della Sicilia, a partire da chi si è opposto alla mafia. «Nel nostro paese abbiamo trovato spazio per Graziella Campagna, Cesare Terranova, Antonino Caponnetto e più di recente Peppino Impastato. Sono loro – conclude il sindaco – le figure da celebrare, la cui memoria va difesa e veicolato alle nuove generazioni. Non certamente personaggi come Nino Bixio».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]