Don Agostino Profeta, l’ultimo dei pupari agrigentini «Un futuro è possibile, narriamo storie dei migranti»

«Una pupata. Cos’altro può essere l’opera dei pupi per chi non la conosce?». La voce squillante di don Agostino Profeta si avverte ancor prima che entrino in scena i suoi occhi celesti, ingranaggio di un’intermittenza di gioia creativa e stizza per l’ingiusto sipario che sta calando sul teatro dei pupi siciliani. 

Nato a Licata nel 1930 e figlio di Giovanni, puparo di professione, l’ultimo dei manianti agrigentini non vuole che la sua vita venga romanzata: sarebbe troppo facile. E il suo intento non è nemmeno ripercorrere la storia dell’opera: per quello ci sono i libri. Sorprendentemente, ciò che preme a don Agostino è attualizzare il tema per evidenziarne i profili di interesse per l’uomo contemporaneo, come se fosse appena uscito da un seminario di marketing per pupari. 

Artista, carrozziere, ciclista, studioso di cultura popolare e artigiano, ha trascorso infanzia e giovinezza a bordo della carovana che il padre portava in giro per tutta la Sicilia, imparando l’arte di rendere umane ed eroiche delle semplici marionette attraverso la modulazione della voce, la scelta delle parole, l’intuito nel recitare. Puparo ma non troppo, nel corso della sua vita, ha sempre capito quando, in ambito lavorativo, giungeva il momento di dedicarsi ad altro e di dire ai suoi pupi: arrassativi

Il mastru puparu licatese si è sempre reinventato, aggiornato, interrogato su cause ed effetti che muovono la storia. «Il puparo, fin dalle origini, è stato un punto di riferimento per la società, soprattutto per coloro che appartenevano ai ceti più bassi e che nella sua figura vedevano un educatore, un insegnante: per questo lo chiamavano “don” – racconta a MeridioNews -. L’opera si rappresentava tutte le sere: la gente seguiva ogni puntata, come si fa oggi con le fiction, con un trasporto fuori dal comune. Conosceva tutti i personaggi e vi si immedesimava completamente. Succedeva – ricorda – che durante lo sbarco dei Mille i siciliani combattessero come i paladini, pur senza armi; che gli spettatori lanciassero scarpe addosso all’avversario del proprio beniamino o iniziassero a dare pugni sul palco, in preda alla disperazione, quando quest’ultimo veniva ucciso». 

Poi ci si inventò l’opera con personaggi viventi. «In quel periodo iniziava a diffondersi il cinema, e per contrastare il declino cui andava incontro il teatro dei pupi – spiega – portammo in scena l’opera recitata da attori in carne e ossa: prima di noi lo fece soltanto Gaetano Crimi, promotore dell’opra a Catania e licatese di nascita». Adesso, quella stessa curiosità talentuosa ed energica, spinge don Agostino a immaginare lo spettacolo dei pupi in chiave contemporanea, per rilanciarlo e salvarlo dall’incuria dell’uomo e del tempo. «Oggi il pubblico non riconoscerebbe più i personaggi, sarebbe impensabile riproporre l’opera a puntate. Servono formule più accattivanti – prosegue – come la concentrazione di varie scene in un’unica rappresentazione e magari l’impiego dei pupi della farsa per stemperare certe atmosfere troppo solenni». 

Strumenti antichi per contenuti nuovi. «Rivisitare la figura dei mori e dei saraceni per affrontare il tema dell’immigrazione e dei profughi, rielaborare le scene dei combattimenti per contrastare il fenomeno del bullismo – immagina don Agostino -. Ecco cosa farei, in una società dove istruzione è sinonimo di troppa scuola e poca educazione». La funzione pedagogica dell’arte, dunque, ma anche il recupero del lavoro manuale. «Un nuovo indotto si può creare solo con un sistema di produzione retto da imprese delle quali gli artigiani non siano dipendenti, ma soci». Un ritorno alla bottega, luogo dove la passione si lega al sacrificio e l’apprendimento non è fine a se stesso; dove si impara a costruire i pupi, non a esserlo. «Si potrebbe puntare anche su un turismo dei pupi – conclude – con un circuito e una rete di servizi studiati su misura». Parola di un puparo, di quelli veri.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]