Davis Cup, quanto durerà il ritorno dell’Italia in A?

Il ritorno dell’Italia nella serie A del tennis non dovrebbe durare più di qualche ora. Sembra abbastanza improbabile che Seppi (n. 46) e Bolelli (n. 135) possano non dico vincere, ma almeno rendere interessanti i loro incontri contro due tipi come il non più giovane Stepanek (n. 33) e soprattutto Thomas Berdych, numero 7 del mondo (ma vale di più), vincitore la settimana scorsa del torneo di Montpellier e sconfitto di misura da Rafa Nadal ai quarti dell’ultimo torneo dello slam. Considerato il pronostico chiuso a favore dei nostri avversari, l’attenzione è stata dirottata sulle bizzare scelte del nostro commissario tecnico, Corrado Barazzutti. La storia recente della nostra nazionale è decisamente travagliata. I nostri due prodi che oggi proveranno a non fare troppe brutte figure contro i cechi fino ad un paio d’anni fa in nazionale non potevano (o volevano) metterci piede. Seppi torna a giocare dopo due anni di lontananza, probabilmente perché interessato alle Olimpiadi di Londra. Per disputare il torneo olimpico è necessario infatti rispondere alle convocazioni della propria federazione. Così l’alto atesino ha abbandonato i suoi propositi di miglioramento in classifica, che erano stati gli argomenti addotti per giustificare l’abbandono, ed è ritornato a casa.

Bolelli, che qualche buontempone aveva paragonato a Federer, un paio d’anni fa sembrava un giocatore in ascesa. Un brutto giorno di settembre lui e il suo allenatore decisero che non avrebbero risposto ad una chiamata in nazionale per via della tournèe asiatica. La potente federazione italiana, nella figura del suo leader mediomaximo Binaghi – un tomo capace di dire che nessuno dovrebbe stare più di sei anni al vertice della federazione, chissà se lo ricorda alla vigilia del mandato che lo condurrà al quindicesimo anno di presidenza – fu dura e inflessibile. Per sei mesi, poi il bolognese si scusò, si separò dall’allenatore Pistolesi, che lo aveva traviato, e finalmente riuscì a tornare in nazionale. Da allora Bolelli, che gravitava intorno al numero 30 del mondo, non ne ha praticamente azzeccata una, perdendo ovunque e contro chiunque, tanto da doversi chiedere come mai sia ancora tra i primi 150. Per questo fine settimana è stato preferito all’infortunato Fognini, a Volandri (numero 70), Cipolla (n. 86) e a Lorenzi (n. 102). Giusto, direte voi, magari abbiamo preferito puntare sui giovani, visto che tanto il pronostico è chiuso. Beh, Giannessi non ha ancora 22 anni, 5 meno di Bolelli, e lo segue di soli 6 posti (141) in classifica. La spiegazione “tecnica” (e vabbè) è che Bolelli avrebbe i colpi e il talento per poter vincere contro Berdych, come dimostrerebbero i precedenti. L’italiano ha addirittura vinto i due ultimi confronti, a Basilea e addirittura sulla sacra terra del Roland Garros. Peccato che da allora siano passati tre anni e le vicende che abbiamo somamriamente descritto. La speranza del nostro capitano è quella del giocatore d’azzardo contro un banco troppo più forte. Se Seppi nell’incontro di apertura di oggi riesce a battere Stepanek, se il doppio ceco non funziona, se se se. Ogni tanto i miracoli succedono no? Beh, a Ostrava ne servirebbero tre, francamente troppi.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Il ritorno dell'italia nella serie a del tennis non dovrebbe durare più di qualche ora. Sembra abbastanza improbabile che seppi (n. 46) e bolelli (n. 135) possano non dico vincere, ma almeno rendere interessanti i loro incontri contro due tipi come il non più giovane stepanek (n. 33) e soprattutto thomas berdych, numero 7 del mondo (ma vale di più), vincitore la settimana scorsa del torneo di montpellier e sconfitto di misura da rafa nadal ai quarti dell'ultimo torneo dello slam. Considerato il pronostico chiuso a favore dei nostri avversari, l'attenzione è stata dirottata sulle bizzare scelte del nostro commissario tecnico, corrado barazzutti. La storia recente della nostra nazionale è decisamente travagliata. I nostri due prodi che oggi proveranno a non fare troppe brutte figure contro i cechi fino ad un paio d'anni fa in nazionale non potevano (o volevano) metterci piede. Seppi torna a giocare dopo due anni di lontananza, probabilmente perché interessato alle olimpiadi di londra. Per disputare il torneo olimpico è necessario infatti rispondere alle convocazioni della propria federazione. Così l'alto atesino ha abbandonato i suoi propositi di miglioramento in classifica, che erano stati gli argomenti addotti per giustificare l'abbandono, ed è ritornato a casa.

Il ritorno dell'italia nella serie a del tennis non dovrebbe durare più di qualche ora. Sembra abbastanza improbabile che seppi (n. 46) e bolelli (n. 135) possano non dico vincere, ma almeno rendere interessanti i loro incontri contro due tipi come il non più giovane stepanek (n. 33) e soprattutto thomas berdych, numero 7 del mondo (ma vale di più), vincitore la settimana scorsa del torneo di montpellier e sconfitto di misura da rafa nadal ai quarti dell'ultimo torneo dello slam. Considerato il pronostico chiuso a favore dei nostri avversari, l'attenzione è stata dirottata sulle bizzare scelte del nostro commissario tecnico, corrado barazzutti. La storia recente della nostra nazionale è decisamente travagliata. I nostri due prodi che oggi proveranno a non fare troppe brutte figure contro i cechi fino ad un paio d'anni fa in nazionale non potevano (o volevano) metterci piede. Seppi torna a giocare dopo due anni di lontananza, probabilmente perché interessato alle olimpiadi di londra. Per disputare il torneo olimpico è necessario infatti rispondere alle convocazioni della propria federazione. Così l'alto atesino ha abbandonato i suoi propositi di miglioramento in classifica, che erano stati gli argomenti addotti per giustificare l'abbandono, ed è ritornato a casa.

Il ritorno dell'italia nella serie a del tennis non dovrebbe durare più di qualche ora. Sembra abbastanza improbabile che seppi (n. 46) e bolelli (n. 135) possano non dico vincere, ma almeno rendere interessanti i loro incontri contro due tipi come il non più giovane stepanek (n. 33) e soprattutto thomas berdych, numero 7 del mondo (ma vale di più), vincitore la settimana scorsa del torneo di montpellier e sconfitto di misura da rafa nadal ai quarti dell'ultimo torneo dello slam. Considerato il pronostico chiuso a favore dei nostri avversari, l'attenzione è stata dirottata sulle bizzare scelte del nostro commissario tecnico, corrado barazzutti. La storia recente della nostra nazionale è decisamente travagliata. I nostri due prodi che oggi proveranno a non fare troppe brutte figure contro i cechi fino ad un paio d'anni fa in nazionale non potevano (o volevano) metterci piede. Seppi torna a giocare dopo due anni di lontananza, probabilmente perché interessato alle olimpiadi di londra. Per disputare il torneo olimpico è necessario infatti rispondere alle convocazioni della propria federazione. Così l'alto atesino ha abbandonato i suoi propositi di miglioramento in classifica, che erano stati gli argomenti addotti per giustificare l'abbandono, ed è ritornato a casa.

Il ritorno dell'italia nella serie a del tennis non dovrebbe durare più di qualche ora. Sembra abbastanza improbabile che seppi (n. 46) e bolelli (n. 135) possano non dico vincere, ma almeno rendere interessanti i loro incontri contro due tipi come il non più giovane stepanek (n. 33) e soprattutto thomas berdych, numero 7 del mondo (ma vale di più), vincitore la settimana scorsa del torneo di montpellier e sconfitto di misura da rafa nadal ai quarti dell'ultimo torneo dello slam. Considerato il pronostico chiuso a favore dei nostri avversari, l'attenzione è stata dirottata sulle bizzare scelte del nostro commissario tecnico, corrado barazzutti. La storia recente della nostra nazionale è decisamente travagliata. I nostri due prodi che oggi proveranno a non fare troppe brutte figure contro i cechi fino ad un paio d'anni fa in nazionale non potevano (o volevano) metterci piede. Seppi torna a giocare dopo due anni di lontananza, probabilmente perché interessato alle olimpiadi di londra. Per disputare il torneo olimpico è necessario infatti rispondere alle convocazioni della propria federazione. Così l'alto atesino ha abbandonato i suoi propositi di miglioramento in classifica, che erano stati gli argomenti addotti per giustificare l'abbandono, ed è ritornato a casa.

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]