Cosa c’è dietro la faccia da mascara

Fateci caso, ogni volta che una donna applica il mascara, la sua bocca si apre, assumendo delle espressioni assurde tra il comico e il tragico. Questa è ormai una certezza assodata e universale. 

Sembra di sentire in sottofondo la sinfonia n.5 di Beethoven, ed eccola lì, pronta, applicatore alla mano, specchio di fronte e, come da copione, la bocca si apre! 

Ma perché lo facciamo? Una cosa è certa, è un’azione che parte dal nostro subconscio. Ma c’è molto di più!

A spiegarcelo è la neuroscienziata Zeeshan Ozair, della Rockefeller University. Secondo la studiosa, questa azione è il risultato della perfetta e sistematica interazione di tre paia di nervi: il trigemino, il facciale e l’oculomotore. Il primo controlla i muscoli dedicati alla masticazione (per aprire e chiudere le mascelle); il secondo ed il terzo, invece, si occupano dei movimenti di occhi e palpebre. 

Proviamo a spiegarlo. Per determinati riflessi, si attiva il sistema nervoso (ad esempio quello delle palpebre) e se ne attiva contemporaneamente anche un altro, cioè quello di mascella e mandibola.

Indovinate qual è il risultato? La faccia da mascara! Occhi spalancati, aperti nel vuoto e bocca semi-aperta… Insomma amiche, una cosa è certa, non sarà la bocca aperta a dare intensità al vostro sguardo, ma siccome in questo periodo non viviamo che di piccole gioie, ve lo concedo! Ma permettetemi il neologismo da coniare: hai proprio una faccia da mascara!

Orazio Tomarchio, make up artist di successo, regalerà le sue perle dissacranti, fedele al suo motto «L’eccesso è la chiave del successo».


Dalla stessa categoria

Lascia un commento