Catania, il Consiglio sul nodo sicurezza. Trantino: «I parcheggiatori abusivi? Non li si può sopprimere nell’acido»

Già per il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi a Catania non ci sarebbe un particolare problema di sicurezza. Che, invece, è stato il tema al centro del Consiglio comunale di questa mattina. Decine di sparatorie, risse (per cui gli ultimi arrestati sono proprio quelli di questa mattina all’Ecs Dogana), il caso del turista aggredito per essere rapinato e lasciato in fin di vita in pieno centro storico, continui furti di auto, le derive della malamovida e il fenomeno dei parcheggiatori abusivi. Ed è proprio su questo ultimo punto che il sindaco Enrico Trantino ha perso il suo classico aplomb. «Compiono delle vere e proprie estorsioni, vengono controllati ma se non vengono colti in flagranza di reato non si può fare niente. Ho chiesto – afferma il primo cittadino dopo avere riportato dei commenti che riceve sui social in merito alla poca efficacia delle azioni di contrasto – e mi hanno detto che non li si può sopprimere nell’acido e che non gli si può infilare il napalm nelle narici. Ditemi che cosa dovremmo fare».

A chiedere l’ordine del giorno del civico consesso di oggi è stato il consigliere comunale della Nuova democrazia cristiana Maurizio Mirenda. «Se non si interviene al più presto, prenderemo la strada del non ritorno», è l’allarme che ha lanciato dopo avere fatto un lungo elenco delle criticità che orbitano attorno al nodo sicurezza. Dalle baby gang alla malamovida, dai cumuli di rifiuti per strada alla mancanza di controlli da parte delle forze dell’ordine. La soluzione per Mirenda sarebbe «creare delle ronde con vigili urbani, polizia, carabinieri, esercito e guardia di finanza». Tutti insieme a fare controlli interforze per presidiare il territorio. Per diversi consiglieri che intervengono nel corso della seduta, invece, la panacea di tutti i mali sarebbero «tavoli tecnici con la prefettura e la questura». Un’idea non proprio originale che, come ricorda il consigliere pentastellato del Gruppo misto Graziano Bonaccorsi è già stata messa in campo senza andare a bersaglio: «Tavoli interforze e tecnici ne abbiamo fatti a bizzeffe, ma risultati zero».

Quando è il suo momento, a ridimensione la questione ci pensa il sindaco Trantino che si era dovuto allontanare per andare in prefettura a fronteggiare l’emergenza neve. «Stiamo attenti a fare la giusta distinzione tra dati e percezione: non voglio minimizzare, ma la situazione – prova ad assicurare – è meno disperata di quello che si vuol far credere». E di volerlo far credere per il primo cittadino sarebbero colpevoli soprattutto alcuni giornali che «hanno interesse, per seguire l’algoritmo di Facebook, a dare notizie che alimentano il disagio». Mentre, invece, da parte dell’amministrazione «c’è un’azione di progressiva riconquista della città», garantisce Trantino a cui fa eco l’assessore Alessandro Porto – che ha le deleghe alla Protezione civile e alla Polizia municipale – ribadendo che «la sicurezza è una priorità su cui tutti dobbiamo puntare».

Il capogruppo dell’Mpa Orazio Grasso ricorda che Catania è la città dove un proiettile vagante ha reso tetraplegica Laura Salafia (morta due giorni fa) appena uscita dall’università e che resta «la terza città più pericolosa d’Europa. Per questo – sottolinea il consigliere – non basta aumentare il numero di telecamere e di pattuglie ma serve costruire politiche sociali serie». Non ci può fermare solo alla fase repressiva. «Per far sì che il cittadino del futuro abbia uno spiccato senso civico – immagina il consigliere di Fratelli d’Italia Giovanni Magni – bisogna lavorare sulla dispersione scolastica». Al passato guarda, invece, il capogruppo di Prima l’Italia Giuseppe Musumeci: «Catania non è mai stata Bolzano». Il capoluogo del Trentino-Alto Adige usato come altro termine di paragone rispetto a una città «in cui quando io ero giovane la gente veniva ammazzata per strada e c’era il coprifuoco. Ho dubbi sul fatto che ora sia meno sicura». Tra ringraziamenti di rito e buoni propositi di annullare le distanze tra maggioranza e opposizione almeno sulla questione sicurezza, dopo oltre due ore di Consiglio, sui tavoli (e non ancora quelli tecnici che in molti hanno chiesto di istituire) ci sono più problemi che possibili soluzioni.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Già per il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi a Catania non ci sarebbe un particolare problema di sicurezza. Che, invece, è stato il tema al centro del Consiglio comunale di questa mattina. Decine di sparatorie, risse (per cui gli ultimi arrestati sono proprio quelli di questa mattina all’Ecs Dogana), il caso del turista aggredito per essere […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]