Consiglio comunale, Maurizio Mirenda ritorna tra gli scranni. «Non posso nascondere la mia emozione»

Applausi nell’aula di Palazzo degli elefanti per l’ingresso di Maurizio Mirenda nella vesta di nuovo (anche se non proprio nuovo) consigliere comunale. «Non posso nascondere la mia emozione. È una cosa bella anche se sarà solo per due mesi», ha esordito Mirenda che ha preso il posto della dimissionaria Sonia Agata Sofia non appena il presidente Sebastiano Anastasi gli ha lasciato la parola. Qualche minuto in cui il neo-ri-consigliere ha approfittato per tornare indietro ripensando alla sua candidatura nella lista In campo con Pogliese ma anche per ricominciare ad andare avanti assumendosi «l’impegno di pensare alla manutenzione e alla ristrutturazione di alcune palazzine nel quartiere Librino». Già consigliere per diversi mandati, Mirenda nel 2013 – poco prima delle elezioni comunali – era stato intercettato durante un incontro con l’ex consigliere della prima municipalità Ernesto Privitera (che è stato imputato e poi assolto nel processo per voto di scambio a carico di Raffaele e Toti Lombardo) nel quartiere San Cristoforo a casa del pregiudicato Nino Balsamo che all’epoca era agli arresti domiciliari. Quest’ultimo, detto Cicaledda, è il cognato del boss del clan Cappello-Bonaccorsi Orazio Privitera.

Accolto in aula Mirenda (che si allontana poco dopo), si passa alla veloce votazione di una serie di documenti. Il presidente Anastasi continua a fare il banditore di verbali ripetendo che «siamo a fine mandato, bisogna votare». Approvati i documenti in una dozzina di minuti, si passa al successivo punto all’ordine del giorno che è stato richiesto con carattere d’urgenza dal consigliere Graziano Bonaccorsi: la riqualificazione e la tutela dell’antico porticciolo del Borgo marinaro di Ognina. Prima di entrare nel vivo della discussione, qualche momento di panico in cui pare che possa venire a mancare il numero legale e si debbano quindi interrompere i lavori. Un rischio scongiurato per un solo voto. «Ringrazio i colleghi che hanno avuto il coraggio di restare in aula», sottolinea il consigliere del M5s prima di iniziare a parlare del «rapporto di Catania con il mare. Questa – afferma – è una città murata, dove c’è ancora troppa fame di cemento e speculazione». In aula Bonaccorsi porta una raccolta con 1300 firme di cittadini per riqualificare e mettere in sicurezza quell’area «ma senza che diventi privata». Un rischio che il consigliere vede dietro l’angolo.

E non è l’unico. «Ci siamo resi conto di qualcosa che stava avvenendo sopra la nostra testa – ha ricostruito il consigliere Manfredi Zammataro – Il progetto di un privato per la riqualificazione dell’area del Borgo di Ognina. Invece, quel posto deve essere riqualificato per farlo tornare alla sua bellezza ma – sottolinea il presidente della commissione Urbanistica – senza impedire la libera fruizione ai cittadini che ne sono parte integrante, con i 15 milioni di euro di fondi pubblici di cui è già destinatario il Comune di Catania». Rispondendo in aula, l’amministrazione ha parlato di «un concorso di idee internazionale per valorizzare quell’area della città con un progetto di partecipazione attivo e condiviso». Una risposta che non sembra convincere del tutto alcuni consiglieri, come Zammataro che torna sul punto per sollevare qualche dubbio sul rischio che «i progetti di pubblico e privato si accavallino senza portare a nulla».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Applausi nell’aula di Palazzo degli elefanti per l’ingresso di Maurizio Mirenda nella vesta di nuovo (anche se non proprio nuovo) consigliere comunale. «Non posso nascondere la mia emozione. È una cosa bella anche se sarà solo per due mesi», ha esordito Mirenda che ha preso il posto della dimissionaria Sonia Agata Sofia non appena il presidente […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]