Coffee&cigarettes

Titolo originale:  Coffee and cigarettes
Nazione:  Usa
Anno:  2003
Genere:  Commedia/Drammatico
Durata:  96′
Regia:  Jim Jarmusch
Sito ufficiale:  www.bimfilm.com/coffee&cigarettes
Cast:  Roberto Benigni, Steve Buscemi, Iggy Pop, Tom Waits, Cate Blanchett, Alfred Molina, Bill Murray

 

 

Sembra quasi di sentire l’odore del caffè e la puzza della nicotina mentre attori che siamo abituati a vedere in vesti diverse mettono a nudo i propri vizi e le proprie virtù, e l’impressione che abbiamo e che più che un lavoro, il film sia il risultato di un divertente diversivo che alcuni amici si sono concessi.

Il progetto risale al 1986 quando Jarmusch gira sei minuti, intitolati semplicemente “Coffee and Cigarettes, con Roberto Benigni e Steven Wright. Tre anni dopo arriva “Coffee and Cigarettes-Memphis Version” con Steve Buscemi e nel 1993 “Coffee and Cigarettes-Somewhere in California” in cui recitano Iggy Pop e Tom Waits che vince la palma d’oro del cortometraggio a Cannes. Pensati per funzionare da soli, il regista ha deciso, in seguito, di realizzare in tutto una dozzina di episodi e unirli in un lungometraggio.

Il cast è composto da un eclettico gruppo di straordinari attori e musicisti. L’invadente Steve Buscami, che racconta l’improbabile storia del gemello cattivo di Elvis; lo strepitoso Bill Murray in un modo esilarante ci mostra a quali esagerazioni può giungere un bevitore di caffè; Cate Blanchett, che interpreta addirittura due personaggi diversi nel corto intitolato “Cugine”. Alfred Molina, che scimmiotta tutti quelli che, arrivati al successo, non sopportano il classico “parente povero”; ma la palma d’oro per il dialogo più improbabile va a Tom Waits e Iggy Pop, seduti in un bar da qualche parte in California.

Tanti grossi nomi in un carosello di personaggi che hanno in comune tre cose: fumano, bevono caffè e parlano di cose assolutamente prive di senso. Ciò che dicono conta meno di come lo dicono e a parlare sono anzitutto i corpi, le facce, le posizioni. Una pellicola definibile come un saggio di comunicazione.

Trame semplici e immagini spesso girate con la telecamera fissa, riescono ad incuriosire lo spettatore che non sa mai cosa aspettarsi dagli attori che si muovono in mezzo a scenografie scarne. Poco spazio all’estro delle inquadrature, linearità del montaggio; un’opera volutamente minimalista che ribadisce la necessità di non distrarre lo spettatore con le immagini, ma lasciare che la sua attenzione si focalizzi sulla comunicazione dei personaggi. Il tutto ripreso in uno splendido bianco e nero (sigarette/caffè), che si presenta sin dai titoli di testa, arricchito dall’ottima fotografia di Tom DiCillo

Fra i grandi registi di cui non si parla abbastanza, Jim Jarmusch occupa un posto d’onore. Il campione del cinema indipendente newyorkese ha girato film-gioiello come ‘Dead Man’ , ‘Ghost Dog’ e ‘Stranger Than Paradise’, senza mai rinnegare i principi di fondo del suo cinema orgogliosamente marginale. Con la profondità che lo ha sempre caratterizzato, sottolinea in ogni sua produzione la leggerezza di chi si è conquistato il diritto di girare solo dove, quando e con chi vuole, senza subire in alcun modo le pressioni del mercato.

 

 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]