Cavese-Catania 0-1, successo di platino per gli etnei Mazzarani, capitano coraggioso: suo il rigore decisivo

Finisce con l’ormai consueto capannello di calciatori etnei raccolti a cerchio attorno al proprio allenatore-condottiero: il Catania lotta ancora e lo dimostra al termine di quella che è stata una settimana difficilissima da gestire. La disfatta interna col Monopoli di domenica scorsa sembrava l’inizio della fine: il gruppo, con in testa il suo tecnico, ha però dimostrato con i fatti di non aver mollato, regalando ai propri tifosi un successo che conta ancor più dei tre punti che issano la squadra all’ottavo posto in classifica. Si tratta infatti di una vittoria che smentisce il timore circolato tra i tifosi e gli addetti ai lavori di un crollo psico-fisico. Tutte paure da scacciare. La squadra è viva e ha bene in testa la dimensione che sta vivendo e il traguardo da rincorrere: quello di una salvezza rapida e tranquilla. 

Lucarelli rilancia un 4-2-3-1 che vede un attacco mobile. Mazzarani è il riferimento centrale, con Barisic e Biondi che agiscono a destra e sinistra per dare profondità, mentre a Curcio tocca il compito di ispirare e collegare i reparti. I ritmi iniziali sono bassi. La Cavese tiene il pallino del gioco, seppur in maniera sterile: il canovaccio del Catania, invece, è quello di sorprendere i blufoncé sfruttando in ripartenza la velocità di molti dei suoi interpreti offensivi. Dopo venti minuti di studio il primo vero squillo è rossazzurro e arriva al ventesimo: la difesa locale sbanda su un lancio dalle retrovie, Biondi salta in uscita Bisogno e centra il palo da posizione defilata, col pallone che torna nelle mani del portiere. Tanta sfortuna per il giovane talento etneo e importante campanello d’allarme per i campani.

Il Catania c’è: è concreto, anche se non bello e, dopo un’astinenza di tre partite e mezzo, trova il gol nel finale di tempo. Tutto ruota attorno a due contatti in area: al 38′ Nunziante cade dopo un contrasto con Curcio, ma l’arbitro lascia correre. Due minuti dopo, però, il direttore di gara è di diverso parere quando dalla parte opposta Biondi entra in area da sinistra e compie una piroetta su Matino che lo stende per non lasciarlo andar via. Stavolta Longo di Paola indica con decisione il dischetto, tra le feroci polemiche dei locali: si presenta Mazzarani che, con grande freddezza, spiazza Bisogno con un preciso interno destro. 

Nella ripresa Lucarelli tira fuori dalla mischia l’evanescente Curcio, per dare spazio a Esposito: rossazzurri che si schierano quindi con il 3-5-2. L’intento, chiaro, è quello di blindare la difesa, tarpando le ali a una Cavese che continua ad essere sterile, nonostante l’attacco a quattro con gli ingressi di Di Roberto e del temuto ex Russotto. Furlan continua a rimanere inoperoso, grazie alla farraginosa manovra dei padroni di casa e a una fase difensiva mai così impeccabile da parte degli etnei. L’unica conclusione nello specchio di tutto il secondo tempo porta la firma di Barisic: tiro centrale. C’è spazio per il gradito ritorno in campo di Welbeck e per l’esordio della punta Beleck che, nel finale, arretra a dar manforte ai compagni.

La costante pressione dei padroni di casa continua a non avere sbocchi, fino al triplice fischio finale: Catania torna a far festa e, in attesa di un trittico di sfide da brividi con Reggina e Ternana (Coppa Italia giovedì prossimo e campionato), incamera tre punti di importanza capitale. Tre passi in meno rispetto a quello che gioco-forza diventa il nuovo obiettivo: la salvezza sul campo, prima che un possibile passaggio di proprietà vada a garantire e tutelare anche la sopravvivenza della società e di una matricola storica da preservare. 

Il tabellino:

Cavese-Catania 0-1

Marcatori: 44′ Mazzarani (rig.)

Cavese (4-4-2): 15 Bisogno; 28 Nunziante (82′ Badan), 26 Matino, 24 Marzorati, 38 Ricchi (57′ Di Roberto); 25 Spaltro, 21 Matera (82′ Bulevardi), 5 Lulli (57′ Castagna), 11 Sainz Maza; 29 Cesaretti (57′ Russotto), 18 Germinale. Allenatore: Campilongo.

Catania (4-2-3-1): 1 Furlan; 26 Calapai, 3 Mbende, 5 Silvestri, 20 Pinto; 4 Vicente (85′ Welbeck), 16 Salandria (77′ Biagianti); 21 Biondi (72′ Manneh), 10 Curcio (46′ Esposito), 32 Mazzarani (72′ Beleck); 17 Barisic. Allenatore: Lucarelli.

Arbitro: Federico Longo, sezione di Paola.

Note: ammoniti Marzorati e Russotto (Cavese), Pinto, Calapai e Furlan (Catania). 4′ di recupero. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]