Catania-Monopoli 0-2, i rossazzurri sprofondano Fella e Donnarumma firmano il primo ko in casa

Strade deserte e silenzio: è questa l’atmosfera nelle vie adiacenti allo stadio Massimino, solitamente piene di colori, rumori e passione. Sensazioni identiche a quelle presenti all’interno dell’impianto di piazza Spedini: poco più di duemila spettatori sparsi tra curve e tribune. Uno spettacolo desolante che fa da cornice al calcio d’inizio di Catania-Monopoli. Lucarelli opta per una formazione quasi a specchio con quella dei pugliesi: difesa a tre con Mbende, Esposito e Silvestri, Biondi e Pinto sulle fasce a tutto campo, Curcio libero di inventare alle spalle di Barisic e Di Molfetta

I minuti iniziali sono di studio. Al 3′ Curcio prova un mancino al volo: tiro a lato. I ritmi sono bassi e le squadre bloccate: a spezzare l’inerzia è un Monopoli che dimostra di avere più fame e concretezza dei rossazzurri. È il 17′ quando Tazzer brucia Pinto e da destra mette un cross rasoterra, Fella brucia Biondi e deposita in rete a porta vuota. Lo 0-1 è uno choc negativo per gli etnei, imbambolati e confusionari. Al 22′ Biagianti recapita un pallone d’oro per Barisic che, davanti al portiere, si incarta. Fella ci prova dalla distanza attorno alla mezz’ora: ancora Barisic, poi,  spreca un buon contropiede, non servendo Curcio e Di Molfetta in posizione favorevole. In chiusura di tempo Furlan sventa una botta di Carriero da fuori area. 

La ripresa è un film dell’orrore a tinte rossazzurre. Ci prova Biondi in apertura, ma la sua conclusione si perde alta: quindi è Piccinni a impegnare Furlan, con un destro dal limite dell’area che attacca il portiere etneo. Lucarelli cerca la scossa dalla panchina, facendo esordire il classe 2000 Capanni e inserendo anche Mazzarani e Vicente: il 3-4-3 iper-offensivo, però, non produce nulla di buono. È sempre e solo il Monopoli, infatti, a dare vita alle occasioni migliori. Furlan al 20′ vola a disinnescare un siluro di Carriero dai 30 metri: sull’azione successiva, però, arriva lo 0-2. Donnarumma finta sul destro ed entra in area col suo piede preferito, scaricando una conclusione mancina centrale: l’estremo rossazzurro però si fa sfuggire la palla dalle mani, guardandola poi rotolare in rete. 

La clamorosa papera di Furlan chiude il sipario sulla gara. Barisic esce tra i fischi, mentre Fella cerca il tris ma non riesce a profittare di una ingenuità di Mbende in area di rigore. L’unica nota positiva è data dall’esordio assoluto in prima squadra dell’attaccante classe 2001 Luigi Rossitto: è il solo giocatore a cui lo sparuto pubblico del Massimino riserva degli applausi di incoraggiamento. Per gli altri calciatori di casa ci sono soltanto fischi, impietosi. La sconfitta di oggi fa cadere anche il baluardo del vecchio Cibali, dove finora i rossazzurri avevano raccolto otto vittorie e quattro pareggi tra campionato e coppa. Pensare di arrivare in zona play-off a fine anno, dopo prestazioni come questa, è pura utopia. 

Il tabellino

Catania-Monopoli 0-2

Marcatori: 17′ Fella, 20′ st Donnarumma

Catania (3-4-1-2): 1 Furlan; 3 Mbende, 28 Esposito, 5 Silvestri; 21 Biondi (11′ st Capanni), 16 Salandria, 27 Biagianti (11′ st Vicente), 20 Pinto; 10 Curcio (38′ st Rossitto); 17 Barisic (32′ st Manneh), 8 Di Molfetta (11′ st Mazzarani). Allenatore: Lucarelli. 

Monopoli (3-5-2): 1 Antonino; 21 Rota, 28 De Franco, 16 Maestrelli (34′ st Nanni); 31 Tazzer (23′ st Hadziosmanovic), 20 Carriero, 4 Giorno (23′ st Tsonev), 8 Piccinni, 17 Donnarumma (41′ st Pecorini); 23 Fella, 33 Jefferson (33′ st Mercadante). Allenatore: Scienza. 

Arbitro: Matteo Marcenaro di Genova.

Note: ammoniti Giorno, De Franco e Hadziosmanovic (Monopoli), Di Molfetta, Vicente, Mbende e Silvestri (Catania). Recupero: 4′.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]