Catania, i tifosi ancora in protesta contro il club «Entreremo in curva solo al secondo tempo»

Sono circa duecento, tra tifosi ultras del Catania, a prendere parte all’assemblea indetta in piazza Dante per decidere il prosieguo della protesta verso la gestione Pulvirenti-Cosentino. Nonostante il successo dell’iniziativa Non entriamo, con cui il Massimino ha dimostrato la propria vicinanza alle ragioni della protesta, il movimento deve confrontarsi con l’immutata realtà dei fatti. Pablo Cosentino, amministratore delegato del club, Giampiero Ventrone, preparatore atletico imputato dei tanti infortuni occorsi ai giocatori, e Alessandro Moggi, presidente della Gea World che col Catania ha sottoscritto un contratto di collaborazione, dei quali era stato chiesto l’allontanamento sono tutti al loro posto. 

Michele Spampinato, voce della curva Nord, nel prendere parola, inizia dando la propria versione dell’attualità: «Nino Pulvirenti ha sentito forte e chiara la voce della protesta e la richiesta di cambiamento. Ma l’arrivo di Delli Carri come direttore sportivo è il tipico cambiamento apparente, che in realtà non cambia niente anzi. Pare un tentativo, neanche bene architettato, di nascondere il rafforzamento del potere della Gea e la centralità di Cosentino sulle scelte di calciomercato. Pulvirenti ha mostrato chiaramente che non vuole cambiare nulla e che nulla cambierà».

Alla premessa segue l’aneddoto che riguarda un colloquio col presidente Pulvirenti avuto nei giorni scorsi: «Pulvirenti ha insistito tanto per parlare con me nelle ultime settimane – continua Spampinato -. Io non volevo ascoltarlo, perché immaginavo già quel che mi avrebbe detto. Ho accettato per sfinimento e, puntualmente, ho riascoltato le stesse parole e le stesse promesse che avevo già sentito quando lo incontrai l’anno scorso. Allora era convinto che il Catania si sarebbe salvato, così come ora lo è ancora che il Catania riuscirà a risalire in serie A. Gli ho risposto come l’anno scorso, che per me sono bugie e non gli credo. Solo a maggio sapremo quindi quale sarà l’epilogo di questa storia».

A fronte delle decisioni irrevocabili di Pulvirenti riguardo alla dirigenza, la protesta cambierà forma: «Anche per evitare acredini tra chi finora è entrato e chi non allo stadio. La protesta è sempre stata civile e dignitosa e tale deve rimanere». Per quel che riguarda le partite interne: «Entreremo solo nel secondo tempo, per contestare e per tifare. Il primo tempo resteremo nell’antistadio, così da dimostrare con ancor più impatto visivo la differenza tra uno stadio vuoto e uno pieno».

Nei venti giorni circa che separano dal primo appuntamento interno del 2015, contro la Pro Vercelli, la protesta vivrà anche altri momenti: «Vorremmo presentarci fuori dai cancelli chiusi di Torre del Grifo, in occasione dell’allenamento della prima squadra, per chiedere che vengano aperte le porte sempre, non solo quando è il Catania a stabilirlo. Che senso ha, altrimenti, vantarsi di una struttura all’avanguardia quando poi le strutture non vengono utilizzate per il fine progettato?». Stavolta la decisione non viene messa ai voti dell’assemblea, come accaduto in passato. Nessuno dei presenti obietta alla scelte. Seguiranno, nei prossimi giorni, ulteriori particolari in proposito. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]