Catania, tra certezze e un futuro tutto da costruire

Archiviata la promozione in Lega Pro e la festa per celebrare il salto di categoria, la dirigenza del Catania SSD ora avrà il compito più difficile: programmare la prossima stagione capendo con chi farlo e con quali mezzi, sia strutturali che finanziari. Rispetto a undici mesi fa, quando il Comune assegnò al gruppo Pelligra il compito della rinascita del calcio cittadino, mister Grella & Co. partiranno da basi più solide, frutto di una migliore conoscenza del territorio e dei suoi protagonisti. Aspetto, questo, da non sottovalutare perché potrebbe consentire di evitare errori o scelte che potrebbero rivelarsi infelici. 

Certezza

«La vita si divide in tre tempi: nel presente, passato e futuro. Di questi, il presente è brevissimo, il futuro dubbioso e il passato certo». Siamo certi che la dirigenza rossazzurra non solo abbia ben presente questa citazione del filosofo romano Lucio Anneo Seneca, ma che ne farà il suo mantra visto che il prossimo anno riserverà più ostacoli di quelli che si sono dovuti affrontare nella prima annata targata Ross Pelligra.

Il primo di questi riguarderà la scelta tecnica. Verrà riconfermato Ferraro o si deciderà di puntare su altri profili? L’unica certezza è che qualsiasi scelta verrà fatta dalla società, sarà oggetto di citriche nel momento in cui la squadra non dovesse rispettare le attese o pretese della piazza. Il secondo sarà legato al mercato, cioè alla campagna di rafforzamento della squadra. Le dichiarazioni del Presidente Ross Pelligra hanno accesso ancora di più l’entusiasmo e le aspettative dei tifosi etnei, mentre quelle di Grella, «faremo una squadra propositiva», hanno riportato un pò di equilibrio e dovranno rimanere impresse nella memoria dei sostenitori rossazzurri.

Vincere il prossimo campionato di Lega Pro sarà l’obiettivo, ma non sempre vincere o voler vincere coincide con la realtà, come lo stesso amministratore delegato del Catania ha sottolineato più volte. L’augurio è che la squadra rossazzurra possa a distanza di dodici mesi festeggiare un’altra promozione. Se questo non dovesse avvenire, il compito di tutti, proprietà in testa, sarà quello di capire dove si è sbagliato e cosa servirà per non ripetere quegli errori.

Strutture

Altro ostacolo che dovrà essere affrontato riguarda centro sportivo e stadio. Con il primo che dovrebbe avere una priorità rispetto al secondo, perché indispensabile per rendere solido e sostenibile economicamente il progetto del gruppo Pelligra. Il dg Luca Carra ha confermato che la proprietà abbia visionato alcuni terreni, tra questi quelli di contrada Jungetto, che non avrebbero soddisfatto del tutto le loro richieste. Non è ben chiaro se di natura logistica, perché troppo distanti dalla città, o economica, perché troppo elevata la richiesta del venditore. O forse si attende la nomina del nuovo sindaco per poter avere, come è giusto che faccia ogni imprenditore, altre opportunità di investimento.

Quello che è certo, è che il Catania ha bisogno di un suo centro sportivo che gli consenta di sviluppare al meglio il proprio settore giovanile, che dovrà essere fucina di talenti da inserire non solo in prima squadra, ma  anche da valorizzare mandandoli in prestito o da cedere ai quei club con importanti capacità economiche.

L’ammodernamento dello stadio Massimino passerà obbligatoriamente da questi step. Senza una società solida, una squadra vincente e un centro sportivo che rappresenti il motore di questo progetto, uno stadio da 40/50 mila posti rischierebbe di trasformarsi in una cattedrale nel deserto. Attendiamo fiduciosi e con la consapevolezza che per quanto il futuro sia dubbioso, come sostiene a ragion veduta Seneca, quello del Catania potrebbe esserlo di meno grazie alla proprietà sicula-australiana.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]