Boa delle sabbie, il serpente riappare a Licata «Creduto estinto, i Greci lo usavano come arma»

Se vi trovate nell’Agrigentino e vi sentite chiamare àpita, non state sicuramente ricevendo un complimento. Il termine, infatti, nel linguaggio vernacolare significa stupido ed è spesso associato ad altri epiteti più o meno coloriti. Quella che non tutti conoscono, invece, è l’etimologia della parola: assieme a spitu surdu è il modo che si usa in dialetto per chiamare l’eryx jaculus, ossia il boa delle sabbie, rettile notturno che appare stordito se si trova in superficie durante il giorno. 

Da sempre presente nel territorio di Licata e nella vita quotidiana dei suoi abitanti, è scomparso per decenni dalle nomenclature ufficiali della comunità erpetologica: in una parola, estinto. Fino a quando, nell’aprile scorso, il signor Salvatore Russotto, imprenditore agricolo licatese e appassionato naturalista, decide di rivolgersi a Gianni Insacco, zoologo, paleontologo e curatore scientifico del Museo civico di storia naturale di Comiso per dare un’identità precisa e un nome scientifico al serpente comunemente, ed erroneamente, scambiato per vipera. Come succede anche in un servizio di una tv locale nel 2009: un giornalista improvvisa un pittoresco dialogo con il rettile per mostrare il degrado in una zona della città, non sapendo di avere a che fare con una specie introdotta in Sicilia durante le guerre puniche

«Conoscevo l’animale da quando, bambino, correvo a piedi scalzi sull’erba – afferma Russotto – e anche mio nonno lo nominava spesso, ma mai con l’appellativo corretto. Così, dopo aver parlato con un amico allevatore che lo aveva riconosciuto e aver fatto alcune ricerche infruttuose sul web, ho deciso di chiamare in causa il dottor Insacco». Iniziano dunque le indagini della squadra di ricercatori formata anche da Filippo Spadola dell’Università veterinaria di Messina e Dino Scaravelli dell’Università di Bologna e finalmente, nello scorso dicembre, si arriva alla scoperta: l’equipe registra la presenza di sei esemplari, tre vivi e tre morti, del boa delle sabbie, stravolgendo di fatto il panorama erpetologico mondiale. «All’inizio – dichiara Gianni Insacco – ero incredulo: pensavo più a una introduzione occasionale e involontaria o a una confusione con altre varietà, come la coronella austriaca». 

Ma lo studio, oggi pubblicato sulla rivista scientifica «Acta Herpetologica», finisce per confermare la presenza di una popolazione di eryx jaculus nel territorio adiacente alla foce del fiume Salso, grazie all’individuazione di esemplari di età e sesso diversi. «Abbiamo aperto un mondo – prosegue Insacco – a molti specialisti, i quali hanno intrapreso ricerche su vari animali introdotti in questo territorio nelle diverse epoche storiche». Adesso si attende l’analisi del dna, ma sembra quasi assodato che si tratti del boa delle sabbie, specie innocua diffusa soltanto nel sud dei Balcani, in Grecia, nell’Africa settentrionale e in Medio Oriente e ritenuta estinta nel nostro Paese. 

«È possibile sostenere – continua il ricercatore – la concreta ipotesi che il serpente sia stato introdotto nell’isola dai Greci per motivi di culto o bellici. In ogni caso si tratta di una nuova popolazione per l’Italia. Per noi rappresenta la conferma di segnalazioni anche molto antiche o quotate, come quelle del Tokar, studioso teutonico che affrontava la questione già negli anni ’90». Sicuramente un altro successo per l’istituto di Comiso, dopo le scoperte dei resti fossili del più antico antenato dei granchi, del coccodrillo marino contemporaneo dei dinosauri e dei primi ittiosauri mai rinvenuti in Sicilia. Tutti ritrovamenti – è bene dirlo – realizzati a costo zero e in totale assenza di fondi o sovvenzioni pubbliche. Un lavoro nobile e silente, quello degli studiosi, come la vita del serpente proiettile, che gli antichi scagliavano sugli avversari durante le battaglie navali, e che poi approda sulla terraferma, accompagna la vita dei contadini licatesi e finisce addirittura in tv. Mentre tutti lo credevano scomparso.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]