Biker picchiato da motociclisti (abusivi) sull’Etna. Identificati gli autori. «Confischeremo i mezzi»

«Ma voi vi rendete conto di quello che state combinando? Qui siamo nel territorio del parco dell’Etna». Comincia con questa frase un video, girato nei giorni scorsi nel territorio di Linguaglossa, che immortala l’aggressione a un escursionista in mountain bike da parte di alcuni enduristi. «Solo tu devi camminare qua?», sono le ultime parole pronunciate da un uomo calvo che indossa una tuta da motocross. Subito dopo scatta l’aggressione con pugni, qualche colpo di casco, pedate e spintoni. Un copione a cui si aggiunge la partecipazione di un secondo motociclista che però indossa il casco: «Sei un pezzo di merda, vai via» dice all’autore del filmato, girato probabilmente con una telecamera dotata del supporto da petto. Unica colpa del biker sarebbe stata quella di fare notare al gruppo in moto il mancato rispetto della legge che impone il divieto ai mezzi a motore di circolare liberamente nelle zone protette dell’Etna.

«Sono a conoscenza di questo filmato dal 19 dicembre, ossia dal giorno in cui un cittadino mi ha girato il video su Whatsapp. Immediatamente ho interessato il corpo forestale e l’ex azienda foreste», spiega a MeridioNews il presidente del parco dell’Etna Carlo Caputo. «La procura di Catania è a conoscenza della vicenda e gli autori dell’aggressione – spiega – sono stati già identificati. Per loro scatterà la sanzione amministrativa e provvederemo alla confisca dei mezzi». Il parco, istituto con legge regionale nel 1987, passati 36 anni continua tuttavia a scontare l’assenza di un’organizzazione unica rimanendo imbrigliato in una ragnatela di competenze tra più enti a cui la politica non vuole mettere seriamente mano. «Non abbiamo guardie parco per controllare il territorio – spiega Caputo – E siamo dotati soltanto di personale amministrativo con i nostri uffici chiamati in causa quando c’è da pianificare l’attività generale».

L’aggressione avvenuta sull’Etna ha fatto saltare dalla sedia anche Paolo Alberati, ex ciclista professionista, inventore del parco ciclistico dell’Etna e ormai da anni impegnato a valorizzare il patrimonio naturalistico del vulcano. «Siamo molto arrabbiati per questa vicenda – spiega al telefono – Purtroppo è l’ennesima dimostrazione del livello di inciviltà di chi maltratta e violenta il territorio. A farne le spese sono le persone che scappano dalle città per godersi l’Etna e i suoi sentieri in sicurezza. Una situazione non accettabile e dal nostro punto di vista faremo di tutto affinché gli autori vengano puniti come meritano».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]