Beni confiscati alla mafia in Sicilia diventeranno centri antiviolenza e case rifugio per donne e bambini

Da una parte, beni confiscati alle mafie che non hanno ancora trovato una destinazione definitiva per essere restituiti alla collettività e, dall’altra, la necessità di trovare degli spazi da dedicare alle donne vittime di violenza e ai loro bambini. A provare a risolvere entrambe le questioni è stato un bando da 250 milioni di euro di fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza. Di questi, alla Sicilia sono andati più di 73 milioni di euro. Per i progetti che sono stati approvati e che hanno ricevuto il finanziamento previsto dalla Missione 5 del Pnrr che, al capitolo Inclusione e coesione, ha una parte dedicata proprio agli Interventi speciali per la coesione territoriale di cui fanno parte anche i beni immobili confiscati alla criminalità organizzata da valorizzare e restituire alla collettività nelle otto regioni del Mezzogiorno (oltre alla Sicilia, anche Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia e Sardegna). Dall’Isola è arrivato il numero più alto di domande (174) e 61 sono i progetti che hanno ricevuto il finanziamento dal Pnrr.

A ottenere di più è stata la provincia di Palermo dove per 21 progetti sono arrivati oltre 36 milioni di euro; al secondo posto Caltanissetta dove i progetti finanziati sono stati sei per un totale che supera i 10 milioni e 892mila euro; sul terzo gradino del podio c’è il territorio della provincia di Catania: 16 progetti da realizzare con fondi che sfiorano i 9 milioni di euro. Per i quattro progetti in provincia di Siracusa sono stati destinati fondi pari a quasi 7 milioni di euro; poco meno (6 milioni e 652mila euro) sono andati ai sette progetti del Trapanese; in provincia di Messina cinque progetti per più di 3 milioni e 207mila euro; un solo progetto approvato in provincia di Ragusa (per oltre 2 milioni e 381mila euro) e uno in provincia di Agrigento (da 999.380 euro). Nessun progetto è stato approvato, invece, in provincia di Enna.

Tra i progetti a cui sono andati più fondi ci sono quelli che prevedono di trasformare i beni confiscati alle mafie, spesso lasciati in stato di degrado e di abbandono – quando non occupati e vandalizzati – per anni dopo avere rappresentato il simbolo del potere territoriale della criminalità organizzata, in centri di accoglienza o case rifugio per donne vittime di violenze e di abusi e per i loro figli. Per questi, infatti, il bando prevedeva una premialità speciale. Da Campobello di Mazara – ultimamente noto per essere stato il paese del Trapanese dove Matteo Messina Denaro ha trascorso almeno l’ultimo periodo dei suoi trent’anni di latitanza – a San Gregorio di Catania. Qui le ville dove il boss Nitto Santapaola viveva insieme alla famiglia e dove venne uccisa la moglie Carmela Minniti diventeranno un centro integrato per autismo e antiviolenza, con percorsi di legalità pensati per l’empowerment.

Ma non solo. Altri immobili verranno destinati a luoghi di aggregazione giovanile, di possibilità lavorative, centri sportivi (come quello a Monreale, nel Palermitano, a cui sono stati destinati due milioni e mezzo per la realizzazione di una piscina olimpionica). Anche per alcuni terreni tolti alla mafie, come per esempio quelli nella periferia del capoluogo etneo, sono stati progettati dei riusi che prevedono la realizzazione di aree verdi attrezzate pensate soprattutto per i più piccoli. Oltre a finalità sociali, sono state tenute in conto pure quelle istituzionali: alcuni beni confiscati in Sicilia diventeranno sedi di protezione civile o uffici comunali (uno a da quasi 2 milioni di euro ad Altavilla Milicia, nel Palermitano, da intitolare alla memoria di Rita Atria, la collaboratrice di giustizia vittima di mafia che si era tolta la vita dopo la strage di via d’Amelio dove era stato ucciso Paolo Borsellino).


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]