Beni confiscati, i fondi del Pnrr destinati al Sud Fillea Cgil: «Opportunità che deve essere colta»

Fare in modo di intercettare i fondi del Pnrr destinati alla riqualificazione dei beni confiscati alla mafia, evitando che il ritardo nella redazione dei progetti possa portare a conseguenze dannose sia da un punto di vista economico che simbolico per la Sicilia. Questo l’appello sottoscritto dalla Cgil e da Fillea e rivolto ai prefetti delle nove province dell’isola. A firmarlo sono stati il segretario d’organizzazione Ignazio Giudice e il segretario generale regionale di Fillea Giovanni Pistorio

«La valorizzazione dei beni confiscati – dichiarano – è un importante segnale in direzione della legalità, un segno tangibile della lotta alla criminalità organizzata, a beneficio della collettività». In ballo per le regioni del Mezzogiorno ci sono 250 milioni di euro per la riqualificazione di beni confiscati e 50 milioni per progetti particlari che richiedono l’intervento di più soggetti competenti. La scadenza per la presentazione delle domande è stata fissata alle 12 del 24 gennaio. «Sono risorse importanti, da non perdere», affermano Giudice e Pistorio. Dai sindacati l’invito a un confronto finalizzato alla concertazione delle azioni e degli interventi da realizzare nell’area territoriale di competenza di ciascun prefetto. 

«Queste risorse – concludono – possono dunque innescare percorsi positivi di crescita sociale ed economica oltre che opportunità di lavoro».


Dalla stessa categoria

I più letti

Giustizia per Emanuele Scieri

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo