Foto di Gerd Altmann

Bando idrogeno Pnrr, la Regione è in ritardo. E per la commissione d’esperti si affida alla politica

La scadenza era il 31 marzo 2023. Data entro la quale, secondo il bando emesso dalla Regione siciliana, lo stesso ente avrebbe dovuto pubblicare la graduatoria dei progetti adatti a ricevere i 40 milioni di euro del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) per impianti di produzione e stoccaggio dell’idrogeno verde in aree industriali dismesse. Un modo per dare impulso alla decarbonizzazione dove pesa di più, ma anche una mano tesa ai colossi privati dell’Isola che, davanti alla necessità di riconversione, oppongono spesso la crisi. Tradotta in crisi occupazionale, nella regione con meno lavoro in tutta Europa. Eppure, ormai archiviato marzo, non solo della graduatoria non c’è traccia, ma è arrivata solo ieri la nomina della commissione che quella graduatoria dovrebbe stilarla, dopo aver studiato i progetti. Un ritardo con più di una spiegazione. Prima tra tutte la confusione che regna al dipartimento Energia dopo il pensionamento dell’ex dirigente Antonio Martini – anima del bando per l’idrogeno, pubblicato sul filo il 30 dicembre – e sostituito ad interim con due colleghi diversi in due mesi: prima Gaetano Sciacca, a fine gennaio, e poi Maurizio Costa, il 23 febbraio. Ma a pesare è anche la ricerca degli esperti per la commissione, chiamati a prestare la loro consulenza «senza alcun onere aggiuntivo». Cioè, gratis.

Praticamente un favore, per portare a casa il risultato. Nello specifico, da bando, prima di tutto la necessità di designare «cinque componenti, di cui almeno tre con comprovata competenza ed esperienza in materia energetica». Una cinquina disposta dal dirigente il 29 marzo, ma modificata l’indomani e fissata in un documento in cui si prescrivono anche i tempi del lavoro del gruppo: una prima riunione entro dieci giorni per insediarsi e poi un massimo di 15 giorni per valutare i progetti e stilare la graduatoria. Tempi stretti che tengono conto del ritardo accumulato. A occuparsi di dover organizzare il primo incontro è il presidente della commissione, Rosario Lanzafame, docente di Sistemi per l’energia e l’ambiente all’università di Catania e componente della partecipata regionale Parco Scientifico e Tecnologico della Sicilia. Unico nome che figurava già nel tavolo regionale per l’idrogeno voluto dall’ex governo di Nello Musumeci: istituito ma mai riunito. A non figurare in quell’elenco, ma chiamato oggi a valutare le proposte al bando, è invece un altro tecnico del settore: Francesco Cappello, ingegnere, responsabile del centro di consulenza energetica siciliano per Enea, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile.

A cambiare in corsa è stato invece il nome di Carmen Toro, avvocata, candidata al Consiglio comunale di Catania nel 2018 a sostegno di Salvo Pogliese e, sotto la sua sindacatura, consulente della partecipata comunale Sidra. Sostituita da Giovanni Francesco Fidone, meglio noto come Gianfranco, anche lui avvocato, esperto in diritto amministrativo, già consulente dell’ex presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè e al momento candidato sindaco ad Acate, nel Ragusano. Corsa che nelle scorse settimane ha incassato il sostegno del deputato Danilo Lo Giudice di Sud Chiama Nord. Altro nome catanese in commissione è invece quello di Marina Galeazzi, architetta, ha lavorato per un’azienda lombarda di impiantistica, anche nel settore delle rinnovabili. Già dirigente del Comune di Catania e capo di gabinetto durante la sindacatura di Raffaele Stancanelli, si è occupata della direzione Politiche per l’ambiente, il verde e l’Energia, ma il suo nome è legato più al verde pubblico e, nello specifico, al restauro del Giardino Bellini avvenuto anche in quel caso con fondi europei. E tra mille polemiche – da una petizione popolare contro il progetto al rischio di dover restituire i soldi -, culminate nell’invio delle carte in procura da parte dello stesso sindaco per una «operazione trasparenza». Polemiche che sono toccate anche al collega Sebastiano Alesci, architetto di Licata, funzionario del Comune di Aidone, nell’Ennese, in prestito a ore al suo Comune di nascita. Durante il suo lavoro nell’amministrazione di Ravanusa, nell’Agrigentino, Alesci era a capo dell’ufficio tecnico incaricato della ricostruzione dopo l’esplosione che provocò nove morti a dicembre 2021. Lavoro non semplice, a cui si aggiunsero le critiche della commissione speciale creata in Consiglio comunale per gestire l’emergenza, i cui consiglieri lamentavano l’assenza dell’ufficio tecnico agli incontri richiesti.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]