Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Parchi e aree protette, il futuro tra soldi e meno burocrazia
L'idea di Federparchi: «Sentieri naturalistici a pagamento»

Dopo anni di fermo riparte il coordinamento regionale della federazione. A guidarla sarà il presidente del parco delle Madonie Angelo Merlino. «Un biglietto d'ingresso bloccherebbe quei fruitori meno rispettosi della natura», spiega a Direttora d'aria

Dario De Luca

Foto di: Le vie dei Tesori

Foto di: Le vie dei Tesori

Quattro parchi regionali, 74 riserve naturali, sette aree marine protette e un parco nazionale. Basterebbe questo elenco per capire le potenzialità di cui dispone la Sicilia. Un patrimonio ambientale in cui salvaguardia e valorizzazione non sempre camminano di pari passo, spesso alle prese con problemi vecchi di trent'anni e con una politica che ha trasformato i vari enti in un terreno di conquista per nomine e incarichi. Dopo una lunga serie di commissariamenti, cominciati nel 2018 per volontà del presidente della Regione Nello Musumeci, anche la Sicilia da qualche giorno si è dotata di un suo coordinamento all'interno di Federparchi, la federazione, con sede a Roma, che riunisce e rappresenta gli enti gestori delle aree. Il nuovo presidente è Angelo Merlino, vertice del parco delle Madonie.

Il resto del direttivo è composto da Salvatore Console, direttore dell'area marina delle Egadi, Salvatore Gabriele, presidente del parco nazionale di Pantelleria e Gianfranco Zanna di Legambiente Sicilia. Carlo Caputo, presidente del parco dell'Etna, è stato invece integrato all'interno del consiglio direttivo nazionale della federazione. Fatta la squadra bisognerà trovare un modulo efficace per farla rendere in campo con l'obiettivo di intercettare finanziamenti e personale da arruolare in nome di una fruizione generale del territorio che potrebbe portare anche a un ritorno economico a beneficio della collettività. «Con dei sentieri naturalistici a pagamento offriremmo migliori eco-servizi e, forse, un biglietto d'ingresso bloccherebbe anche quei fruitori meno rispettosi della natura», spiega Angelo Merlino durante il programma di Radio Fantastica-RMB Direttora d'aria. Una posizione che potrebbe fare sobbalzare qualcuno dalla sedia ma che, secondo le intenzioni del presidente, punta a trovare nuove strade per la tutelare le aree protette in Sicilia.

«Dobbiamo cercare delle soluzioni ed essere bravi a intercettare i soldi - continua Merlino - Un esempio, forse banale, è quello che vede il parco delle Madonie vincitore di un progetto nell'ambito di un programma Erasmus. Questo ci ha dato la possibilità di incassare una cifra di circa 180mila euro che permette di ospitare le persone che fanno parte di altri parchi, scambiando con loro buone pratiche provenienti da altre realtà». Il polso della situazione in Sicilia lo ha ben chiaro anche Francesco Cascio, presidente del Club alpino italiano nell'Isola. Al centro di tutto ci sono sempre i soldi. «L’esigenza, per il coordinamento di Federparchi, deve essere quella di dotare la Sicilia di una adeguata copertura finanziaria - spiega Cascio - C’è una gestione non funzionale. Il governo regionale ogni anno ha difficoltà a inviare risorse per tutelare il territorio». Basti pensare alla questione incendi, con i roghi che ogni estate devastano la Sicilia ma che continuano a essere affrontati in emergenza. 

Il problema però non è solo finanziario. I parchi e le aree protette devono fare i conti con un'organizzazione complessa che li obbliga ad avere rapporti con decine di enti. Prendendo l'esempio dell'Etna c'è la prefettura che si occupa dell'accesso alle quote sommitali e i Comuni che gestiscono le loro porzioni di territorio. «In Regione abbiamo presentato la proposta, che è ferma da un anno, e che riguarda l’istituzione dell’Agenzia regionale delle aree naturale protette - spiega Cascio - Sarebbe un unico soggetto chiamato a fare una riorganizzazione complessiva». Sul punto il neo-presidente di Federparchi Sicilia però non è del tutto d'accordo. «Si può intervenire ma bisogna farlo sulle competenze di ogni parco - spiega - trasformandoli in organismi che si occupino a 360 gradi del proprio territorio». La macchina c'è, bisogna metterla in moto. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×