Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Neonato abbandonato a Ragusa, la madre vuole riaverlo
Avvocato: «È un suo diritto e lei non ha nessuna colpa»

Vittorio Fortunato, come lo hanno chiamato i sanitari dell'ospedale ragusano che lo hanno assistito dopo il finto ritrovamento, è stato affidato a una famiglia siciliana. «La signora è intenzionata a tutto per riavere il figlio», annuncia il legale Daniele Bocciolini

Redazione

Foto di: weinstock

Foto di: weinstock

«Nell'interesse superiore del minore, pur rispettando e dovendosi tutelare le legittime aspettative della famiglia alla quale è stato pre-affidato il neonato, appare evidente il diritto della mia assistita di poter riavere suo figlio». L'annuncio arriva dall'avvocato Daniele Bocciolini, il legale della mamma del neonato abbandonato il 4 novembre scorso a Ragusa. La donna 41enne di Modica vorrebbe riavere il bambino che, nel frattempo, è stato affidato a una famiglia siciliana che non vive nella provincia iblea. «Ci rivolgeremo - assicura l'avvocato - alle istituzioni locali e nazionali, al garante dell'infanzia, al ministero della Giustizia, fino ad arrivare alla Corte europea dei diritti dell'uomo. La signora è intenzionata a tutto pur di riavere suo figlio».

Lo scorso dicembre, il macellaio che aveva raccontato di avere trovato il neonato in un sacchetto di plastica vicino ai bidoni della spazzatura era stato arrestato perché accusato dell'abbandonato di Vittorio Fortunato - così lo hanno chiamato i sanitari dell'ospedale Giovanni Paolo II di Ragusa - il figlio di cui sarebbe venuto a conoscenza solo dopo il parto, avvenuto nel bagno di casa due o tre ore prima. Dopo oltre un mese di arresti domiciliari, il 59enne è poi tornato in libertà. «Il padre naturale, all'insaputa della madre - sottolinea Bocciolini - avrebbe inscenato il ritrovamento. La mamma, al contrario, risulta totalmente estranea alla vicenda tanto che nei suoi confronti è stata formulata richiesta di archiviazione». La donna, che era stata indagata per lo stesso reato, secondo il legale che la assiste, «non ha alcuna colpa».

All'uomo, da cui ha già avuto una bambina che adesso ha tre anni, lei avrebbe chiesto di lasciare il neonato in ospedale. «Sin dalle prime ore - aggiunge Bocciolini - ha ammesso di essere la mamma del neonato, ha manifestato la volontà di poterlo riabbracciare e ha provveduto formalmente al riconoscimento del proprio figlio». Al momento, la richiesta di sospensione e di revoca del provvedimento di adottabilità del bambino è stata rigettata. Per l'avvocato, però, «la madre biologica si trova sia nelle condizioni economiche, familiari e affettive per potere provvedere al minore».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×