Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Caronia, «Viviana e Gioele morti per asfissia dentro un pozzo»
Consulenti ipotizzano un depistaggio e chiedono altre indagini

Il team di tecnici messo in campo dagli avvocati di Daniele Mondello ha depositato una relazione alla procura di Patti. La loro tesi esclude l'ipotesi omicidio-suicidio e si basa, invece, su una «macabra messinscena organizzata da una combinazione criminale»

Marta Silvestre

«Viviana e Gioele sono precipitati (caduti o lanciati, ancora non si sa) in un pozzo con circa 50 centimetri di acqua e sono morti per asfissia. Tirati fuori, sono stati oggetto di una macabra messinscena per un depistaggio». È questa la conclusione a cui sono arrivati i consulenti degli avvocati Claudio Mondello e Pietro Venuti che assistono Daniele Mondello, il marito di Viviana Parisi e padre del bambino di quattro anni. Entrambi trovati cadaveri tra i boschi di Caronia, lo scorso agosto, dopo l'incidente nella galleria Pizzo Turda lungo l'A20 Messina-Palermo con un furgoncino di tecnici della manutenzione autostradale

«Nessuna uccisione del piccolo da parte della madre, nessun suicidio, nessun lancio dal famoso traliccio». Nella relazione anticipatoria depositata alla procura di Patti, in attesa dei risultati delle attività info-investigative, il team di esperti ipotizza si sia trattato di una «abile messinscena organizzata da una combinazione criminale motivata e coinvolta tramite la traslazione dei cadaveri in zone sensibili proprio per inscenare il suicidio o la disgrazia e allontanare da sé ogni responsabilità». Stando alla ricostruzione del pool di esperti di parte, madre e figlio sarebbero finiti contemporaneamente nel pozzo, nella cisterna o nell'invaso. «Poi i due corpi, in tempi diversi, sono stati estratti dal fondo del pozzo con le mani e con appositi strumenti da parte di qualche soggetto ignoto». Prima Viviana, tra la tarda sera del 3 agosto e la mattina del 4, dopo Gioele che non si esclude sia stato «conservato in un contenitore di plastica e poi posizionato sul luogo del rinvenimento», dove il corpicino è stato straziato da animali selvatici

Una tesi che, stando a quanto ricostruito dai consulenti, sarebbe supportata da diversi elementi: lo stato dei corpi; la colorazione rosa dei denti; l'assenza di tracce di Viviana sul traliccio ai piedi del quale è stato ritrovato il suo cadavere dopo giorni di ricerche (nonostante un drone lo avesse ripreso ad appena 24 ore dalla scomparsa); l'impossibilità che la donna abbia percorso il tragitto fino al bosco (perché, come si legge nella relazione, «si sarebbe procurata graffi al volto, alle mani, alle gambe e avrebbe lasciato tracce su qualche rovo») e che si sia arrampicata sul traliccio («di metallo rovente, scivoloso, con rovi spinosi e pungenti, senza lasciare tracce»). Gli esperti di parte escludono, dunque, l'ipotesi di un omicidio-suicidio sostenuta da chi ha puntato tutto sul certificato medico (che attesta paranoia e crisi mistiche) ritrovato nell'auto di Viviana. Tra le richieste investigative dei tecnici del team, adesso, c'è quella di un ulteriore sopralluogo sui luoghi del rinvenimento dei cadaveri; di un ulteriore accesso ai corpi con l'autorizzazione all'uso delle apparecchiature laser 3D; attività investigative per individuare tutti i pozzi, le cisterne e i bacini artificiali (di proprietà e non) della zona per ispezionarli

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×