Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

«Unioni omosessuali contronatura, dovrebbero vergognarsi»
Arcigay: «Quello del prete di Barrafranca è discorso d'odio»

«La famiglia è fondata sull'unione di un uomo e una donna». Durante un'omelia è don Salvatore Nicolosi ad avere pronunciato queste parole. Il sindaco Fabio Accardo non vuole «entrare in polemica» ma non prende le distanze. Guarda il video

Marta Silvestre

«La famiglia è fondata sull'unione di un uomo e una donna. Ogni altro tipo di unione è contronatura. Si vantano oggi di quello di cui dovrebbero vergognarsi». Fa lunghe pause di riflessione, mentre parla durante l'omelia, padre Salvatore Nicolosi, il parroco della chiesa Maria madre della divina Grazia di Barrafranca, in provincia di Enna. «Contronatura» è la parola che scandisce più lentamente nel sermone durante la celebrazione della festa della Santa famiglia, la scorsa domenica 27 dicembre. 

«Non c'è nulla di "contronatura" nelle nostre unioni - è la replica di Armando Caravini, il presidente di Arcigay - Ancora una volta, occorre ribadirlo. Anche l'Organizzazione mondiale della Sanità - sottolinea Caravini - ha definito l'omosessualità come "una variante naturale del comportamento umano"». Nelle parole di padre Nicolosi, invece, per le "varianti" non c'è spazio e il concetto di famiglia resta solo quello tradizionale. Lo scorso ottobre anche Papa Francesco aveva aperto alle unioni civili per le coppie gay: «Gli omosessuali sono figli di Dio e hanno diritto a una famiglia. Quello che dobbiamo fare è una legge sulle unioni civile. In questo modo sono coperti legalmente». Un'apertura da cui il prete barrese sembra essere rimasto piuttosto lontano. «Quello del sacerdote è un discorso d'odio che crea inutili divisioni all'interno della comunità e che rischia di provocare dolore alle persone Lgbtq+ e alle loro famiglie».

«Non voglio entrare nel merito della polemica», precisa subito il sindaco di Barrafranca Fabio Accardo contattato da MeridioNews. Il primo cittadino, ieri sera, ha fatto un video in diretta sulla pagina Facebook istituzionale durante il quale, dopo avere dato qualche informazione sui numeri del Covid-19, ha affrontato la questione. Senza prendere posizione e senza prendere le distanze dalle parole del sacerdote. «Il parroco - ha detto nel video pubblicato sui social - parla della famiglia naturale uomo-donna. Anziché sparare a zero sono andato a leggere l'enciclica di Papa Francesco Fratelli tutti». Per diversi minuti, il primo cittadino ha poi letto in diretta un commento al documento papale. «Anziché fare polemiche, invito tutti alla lettura per costruire la conoscenza e l'identità», conclude Accardo. 

«È singolare che il sindaco prenda le difese del parroco - lamentano da Arcigay - nascondendosi dietro l'ipocrisia della libertà di pensiero, leggendo persino un'enciclica e dimenticando che rappresenta un'istituzione laica e non il Vaticano». Il primo cittadino non era presente durante la celebrazione di padre Nicolosi «perché quella non è la mia parrocchia. Prima di fare la diretta avevo visto il video solo di sfuggita - commenta il sindaco a MeridioNews - Ho cercato di fare calmare i toni sulla vicenda e di invitare tutti a una riflessione più profonda». Alla domanda se non trovasse giusto prendere le distanze dalle parole del sacerdote, il primo cittadino ha risposto precisando che «le omelie non passano al vaglio dell'amministrazione. "Vergogna" e "contronatura" sono espressioni infelici. Vorrei anche parlare con il vescovo, prima di prendere una mia posizione - aggiunge il sindaco - Intanto, invito il parrocco a rivedere un poco le sue». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×