Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

I clan mafiosi di Siracusa con il reddito di cittadinanza
Oltre 200mila euro già riscossi, denunciati 24 soggetti

I finanzieri hanno concluso l'indagine che ha interessato circa cento nuclei familiari. Undici persone che hanno percepito il sostegno economico sono risultate sottoposte a misure restrittive per mafia, estorsione, traffico di droga, tentato omicidio e rapina

Redazione

Foto di: protagonisti

Foto di: protagonisti

Oltre 200mila euro di reddito di cittadinanza sono andati a 24 soggetti che non ne avrebbero avuto diritto perché in carcere, con condanne definitive, o con familiari detenuti. Undici di loro, in particolare, sono appartenenti a noti clan mafiosi della città e della provincia di Siracusa e risultano sottoposti a misura restrittiva per i reati di associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, tentato omicidio e rapina

I finanzieri del comando provinciale di Siracusa hanno concluso l'indagine (che ha interessato circa cento nuclei familiari della provincia aretusea) e denunciato i 24 soggetti che hanno omesso di dichiarare situazioni soggettive che costituiscono cause di esclusione dall'accesso alla misura di sostegno. Tra i requisiti di compatibilità l’assenza di uno stato di detenzione e di condanne definitive nei dieci anni precedenti di chi ne fa richiesta. Se a essere sottoposto a detenzione o condanna è un componente del nucleo familiare del richiedente, il sostegno economico è ridotto secondo parametri prefissati dalla norma. 

In questo caso: tre soggetti non hanno comunicato la carcerazione; tre non hanno comunicato condanne definitive nei dieci anni precedenti; 13 familiari di detenuti hanno omesso di indicare la condizione detentiva del componente del nucleo familiare ottenendo un sostegno economico senza riduzioni; cinque familiari di condannati non hanno comunicato le condanne definitive di un componente del nucleo familiare nei dieci anni precedenti la richiesta.

Tutte le posizioni illecite sono state segnalate alla procura di Siracusa e all’Inps per la revoca e il recupero del beneficio economico. L’importo complessivo delle somme indebitamente elargite, di cui è stato chiesto il recupero, ammonta a oltre 200mila euro: sarà interrotta, nel contempo, l’erogazione del sussidio che avrebbe altrimenti comportato, fino al termine del periodo di erogazione della misura, un’ulteriore perdita di risorse pubbliche di circa 135mila euro

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×